NEWS

Siena batte Sony: niente simboli del Palio in "Gran Turismo 5"

31 agosto 2010

Dopo le polemiche per violazione dei diritti, il colosso giapponese rimuove dalla riproduzione digitale della città toscana, contenuta nel videogame di guida in uscita a novembre, i riferimenti alla tradizionale corsa a cavallo.

VIOLAZIONE DI COPYRIGHT - Quando sfreccerete a bordo del vostro kart tra la folla di Piazza del Campo, a Siena, non vedrete sventolare le bandiere delle contrade che si sfidano nel tradizionale Palio (foto qui sopra). La Sony computer entertainment ha infatti dovuto cancellare i simboli della corsa equestre che si tiene nel capoluogo toscano dal simulatore di guida Gran Turismo 5, in uscita il tre novembre per la console Playstation3. Il colosso giapponese dell’elettronica ha così accolto le proteste del Consorzio per la tutela del Palio, che aveva minacciato azioni legali contro quella che riteneva una violazione di copyright. “Non è possibile usare le immagini delle contrade, in questo caso le bandiere, senza autorizzazione”, aveva denunciato l’amministratore delegato del Consorzio, Anna Carli, al quotidiano Corriere Fiorentino.

PUBBLICITÀ ADDIO - C’è però anche chi contesta il polverone sollevato dai senesi. Il motivo è semplice: essere presenti in un videogioco che si prepara a scalare le classifiche di vendita mondiali sarebbe stata una bella pubblicità per il Palio. Gratuita, per giunta. Qualcuno maligna che è stato proprio il capitolo economico a fare infuriare il Consorzio: l’utilizzo dei simboli della tradizione senza pagare i diritti di sfruttamento dell’immagine. Eppure Carli era stata categorica: “Vista la non attinenza del videogame con la storia e i riferimenti alla nostra festa, non ne avremmo comunque autorizzato l’utilizzo”.

VENDITE RECORD - E dire che la Sony non ha badato a spese nello sviluppare l’ultimo capitolo di uno dei suoi cavalli di battaglia, riversando nell’operazione 60 milioni di dollari. Naturale che ci si aspetti vendite record. Tanto più che dalla sua prima uscita, nel 1998, la serie Gran Turismo ha complessivamente già venduto oltre 55 milioni di copie in tutto il mondo.

Aggiungi un commento
Ritratto di Zack TS
31 agosto 2010 - 16:24
1
che pignoli sti senesi.....anche se un permessino quelli della sony lo potevano anche chiedere
Ritratto di Abominable Snow Tux
31 agosto 2010 - 16:29
pubblicità gratuita a siena è un'occasione persa!!! ok la sony, avrebbe dovuto avvisare, però piuttosto di nulla!!! Anzi a pensarci bene forse deve essere siena a pagare la sony... pensate: con tutti quei gran turismo venduti, sarà una pubblicità enorme! E se pensiamo a certi circuiti come laguna seca, e auto come la nissan skyline, queste sono diventate famosi grazie a questo gioco!!!
Ritratto di Guido S
31 agosto 2010 - 16:33
Ci sono città che si sognerebbero una bella pubblicità gratuita e Siena si perde un'occasione d'oro......affari loro!
Ritratto di apm
31 agosto 2010 - 16:46
Meglio, preferisco avere un gioco senza riferimenti piuttosto che dei rompipalle per qualche bandiera colorata...
Ritratto di s4
31 agosto 2010 - 16:47
bravi...non possiamo sempre svenderci così in nome del dio denaro, siena non ha bisogno dei giapponesi per farsi conoscersi nel mondo..ci pensa già la brambilla..
Ritratto di liinkss
1 settembre 2010 - 10:17
9
Era sarcastico immagino
Ritratto di audi94
1 settembre 2010 - 11:24
1
ahahahahahahahahah XDXDXD
Ritratto di bananajoe24
31 agosto 2010 - 17:28
non sono senese,ma vivo a siena,ed è il posto più bello d'italia.............i giapponesi hanno toccato un tasto che non dovevano toccare..............valori che voi neanche vi immaginate.
Ritratto di apm
31 agosto 2010 - 22:55
Capirai, le hanno usate per abbellire uno sfondo simbolo di una città e renderlo più realistico possibile, manco a dire che hanno usato sti simboli in un gioco dove si mandano a fuoco ste bandiere deridendo la storia del palio, e che sarà mai una manciata di pubblicità in più, e per giunta gratis
Ritratto di Flaney
31 agosto 2010 - 17:35
Flaney ysa Gran Turismo ogni giorno... che piacere ritrovarselo anche qui!
Pagine