NEWS

Tanti test drive per i 15 anni di GoCar

Pubblicato 26 ottobre 2020

L’evento del broker che si occupa di noleggio a lungo termine ci ha dato l’opportunità di provare una dopo l’altra una serie di auto ibride e elettriche.

Tanti test drive per i 15 anni di GoCar

SOLUZIONI DI TUTTI I TIPI - Il nome GoCar probabilmente non è molto noto fra gli automobilisti ma è da tener presente: le sue formule di noleggio a lungo termine possono infatti soddisfare non solo le aziende ma anche chi vuole una sola auto, come i professionisti e i privati. GoCar ha festeggiato i suoi primi 15 anni nella splendida location di Borgo San Luigi, situata nel senese a due passi da Monteriggioni. L’evento ha offerto la ghiotta opportunità di fare interessanti test drive su molte vetture.

PROVIAMOLE TUTTE - Gli stretti rapporti che GoCar ha con le Case hanno infatti portato a Borgo San Luigi la Ford Kuga Plug-in ST Line e la compatta Puma 1.0 Ecoboost Hybrid da 155 CV. Il gruppo PSA ha partecipato con l’elettrica Peugeot e-2008 GT, la Opel Grandland Plug-in 4x4, la Citroën C5 Aircross Hybrid Shine e la lussuosa DS 7 Crossback E-Tense Grand Chic. Ancora più nutrita la squadra di Volvo: la XC 40 era presente nelle versioni T2 automatica e Plug-in Recharge T4 e T5 mentre si poteva guidare la XC 60 nelle versioni B4 D Mild Hybrid e T6 Recharge Plug-in. Un pacchetto di tutto rispetto che ci ha fatto divertire molto ma, a guastare in parte la festa, ci ha pensato il maltempo che ha impedito l’arrivo delle auto FCA e ha consigliato di cancellare il tracciato in fuoristrada, infestato da pozzanghere così profonde da risultare infide.

IN PIANO E IN SALITA - Il percorso “asciutto” è stato comunque coinvolgente e variato, spaziando da brevi tratti in piano e attraversamenti di paesi fino a tortuose strade collinari, ottime per saggiare le doti stradali dei vari modelli. In effetti capita raramente di avere fra le mani auto così diverse da provare. Partiamo dalla Ford Kuga Plug-in ST Line​ che ha un powertrain ibrido morbido e preciso, che interpreta bene i desideri del guidatore. L’assetto ST Line è piuttosto piatto e, insieme ai freni pronti e consistenti, permette un buon controllo. L’auto è abbastanza silenziosa, ma le sospensioni sono apparse un po’ secche, una caratterizzazione simile a quelle della Ford Puma 1.0 Ecoboost Hybrid. Quest’ultima, equipaggiata con cambio manuale a 6 marce, ha poi evidenziato una frenata pronta e le doti dell’Ecoboost 3 cilindri in configurazione ibrida a 48 volt, che ha una buona spinta anche in basso anche se è un po’ rumoroso agli alti regimi.

COMODITÀ FRANCESE - Tutt’altra musica sulla DS 7 Crossback E-Tense, ben più potente ma anche pesante e ingombrante. Il comfort è notevole e il peso che supera 1.800 kg è avvertibile ma l’agilità, soprattutto in modalità Sport, non soffre molto. L’interazione fra i vari motori elettrici, uno dei quali realizza la trazione integrale, e il termico è fluida e anche il sistema frenante non fa avvertire il passaggio dalla frenata rigenerativa a quella per attrito. Le rifiniture sono di livello, ma il design toglie praticità: il profilo di alluminio che circonda i pulsanti sul tunnel ostacola la loro identificazione e avremmo preferito comandi “fisici” per il clima. La mancanza dei classici pulsanti e manopole si fa sentire anche sulla Citroën C5 Aircross Hybrid, alla quale però non si possono muovere altre critiche sostanziali. Le sospensioni filtrano bene, l’abitacolo è spazioso e la risposta del powertrain, sempre fluida e senza strattoni, aumenta il comfort. La massa elevata e le sospensioni morbide inficiano l’agilità ma la grinta, volendo, non manca. Lo schienale massaggiante del sedile guida è una coccola che aumenta ancora il comfort nei lunghi viaggi.

ANALOGICA O ELETTRICA? - Rimaniamo in casa PSA e saliamo sulla potente Opel Grandland X Hybrid4, mossa da un 1.6 turbo e da 2 motori elettrici, uno dei quali assicura la trazione posteriore. L’abitacolo è ampio, ben rifinito e più analogico. Gli strumenti sono infatti classici e anche il clima ha le consuete manopole e pulsanti. Le prestazioni sono elevate e sono unite ad un buon comfort, grazie a sospensioni, sedili e insonorizzazione. valide. L’unica elettrica del gruppo, la Peugeot e-2008, non è certamente la più potente né la più spaziosa, ma fa capire bene la “diversità” dell’elettrico. La scioltezza di marcia è inconsueta, la silenziosità quasi estrema e la prontezza del motore, inferiore in modalità Eco, si manifesta appieno in Sport, con una bella spinta. Le sospensioni assorbono bene pur assicurando una buona tenuta di strada e le finiture sono buone.

DALLA SVEZIA CON RIGORE - Ciliegina su questa torta così appetitosa è stato il drappello delle svedesi Volvo. La XC60 è una suv “importante”, per dimensioni, segmento, prezzo e finiture. La versione B4 Mild Hybrid Inscription è al top e vanta accessori e interni di classe. Il motore diesel, raro fra le ibride, è sempre pronto dimostrando che anche un sistema mild può dire la sua. L’assetto è quasi sportivo, ma il comfort non ne soffre; la trazione integrale aumenta la tenuta di strada, a prova di sorprese anche su fondo umido o sterrato. La versione plug-in T6 Recharge abbina al 2.0 a benzina un potente motore elettrico che dà grande dinamismo a questa imponente suv, incollata al terreno anche in condizioni difficili. La più compatta XC40 ibrida plug-in Recharge è agile e divertente già dalla versione T4 e quindi a maggior ragione per la più potente T5. Comfort e classe si uniscono infatti ad un assetto rigoroso e ben piantato a terra. La versione T2, priva del “sostegno” elettrico, appare meno reattiva: se il telaio rimane più che valido, il pur generoso 3 cilindri (che gira rotondo come un 4) fa quel che può ai bassi regimi.

RESILIENZA AL COVID - GoCar nasce nel 2005 da un’idea di Piero Navone (in piedi nella foto qui sopra) per fornire soluzioni di mobilità a imprese, professionisti, enti pubblici e privati. L’Azienda è un broker che sceglie, da vari fornitori, la soluzione migliore per i noleggi a lungo termine. La nuova nata GoCar For Rent espande i servizi, mettendo a disposizione noleggi anche di un solo mese senza vincoli o penali. Fra i partner di GoCar citiamo, oltre a Leaseplan e Sifà, Athlon e, indirettamente, Leasys; Focaccia Group provvede ai veicoli speciali per i disabili. Le cifre riportate da Piero Navone sono interessanti: nonostante il -70% di aprile, i recuperi dell’estate fanno pensare di poter chiudere il 2020 in positivo. Da ammirare la scelta dell’azienda di supportare, in piena crisi, i suoi agenti-consulenti con anticipi sulle provvigioni.





Aggiungi un commento
Ritratto di desmo3
26 ottobre 2020 - 18:01
(foto 3) almeno evitare di schierare delle auto nuove di pacca in mezzo a fango e terra... i tappetini saranno diventati indecenti
Ritratto di MotorG
26 ottobre 2020 - 21:29
Bella scelta, ma mancano altre marche...
Ritratto di Diana Nilos
27 ottobre 2020 - 08:20
Ciò da cui le ragazze sono più attratte da un uomo ... Entra e scopri cosa vogliono veramente le ragazze ... lascia che ti inviti..Farà caldo .......(Copia il link) = >> cutt.ly/neonica