NEWS

Tesla Model Y: è online il configuratore

22 marzo 2019

I prezzi per l'Italia partono da 57.000 euro per la Long Range a motore singolo. Consegne a partire dall'inizio del 2021.

Tesla Model Y: è online il configuratore

TRE VERSIONI - La Tesla ha aperto il configuratore italiano della Tesla Model Y, la suv di medie dimensioni sorella minore della Model X. Così come da tradizione, il configuratore è accessibile direttamente dal sito web dell’azienda e tutto l’iter dell’ordine avverrà esclusivamente online. La Model Y sarà disponibile in tre versioni: Long Range a motore singolo, Dual Motor a trazione integrale e la variante Performance. La Long Range con motore singolo ha un’autonomia di 540 km e un prezzo di listino di 57.000 dollari, la Dual Motor, con doppio motore e trazione integrale, ha un’autonomia di 505 km e un prezzo di 61.000 euro, e la prestazionale Performance, la più performante, costa 70.000 euro e ha un’autonomia di 480 km.

LE PRESTAZIONI - Dal punto di vista delle prestazioni la Performance, anch’essa a trazione integrale, ha un’accelerazione da 0 a100 km/h in 3,7 secondi e una velocità massima di 241 km/h. La differenziano dalle altre due versioni anche i cerchi in lega da 20”, un impianto frenante maggiorato, lo spoiler in fibra di carbonio, le sospensioni ribassate, il pedale in lega di alluminio e la modalità track, che permette un miglior controllo della coppia motrice anche in curva. Anche le versioni Long Range e Dual Motor possono contare su ottime prestazioni; la Longe Range può infatti scattare da 0 a 100 km/h in 5,8 secondi e ha una velocità massima di 209 km/h, la Dual Motor, invece, ha uno scatto da 0 a 100 km/h di 5,1 secondi e una velocità massima di 217 km/h.

POCHE PERSONALIZZAZIONI - Le possibilità di personalizzazioni esterne della Tesla Model Y, così come per la berlina Model 3, sono ridotte. Oltre ai colori nero pastello (di serie), l’acquirente può scegliere il grigio metallizzato, il blu oceano metallizzato, entrambi al sovrapprezzo di 1600 euro, il bianco perla micalizzato a 2100 euro ed il rosso micalizzato a 2700 euro. Inoltre c’è la possibilità di montare dei cerchi in lega Sport, da 19”, al prezzo di 1600 euro (gli standard da 18” sono di serie). Il tetto in vetro oscurato con protezione dai raggi UV e infrarossi è di serie su tutte le versioni. Anche per gli interni, le opzioni di personalizzazione della suv Model Y sono ridotte. La Model Y, così come la Model X, offre la possibilità di avere 7 posti; aggiunta che costa 3200 euro. Il colore standard della selleria è nero; per avere gli interni in bianco è necessario sborsare 1050 euro in più.

LA DOTAZIONE DI SERIE - Decisamente ricca la dotazione di serie della Tesla Model Y, che per tutte le versioni prevede: sedili anteriori e posteriori riscaldati regolabili elettricamente in 12 posizioni, tre sedili della seconda fila ribaltabili singolarmente, impianto audio premium con 14 altoparlanti, 1 subwoofer, 2 amplificatori, sistema multimediale con mappe satellitari con navigazione e visualizzazione del traffico in tempo reale, contenuti multimediali streaming via internet, navigazione internet, apertura automatica del garage basata sulla posizione, fendinebbia a LED, specchietti retrovisori riscaldati, ripiegabili elettricamente e fotocromatici, musica e contenuti multimediali tramite Bluetooth, profili di guida personalizzati, console centrale con portaoggetti, 4 porte USB e base per 2 smartphone. 

NON MANCA L’AUTOPILOT - Sulla Tesla Model Y non manca ovviamente la possibilità di aggiungere il sistema avanzato di assistenza alla guida Autopilot, che sarà disponibile in due versioni, standard e potenziata. La versione standard, che costa 3500 euro (4600 se aggiunto dopo la consegna), consente alla vettura di sterzare, accelerare e frenare automaticamente in base alla presenza di altri veicoli e di pedoni nella corsia di marcia. La versione potenziata, che costa 5700 euro (7800 se aggiunto dopo la consegna), ha in più la funzione navigazione con Autopilot, che permette all’auto di prendere uno svincolo direttamente con la guida automatica, il parcheggio automatico, parallelo e perpendicolare, Summon, con il quale si può chiamare l’auto consentendo ad essa di raggiungere l’utente all’interno di un parcheggio, il riconoscimento e la risposta ai semafori e ai segnali di stop, la guida automatica nelle strade cittadine.

SI PUÒ PRENOTARE - Per prenotare la Tesla Model Y è necessario versare una caparra di 2000 euro, che sarà totalmente rimborsabile. Le consegne sono previste a partire dall'inizio del 2021, un anno dopo quelle della versione Standard Range.

Tesla Model Y
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
12
10
5
7
17
VOTO MEDIO
2,9
2.862745
51


Aggiungi un commento
Ritratto di Gwent
22 marzo 2019 - 20:17
Accidenti sembra il Kinder Gran Sorpresa, giusto in tempo per Pasqua oserei dire. Un volante. Questo naturalmente imho e con rispetto parlando. Un saluto. Gwent.
Ritratto di NeroneLanzi
22 marzo 2019 - 20:39
“Tante personalizzazioni”. “Le possibilità di personalizzazioni sono ridotte”. Sindrome bipolare ne abbiamo?
Ritratto di NeroneLanzi
22 marzo 2019 - 20:41
Scherzi sull’editing a parte. Perché uno dovrebbe versare 2k€ di caparra oggi per una macchina in consegna tra 21 mesi?
Ritratto di bridge
22 marzo 2019 - 21:09
1
Perché i seguaci di Elon sono disposti a questo e ad altro. Tesla è la moda del momento.
Ritratto di Gwent
23 marzo 2019 - 12:34
Ma è una moda solo USA e norvegese? Perché scorrendo le classifiche su Matt's Blog a parte questi due luoghi non mi pare di vedere spesso il marchio apparire neanche nelle posizioni più basse delle altre nazioni (vende anche abbastanza in Olanda ora che ricordo) ma forse un quadro completo delle vendite globali mi chiarirebbe meglio la situescion. Questo naturalmente imho e con rispetto parlando. Un saluto. Gwent.
Ritratto di bridge
24 marzo 2019 - 11:48
1
In Germania hanno un buon successo e anche in altri paesi europei funzionano considerando i prezzi non proprio popolari, il powertrain elettrico che mette molti dubbi e il marchio giovane.
Ritratto di Zot27
22 marzo 2019 - 21:20
Questa guerra commerciale di tanti costruttori a chi ha più ev, provoca inevitabilmente questo assurdo del troppo tempo tra la presentazione di un modello e la sua commercializzazione
Ritratto di NeroneLanzi
22 marzo 2019 - 21:45
Mah, bene o male i tempi sono accettabili. Non è da tanto che hanno iniziato a lavorarci, due anni sono più che normali anche per un ICE (forse per una BEV è lecito aspettarsi di meno, ok). Il mio dubbio è sulla proposta commerciale di anticipare 2k per nulla. In banca non valgo nulla per due anni, ma ci son modi migliori per farli rendere che non parcheggiarli infruttiferi presso di loro.
Ritratto di remor
23 marzo 2019 - 08:25
Un dato un po' a se stante. Non è tanto difficile che oggi, e un po' come sempre, vai ordinare una qualsiasi macchina a listino e ci passano 6-7 mesi per averla. Diciamo che visto come un oggetto di esclusività per chi potrà permettersi di sborsarne 60 o 70 mila anticiparne 2000 che siano a 6 mesi uno o due anni non cambierà tanto. Forse più l'impazienza che per vedere poi l'auto ci passeranno, se tutto va bene, appunto almeno 24 mesi.
Ritratto di NeroneLanzi
23 marzo 2019 - 10:20
Parliamo di circostanze estremamente differenti. Una cosa è versare un anticipo per una vettura in normale produzione con un lead time lungo. Altro discorso è regalare soldi per un ordine (che potresti fare tranquillamente tra due anni) per una vettura la cui produzione non è ancora iniziata. A meno naturalmente che, come successo con la 3, uno non senta il bisogno di far vedere agli amici la mail di conferma (tanto poi c'è tempo per disdire). C'è gente che è messa così male ad autostima.
Pagine