Seat Ateca X-Perience: arie da dura

23 settembre 2016

La Seat porterà al Salone di Parigi questa concept basata sulla Ateca, che dimostra le potenzialità di sviluppo del modello per future versioni.

Seat Ateca X-Perience: arie da dura

CARROZZERIA PROTETTA - La Seat Ateca è appena arrivata sul mercato e già la casa spagnola ne presenta una versione speciale, che debutterà al Salone dell’automobile di Parigi, denominata Seat Ateca X-Perience. Non è destinata alla produzione, ma mostra come potrebbe evolversi la gamma della suv in un prossimo futuro, dovesse esseci l'esigenza di un allestimento per chi intende guidarla in fuoristrada. Sul prototipo sono presenti una serie di accorgimenti per meglio riparare la carrozzeria da urti imprevisti, come le nuove protezioni sui fascioni paraurti e profili antigraffio sugli archi passaruota. La Ateca X-Perience ha una dotazione molto ricca, come da tradizione su una vettura “sperimentale”: ci sono i cerchi da 18 pollici (disegnati in maniera specifica), i pneumatici per il fuoristrada, la vernice antigraffio e le protezioni sulle soglie d’accesso all’abitacolo.

TUTTO DI SERIE - Anche l’interno rispecchia la vocazione al fuoristrada, grazie alla scelta di colori più squillanti (le cuciture sono arancio) o ispirati alla natura, come il verde e il caffè. L’equipaggiamento della Seat Ateca X-Perience include i sedili sportivi in pelle scamosciata e placche sui battitacco anteriori personalizzate con il logo X-Perience, in maniera analoga a quanto avviene sulla versione omologa della Leon ST, già in commercio, che prelude un destino simile per la suv. La Seat Ateca X-Perience offre di serie il regolatore di velocità adattivo, l’aiuto alla frenata d’emergenza, il sistema che riconosce i segnali stradali, quello che semplifica i parcheggi e il sistema multimediale con schermo da 8 pollici, che offre le connettività Apple Car Play e Android Auto.

HA IL MOTORE PIÙ POTENTE - Il motore scelto per la Seat Ateca X-Perience è quello più prestazionale oggi nel listino del modello di serie, il 2.0 TDI da 190 CV, che si abbina al cambio automatico doppia frizione a sette marce e alla trazione integrale 4Drive: una frizione di tipo Haldex ripartisce la coppia sulle ruote con maggior presa, mettendo la suv nelle condizioni di superare i tratti di strada con minore aderenza. Non mancano infine il sistema per gestire la velocità in discesa e il Seat Drive Profile, che permette di scegliere una modalità di guida fra le quattro previste (Normal, Sport, Eco, Individual). Questi dispositivi sono disponibili anche sulla Ateca già in vendita.

Aggiungi un commento
Ritratto di Fxx88
23 settembre 2016 - 19:26
3
Bella idea. Speriamo arrivi sui mercati con sistemi specifici per il fuoristrada in modo da diventare qualcosa di più di un banale suv 4x4.
Ritratto di Fr4ncesco
23 settembre 2016 - 19:30
Bello questo allestimento, ma prima devono pensare a regolarizzare i motori.
Ritratto di Enrico1975
23 settembre 2016 - 19:47
I motori euro 6 del gruppo vw risultano i meno inquinanti in mercato dai test effettuati da terze parti.
Ritratto di Fr4ncesco
23 settembre 2016 - 19:57
Per questo hanno stoppato la produzione del 2.0 TDI. Comunque i test non sono stati fatti dalle terze parti, hanno confrontato i rilevamenti delle agenzie governative dei Paesi dove sono state omologate.
Ritratto di ct46
23 settembre 2016 - 20:11
Fr4ncesco non so'come ma per magia il 2.0 TDI trazione integrale risulta a norma.
Ritratto di Max_69_CNG
23 settembre 2016 - 20:36
Il disel del 4x4 è risultato a norma perché usa il catalizzatore che rilascia il liquido AdBlue, mentre sulla trazione anteriore non è stato usato perché pensavano (erroneamente) non servisse dato che questo catalizzatore ha un costo è necessità di un rabbocco ogni 15000 km.
Ritratto di ct46
23 settembre 2016 - 20:50
Max_69 Ma converrai con me che si tratta di una ennesima castroneria del gruppo Vag,che in questo momento mi sembra una "armata brancaleone" piu' che un colosso dell'auto, e lo dico da uno che ha sempre ritenuto Vag un eccellenza nel campo dell'auto.
Ritratto di Max_69_CNG
23 settembre 2016 - 23:24
Concordo che dopo il Diselgate il gruppo vag sembra l'armata Brancaleone e ritengo un errore grave essere arrivati alla commercializzazione dell'Ateca, modello fondamentale per Seat con il 2,0 diesel della trazione anteriore che non ha supeto i test delle emissioni.
Ritratto di Gasswagen
23 settembre 2016 - 20:38
Perché sputa ammoniaca dal tubo, tutti ignoranti eh? Intendano lor signori nel senso letterale della parola (ignoranti)
Ritratto di Fxx88
23 settembre 2016 - 21:28
3
Ancora con sta storia....
Pagine