NEWS

La Sono Motors è in crisi: servono 50 milioni

Pubblicato 03 dicembre 2019

Per alimentare il sogno di vedere su strada l’auto elettrica a energia solare servono 50 milioni entro fine anno.

La Sono Motors è in crisi: servono 50 milioni

SLITTA LA PRODUZIONE - Il recente caso che ha interessato la startup tedesca Sono Motors ribadisce, qualora ce ne fosse ancora bisogno, che quello dell’automobile è un settore complesso e che richiede ingenti investimenti. Il costruttore, che nel 2017 ha annunciato la Sono Sion (nelle foto), l’auto elettrica alimentata anche da pannelli solari, naviga in cattive acque e per portare avanti lo sviluppo del progetto ha bisogno di 50 milioni entro la fine dell’anno. Queste contingenze economiche hanno fatto slittare la messa in produzione della vettura dalla fine del 2020 al 2021. I progetti iniziali prevedevano la costruzione della Sono Sion, nello stabilimento ex Saab di Trollhättan, Svezia, grazie a una collaborazione con la National Electric Vehicle Sweden, NEVS, la compagnia cinese nata dalle ceneri della storica Saab.

SI PASSA AL CROWDFUNDING - A dichiararlo sono gli stessi fondatori in un comunicato abbinato a un video dove chiedono sostegno ai consumatori, i quali possono contribuire alla causa sia mediante una donazione libera, che anticipando l’intero costo della vettura (25.000 euro). Jona Christians, uno dei due fondatori, afferma che per dare un po’ di respiro alla compagnia basterebbe che 2.000 dei 10.000 clienti che hanno prenotato la Sono Sion con caparra, saldassero ora l’intero importo. Questo particolare crowdfunding si contrappone quindi ai classici investimenti che vengono elargiti dai grossi finanziatori, i quali, stando a quanto dichiarato dai fondatori dell’ormai ex startup tedesca, sono troppo legati al mero profitto. Di qui la decisione di puntare dritto al cuore dei consumatori che credono nella mobilità elettrica.

ALIMENTATA ANCHE DAL SOLE - La peculiarità principale della Sono Sion è l’integrazione dei moduli fotovoltaici nell’intera superficie della carrozzeria. Secondo il costruttore tedesco le celle solari sono in grado di aggiungere all’autonomia della batteria fino a 34 km al giorno. La Sion è equipaggiata con un motore elettrico realizzato dalla Continental e dispone di una batteria da 35 kWh della tedesca ElringKlinger. 



Aggiungi un commento
Ritratto di Road Runner Superbird
3 dicembre 2019 - 19:13
Dovrebbero essere proprio sui 10.000 i gretini attestati nel mondo. Se volessero pure dare voce al fiato potrebbero comprare queste 2000 auto.
Ritratto di Giuliopedrali
3 dicembre 2019 - 19:34
Invece secondo me c'era un mercato di appunto ecologisti che in fin dei conti per 25.000 Euro avrebbero posseduto un'auto tra l'altro, si bruttina, ma spettacolare nella sua rarità e unicità, molto pratica anche, però 3 cose: come facevano a non sapere che mancavano "solo" 50 milioni di Euro, cifra che fai su in 2 minuti con una cena di beneficenza... Come facevano a venderla per 25.000 Euro quando è strettamente derivata dalla BMW i3 che già costa molto di più. Terzo: il prototipo era carino nella sua sproporzione, questa versione finale, speravo di serie, è stata inutilmente imbruttita dall'allungamente del corpo vettura e altro.
Ritratto di FOXBLACK
3 dicembre 2019 - 20:22
Produrre auto elettriche costa e se non hai le spalle coperte. ....
Ritratto di Gordo88
3 dicembre 2019 - 20:37
Devi avere un grosso animo green per spendere 25k euro in questo affare.. va bene i pannelli ma la linea é di una tristezza infinita
Ritratto di Giuliopedrali
3 dicembre 2019 - 21:10
Si la linea appunto è stata molto peggiorata rispetto al prototipo che era carino nella sua semplicità. Però ci sarebbe più curiosita che per una Ferrari da parte degli altri, e per 25.000 Euro...
Ritratto di Elix69
3 dicembre 2019 - 21:13
Voglio morire prima di vedere questo "coso" sulle strade....
Ritratto di Jonny1
3 dicembre 2019 - 23:25
Il cruscotto sembra quello di qualche furgoncino/monovolumone di alcuni decenni fa.
Ritratto di Giuliopedrali
4 dicembre 2019 - 09:13
Ma ha il muschio dentro, e appunto si rivolge ad un pubblico ecologista, che non vuole proprio un'auto status symbol, l'idea in se è buona però come hanno fatto ad accorgersi all'improvviso che gli mancavano 50 milioni di Euro, boh.
Ritratto di ziobell0
4 dicembre 2019 - 09:18
cos'ha? i pannelli FV nelle portiere?
Ritratto di desmo3
4 dicembre 2019 - 10:01
andassero a lavorare lasciando progettare e costruire auto ai professionisti... per la serie "oggi chiunque può svegliarsi la mattina e costruire un'auto elettrica"... ed ecco che i sogni lasciano spazio alla dura realtà
Pagine