SsangYong SIV-2: futura suv media

3 marzo 2016

La casa coreana a Ginevra espone la concept SIV-2 che prefigura un modello di produzione di medie dimensioni.

SsangYong SIV-2: futura suv media
COMPATTA AMBIZIOSA - La SsangYong ci prende gusto. Dopo la suv Tivoli presentata l’anno scorso, la casa coreana facente capo alla indiana Mahindra, al Salone di Ginevra ha portato una nuova proposta ancora nel settore delle suv. Si chiama SsangYong SIV-2 (Smart Interface Vehicle) e le misure la collocano nella fascia media della categoria. È lunga 444 cm, larga 186 e alta 164. Il passo è di 267 cm. Quanto allo stile, è quello oggi di tendenza, con profilo rastremato e look sportiveggiante. La concept SsangYong SIV-2 è lo sviluppo creativo della SIV-1 presentata dalla SsangYong al Salone di Ginevra di due anni fa e come collocazione mira decisamente all’ambito del lusso, sia nell’impronta del design esterno che nell’interno, dove abbondano le idee originali. Da notare che la SsangYong scrive che la concept SIV-2 rappresenta un elemento chiave nella strategia della casa.
 
ISPIRATA ALLA NATURA - La linea della SsangYong SIV-2 è filante e dinamica. Secondo gli stilisti della casa “trae origine dalla natura” e “si ispira al lavoro di modellazione delle rocce”. Suggestioni a parte, il risultato è un profilo filante e moderatamente aggressivo, con una buona componente di eleganza. Nella parte anteriore il frontale della SIV-2 si presenta come la somma di due corpi di grande personalità. Quello superiore dominato dai gruppi ottici dalla forma molto netta e soprattutto uniti tra di loro da un elemento che conferisce unitarietà all’insieme. C’è poi il più complesso corpo inferiore, dove a farla da protagonista sono le due prese d’aria laterali, di forma trapezoidali e piuttosto vistose. Il cofano motore presenta diverse nervature che regalano una personalità spiccata e evocano un senso di robustezza, così come le modanature nelle fiancate. In quest’ultimo caso colpisce l’andamento curvilineo del rilievo, abbastanza contrastante con il resto del design, piuttosto ortogonale in ogni suo elemento.
 
 
ABITACOLO FUORI DAGLI SCHEMI - Nell’abitacolo della SsangYong SIV-2 il tono della vettura è dato dalla scelta compiuta per i sedili: tutti singoli, con “guscio” molto essenziale e in vista. Una soluzione assolutamente insolita che si fa notare. Oltre a ciò, le intenzioni “luxury” della casa sono rese esplicite dalla scelta dei materiali, tutti di qualità, e dall’equipaggiamento completo in termini di sistemi di assistenza alla guida e infotainment, con connessione per tutti gli occupanti della vettura.  
 
DUE IPOTESI PER IL MOTORE - Per l’aspetto motoristico, la SsangYong SIV-2 è prevista sia con un’unità a benzina che in versione diesel. Nel primo caso si tratta di un 4 cilindri 1.5 a iniezione diretta di benzina turbo da 160 CV e 260 Nm di coppia, mentre per la scelta diesel c’è un 4 cilindri 1.6 turbo da 135 CV e 320 Nm. Il cambio è previsto sia manuale che automatico, in entrambi i casi a 6 marce. Il motore termico è poi integrato da un’unità elettrica da 10 kW alimentato da batterie al litio. Ne deriva un sistema ibrido leggero, che assicura consumi ed emissioni contenuti.


Aggiungi un commento
Ritratto di alex_rm
4 marzo 2016 - 00:17
Esteticamente meglio dell Tivoli,il design sara stato opera di Pininfarina che e stato appena comprata dall' indiana Mahindra di cui fa parte Ssangyong.
Ritratto di DamуAno
4 marzo 2016 - 11:43
bellissima, si avvicina molto allo splendore della freemont, finalmente una rivale degna, non come la bruttissima macan. saluti
Ritratto di PopArt
4 marzo 2016 - 13:09
Molto molto bella, forse è la prima volta che lo dico per un'auto coreana.
Ritratto di monodrone
4 marzo 2016 - 14:01
SsangEvoc