NEWS

Renault Alaskan: il nuovo pick-up “globale”

1 luglio 2016

Destinato a tutti i mercati mondiali il nuovo Renault Alaskan, “cugino” del Nissan Navara, verrà prodotto in Messico, Argentina e Spagna.

Renault Alaskan: il nuovo pick-up “globale”

ALLARGAMENTO DI OFFERTA - La Renault ha presentato in Colombia il suo nuovo pick-up Alaskan, derivato dal concept esposto al salone di Parigi del settembre 2015 e realizzato sulla base del Nissan Navara. Con la sua portata utile di una tonnellata, il nuovo modello rappresenta per la Renault un ampliamento della sua offerta, che già comprende il Renault Duster Oroch, in grado di trasportare un carico di mezza tonnellata. Il nuovo Renault Alaskan inizia la sua carriera in Sudamerica, per la precisione dalla Colombia, per poi allargare la sua presenza ai mercati mondiali. La produzione è stata avviata nella fabbrica della Renault di Cuernavaca, in Messico. L’Alaskan verrà successivamente fabbricato anche a Barcellona, in Spagna, e a Cordoba, in Argentina.

PER LAVORARE E PER IL TEMPO LIBERO - Il Renault Alaskan si presenta con la doppia personalità tipica della categoria: mette a disposizione grandi libertà di movimento e capacità di carico per gli impieghi professionali, ma al tempo stesso è un ottimo compagno per le attività sportive nel tempo libero. Ciò dà luogo alla sua immagine che unisce robustezza e versatilità, con il frontale ben curato, dove domina la grande calandra arricchita di ampie parti cromate. Il tutto è “unito” da un motivo trasversale che collega i due gruppi ottici. Quanto al cofano motore, contribuisce a conferire personalità al modello grazie alle sue vistose nervature longitudinali capaci da creare un’immagine “robusta”. Elemento importante del Renault Alaskan - per l’estetica e per la funzionalità - è l’abbondante altezza minima da terra, di 23 cm. Per il pick-up Alaskan la Renault ha anche previsto una sospensione posteriore multilink a 5 bracci. Sarà adottata sulle versioni a doppia cabina.

I MOTORI - La gamma motori comprenderà diverse unità del gruppo Renault, ma il fulcro della gamma Alaskan sarà il 4 cilindri 2.3 dCi twin-turbo (una turbina più piccola per i bassi regimi e una più grande per gli alti). Questo propulsore viene già utilizzato sul furgone Renault Master e sul pick-up Alaskan sarà disponibile con potenza di 160 e 190 CV. Gli altri propulsori della gamma Alaskan sono il 2.5 a benzina da 160 CV e il 2.5 diesel anch’esso con potenza di 160 e 190 CV. 

4X4 VERSATILE - Quanto alla trasmissione, il Renault Alaskan è previsto con un sistema a quattro ruote motrici, utilizzabili in tre modalità diverse: con la trazione affidata alle sole ruote posteriori; con la trazione integrale in modalità 4H, inseribile a velocità fino 60 km/h (e ad inserimento avvenuto, senza mai superare i 100 km/h); la modalità 4LO, che si può inserire soltanto a veicolo fermo, per le situazioni più difficili. L’equipaggiamento tecnico del Renault Alaskan include anche il differenziale posteriore autobloccante, anch’esso per i passaggi “estremi”. Per il cambio è prevista l’offerta del cambio manuale a 6 marce e dell’automatico a 7 rapporti.

BUON EQUIPAGGIAMENTO TECNOLOGICO - Notevole è anche la dotazione dell’Alaskan. La Renault ha annunciato la possibilità di disporre del sistema di telecamere che coprono tutto quanto circonda il veicolo, a 360 gradi), mentre per l’assistenza alla guida l’Alaskan offre il sistema che controlla la velocità in discesa e aiuta il conducente nelle partenze in salita.

Renault Alaskan
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
8
5
14
11
21
VOTO MEDIO
2,5
2.457625
59
Aggiungi un commento
Ritratto di faustopeano94
1 luglio 2016 - 12:46
Ho il presentimento che chi ieri guidava Golf, oggi guida Tiguan, domani guiderà Amarok perchè sara cool avere il pick-up più grosso più da figo! Se i parcheggi già scarseggiano con questi bestioni per le strade addio!
Ritratto di BETTER
1 luglio 2016 - 18:49
Il pick-up in genere mi è sempre piaciuto molto, pensarmi alla guida con un cappellaccio di paglia a tesa larga ed una camicia a quadrettoni, mentre nel cassone sgambetta un vitello legato per le zampe... Ma in Italia non credo che andranno mai di moda, tutti i pick-up sono omologati "Autocarro per trasporto di cose" e visto che la normativa in tal senso è molto restrittiva e poco chiara, l'automobilista medio viene sconsigliato a camprarne dagli assicuratori di "fiducia"...
Ritratto di dragomic
1 luglio 2016 - 13:43
1
Piccolo ma ben fatto la base è buona.
Ritratto di Alessandro Sorvino
1 luglio 2016 - 16:43
Senti amico, tu co sto Discovery hai un tantino rotto!!! Per carità, è una bellissima macchina, ma non la compro per sentirmi importante!!!
Ritratto di Alessandro Sorvino
1 luglio 2016 - 16:46
*comprerò
Ritratto di fiattaro
2 luglio 2016 - 07:39
e cosa ci vuoi fare.
Ritratto di Alessandro Sorvino
2 luglio 2016 - 14:06
Hai ragione! È solo un buffoncello ignorante che bada solo alla moda e all'apparenza piuttosto che alla reale utilità!!! Io sono un amante del Discovery, (e ne sono fiero) ma se questo maleducato si crede il BOSS "prendendo in giro" qualsiasi tipo di auto che non sia il Discovery, (anche i possessori) rischia di farmelo odiare!!!
Ritratto di luperk
3 luglio 2016 - 22:35
con soli 190 cv in effetti, si rischierebbe di farsi superare dagli espace 2.2 dci della precedente generazioni (restando a menzionare scadenti auto franco-anglofoni).
Ritratto di FedericoBentyaga
5 luglio 2016 - 14:46
Queste auto non fatte per correre, ma per avere tanta coppia per trasportare mezza tonnellata di roba sul cassone.
Ritratto di Zac79
1 luglio 2016 - 22:40
3
Bello da vedere, (il design sul sito renault sembra meglio) in genere mi piacciono i pickup, ma non avendo la partita iva non posso permettermelo. Si vede che gli interni non sono stati ritoccati da V.D. Acker. se avesse avuto l'abitacolo come Talisman mi sarebbe piaciuto di più, tuttavia si può scegliere ancora il motore benzina (per fare i fighetti non guasta)constatando che altri marchi stiano puntando solo sui diesel.
Pagine