NEWS

Super Ecopass di Milano: si decide a settembre

17 giugno 2011

Con il referendum, i milanesi hanno detto sì al super Ecopass: estensione dell’area del ticket dalla cerchia dei Bastioni a quella filoviaria, e pagamento per tutti. La nuova giunta Pisapia dovrà decidere entro settembre, quando scadrà l’Ecopass ereditato dalla Moratti.

SERVE UNA DELIBERA - I milanesi hanno detto sì al super Ecopass. Il referendum (del 12 e 13 giugno) per ridurre traffico e smog attraverso il potenziamento dei mezzi pubblici, l’estensione dell’area ticket e la pedonalizzazione del centro di Milano ha visto l’affluenza del 49% dei cittadini (il quorum necessario era del 30%): 488.836 votanti su 997.623 aventi diritto. Favorevole il 79,12% della popolazione (373.997), contraria il 20,88% (98.714). In particolare, il sì riguarda l’estensione del pedaggio a tutte le auto (escluse quelle a emissioni zero) e l’allargamento progressivo del sistema di accesso a pagamento dalla cerchia dei Bastioni a quella filoviaria. Ora la “patata bollente” passa nelle mani del neosindaco di Milano, Giuliano Pisapia, perché l’Ecopass (nato nel 2008) ereditato dall’ex numero uno cittadino Letizia Moratti, scadrà a settembre, quando servirà una nuova delibera.

QUATTRO SCENARI - Si sta analizzando la relazione finale dei saggi incaricati dalla Moratti. Le ipotesi cui sta lavorando la giunta Pisapia sono quattro. 1) Lasciare l’Ecopass nei limiti attuali della cerchia dei Bastioni, incrementando le tariffe. 2) Area identica a ora ma facendo pagare tutti i veicoli. 3) Estendere l’Ecopass alla cerchia filoviaria, incrementando le tariffe attuali. 4) Super Ecopass: allargato e facendo pagare tutti i veicoli (forse cinque euro). Risultato previsto con quest’ultima soluzione estrema: meno 115.000 auto e furgoni, riduzione del traffico del 14% nella zona ticket, e del 6% in città, emissioni nocive in calo dell’11%, un aumento dei passeggeri sui mezzi pubblici del 9% (90.000 in più).

CAUTELA - A parte le considerazioni sui benefici a livello di traffico e smog, la giunta Pisapia terrà ovviamente conto delle possibili conseguenze del super Ecopass per i pendolari, milanesi e no. Serve una rete di trasporto più efficiente. A tale proposito, non regge molto il confronto con Londra, dove il pedaggio per il centro esiste dal 2003. Nella capitale inglese, la zona sottoposta a ticket è, in proporzione, più piccola rispetto a quella di Milano. E il servizio di trasporto pubblico londinese (numerose linee di metropolitana) è molto esteso ed efficiente: non altrettanto quello milanese.

Aggiungi un commento
Ritratto di bombolone
17 giugno 2011 - 13:35
porti consiglio...
Ritratto di Mister Grr
17 giugno 2011 - 13:55
ZTL e superpotenziamento a bestia del servizio pubblico (basti a pensare al passante di milano con le linee S cosa ha fatto), quello serve a milano, altro che ecopass!
Ritratto di DaveK1982
17 giugno 2011 - 15:07
7
ztl con accesso ai soli residenti e potenziamento servizi pubblici. Molto più serio dell'ecopass.
Ritratto di SAUZER75
17 giugno 2011 - 14:44
Peccato che in quella domanda del referendum "beffa" conteneva ben 5 risposte distinte di cui una per l'ecopass, le altre risposte riguardavano all'aumento degli alberi, delle zone verdi e parchi pubblici., costruzione di piste ciclabili e pedonalizzazione del centro e cosi' via. E' ovvio che chi vuole piu' verde ha votato si, ma visto che nelle risposte includeva anche l'allargamento area ecopass di conseguenza e' stato votato si anche a quello. Ora...se volevano fare le cose fatte per bene avrebbero dovuto fare una scheda a parte (visto che gia' ernao 4 potevano farne 5 di schede) con l'appostita domanda...Volete voi l'estensione Ecopass fino alla cerchia esterna? SI o NO. vOLEVO VEDERE QUANTI milanesi votavano SI, Ma visto che qui tutto serve a far cassa, sopratutto sugli automobilisti, il giochetto e' stato fatto passare in sordina. Curioso...pero' che stanno prevedendo di aumentare il prezzo dei biglietti dei mezzi pubblici. Curioso anche il fatto che Pisapippa nel suo programma abbia scritto che l'Ecopass non e' servito a nulla e che andrebbe eliminato. Ma e' ovvio prima delle elezioni si vende oro colato, cosi' come la Moratti che condonava tutte le multe e toglieva le strisce blu!!
Ritratto di trap
17 giugno 2011 - 15:36
Credo anch'io che se ci fosse stata una scheda a parte, quasi nessuno avrebbe votato a favore dell'ecopass. Penso però che le cose siano state volutamente accorpate perchè per fare tutte le altre cose servono soldi, e l'ecopass è ciò che finanzierà le iniziative. Se aumentasse il biglietto urbano (come dici) sarebbe contraddittorio, perchè andrebbe nel verso contrario a ciò che si vuole fare, ovvero svantaggiare le auto a favore dei mezzi pubblici.
Ritratto di Marcolino
17 giugno 2011 - 17:04
7
Ecco il quesito del Referendum n° 1 al quale i milanesi hanno detto sì (me compreso): Oggetto: Richiesta di referendum consultivo d’indirizzo per ridurre traffico e smog attraverso il potenziamento dei mezzi pubblici, l’estensione di “ecopass” e la pedonalizzazione del centro “Volete voi che il Comune di Milano adotti e realizzi un piano di interventi per potenziare il trasporto pubblico e la mobilità “pulita” alternativa all’auto, attraverso l’estensione a tutti gli autoveicoli (esclusi quelli ad emissioni zero) e l’allargamento progressivo fino alla “cerchia ferroviaria” del sistema di accesso a pagamento, con l’obiettivo di dimezzare il traffico e le emissioni inquinanti. In particolare gli interventi richiesti sono: a. il raddoppio entro il 2012 dell’estensione delle aree pedonali, sia in centro che in periferia, comprendendo per lotti l’intera area della Cerchia dei Navigli a partire dal “Quadrilatero della moda”; b. il raddoppio entro il 2012 delle aree a traffico moderato (zone a 30 Km/h) e la realizzazione di interventi per la sicurezza stradale dei quartieri residenziali; c. la realizzazione entro il 2015 di una rete di piste ed itinerari ciclabili integrati e sicuri di almeno 300 km ed il raddoppio entro il 2012 degli stalli di sosta per le biciclette; d. la protezione e “preferenziazione” di tutte le linee di trasporto pubblico entro il 2015, in modo da aumentarne velocità e regolarità; e. l’introduzione in tutta la città, a partire dalle aree periferiche, di un servizio diffuso diurno e notturno di “bus di quartiere” in collegamento con le principali fermate del trasporto pubblico, senza costi aggiuntivi rispetto al titolo di viaggio; f. l’estensione sull’intero territorio cittadino del servizio di bike sharing, raggiungendo 10.000 bici entro il 2012 e del servizio di car sharing raggiungendo 1.000 auto elettriche entro il 2012; g. il prolungamento dell’orario di servizio delle linee metropolitane fino alle ore 1.30 tutte le notti; h. il potenziamento del servizio taxi mediante il ripristino del secondo turno che garantisca fino a 8 ore aggiuntive di servizio (“seconda guida”); i. il ripristino del divieto di circolazione e carico e scarico merci nella Cerchia dei Bastioni nelle fasce orarie di picco del traffico mattutine e pomeridiane e la promozione di un sistema di trasporto condiviso con veicoli elettrici; j. l’estensione della regolamentazione della sosta in tutta l’area compresa all’interno della “cerchia filoviaria” e nelle aree circostanti gli assi delle metropolitane, con esclusione del pagamento dei soli residenti e per i veicoli ad emissioni zero; k. incentivi a sostegno del trasporto pubblico. Per il piano di interventi è prevista una spesa massima aggiuntiva rispetto a quanto già iscritto a bilancio comunale pari a 60 milioni di euro all’anno, che sarà coperta mediante l’incremento delle entrate da accesso, con una tariffa giornaliera di 5 euro per i veicoli per trasporto persone (prevedendo agevolazioni per i residenti) e di 10 euro per i veicoli per trasporto merci, e della sosta, da inserire con apposita variazione di bilancio o comunque nel primo bilancio utile.
Ritratto di P206xs
17 giugno 2011 - 15:34
Vorrei sputare negli occhi a tutti quegli imbecilli che senza manco leggere hanno votato Si a tutto!!!!e che hanno votato per l'ampliamento dell'ecopass!!! così se devo passare a prendere la mia ragazza devo pagare......se sto da lei devo pagare la sosta......TANTO VALE CHE MI AFFITTO LA CASA DI FIANCO, tra un po ci faranno pagare pure l'aria che respiriamo visto che poi emettiamo co2!!!
Ritratto di lorenzomilano
17 giugno 2011 - 20:07
speriamo che potenzino di paripasso i mezzi pubblici, così passi a prendere la tua ragazza in autobus e risparmi sulla benzina!! p.s. ho il tuo stesso "problema" e ho votato lostesso per il SI, con la speranza che milano cresca. anche se premetto che l ecopass è la tassa più inutile che ci possa essere..però se è questa la tassa da pagare per un futuro miglioramento non si può fare altro.
Ritratto di geko88
18 giugno 2011 - 01:03
sì e poi prima di riportarla a casa chiedi gentilmente all'autista di abbassare le luci...
Ritratto di P206xs
18 giugno 2011 - 09:40
e proprio bello girare sui mezzi a milano pieni di gente di M ......che puzza e che importuna le ragazze....voglio vedere in quanti prendono la metro di notte (parlo per le donne)e in più sono sempre stra pieni!! e se poi voglio andare al lago che faccio prendo i mezzi per prendere la macchina parcheggiata in periferia e poi vado al lago......Il problema sono le caldaie delle case ancora molte a gasolio!! con la storia dell'ecologia ci stanno a piglià per il C....
Pagine