NEWS

Test monopattini elettrici: sì di Milano e Torino

Pubblicato 29 luglio 2019

I due capoluoghi sono le prime città che aderiscono alla sperimentazione sulla micromobilità elettrica.

Test monopattini elettrici: sì di Milano e Torino

IN PARTENZA - Milano e Torino hanno dato il via al test sulla micromobilità elettrica, dopo che, il 27 luglio, è entrato in vigore il decreto voluto dal governo. Il cui obiettivo è eliminare la situazione caotica attuale: monopattini elettrici, ma anche segway, hoverboard e monowheel invadono le città e i marciapiedi, violando il codice della strada e costituendo un pericolo per i pedoni. Il decreto permette che questi mezzi circolino se i comuni aderiscono alla sperimentazione (dura da uno a due anni), come per l’appunto hanno fatto Milano e Torino, ma solo su determinate strade e rispettando una serie di regole. Per chi sgarra, multe da 26 a 102 euro. Dopo due anni di test, il governo deciderà il da farsi.

LE REGOLE - Sono complesse e articolate le normative del decreto per il test dei monopattini elettrici e dei suoi “cugini”.  Tutti possono viaggiare di giorno e con il bel tempo. Mentre da mezz’ora dopo il tramonto e fino a mezz’ora prima dell’alba o col meteo avverso, possono essere usati solo se dotati di luci anteriore e posteriore, e di catarifrangenti. A condurli sono ammessi i maggiorenni, o anche chi ha da 14 a 18 anni, ma solo se dotato di patente di categoria almeno AM (quella per i ciclomotori). Si viaggia senza passeggeri ed è obbligatorio un andamento “regolare”: niente “manovre brusche né acrobazie”, come pure i “comportamenti che causino intralcio ai pedoni”. I microveicoli elettrici possono viaggiare in aree pedonali, su percorsi pedonali, su piste ciclabili separate dalla sede stradale e su corsie a loro riservate (di cui è prevista la realizzazione, in parallelo all’installazione dei cartelli); inoltre, ne è consentito l’uso anche sulle strade con limite di 30 km/h. Il limite è di 20 km/h, che scende a 6 km/h nelle aree pedonali.



Aggiungi un commento
Ritratto di Asburgico
29 luglio 2019 - 12:43
Qualcuno sa se vogliono obbligare l'uso di targhe e obbligo di assicurazione per monopattini e biciclette elettriche? E' una proposta di FDI
Ritratto di Andre_a
29 luglio 2019 - 13:00
4
Mi sembra il solito regolamento inutilmente complesso e difficile da far rispettare. Secondo me, se qualcuno decide di utilizzare questi mezzi di trasporto al posto della macchina o del motorino andrebbe incentivato.
Ritratto di MALTI
30 luglio 2019 - 09:32
sono d'accordo
Ritratto di NeroneLanzi
29 luglio 2019 - 16:53
Quindi confermato: se ho 12 anni e voglio circolare su strada con una bici a pedalata assistita da 25 orari posso farlo senza problemi. Se invece ho 17 anni e un monopattino da 20 orari, non devo uscire da una ciclabile e devo prendere la patente. Geniale.
Ritratto di Gordo88
29 luglio 2019 - 17:22
Ma c' è forse il tachimetro in questi apparecchi?
Ritratto di NeroneLanzi
29 luglio 2019 - 23:30
No, per essere regolari devono essere autolimitati. Ad esempio le biciclette a pedalata assistita per poter evitare di dover essere registrate e assicurate dovrebbero rimanere sotto i 25 orari e non avere alcun tipo di acceleratore a pulsante o a manopola.
Ritratto di Andre_a
30 luglio 2019 - 08:36
4
Mi immagino il poliziotto con l'autovelox che ti multa perché stai andando a 8 km/h in un'area pedonale. Non sarebbe stato piú semplice equipararli a una bicicletta?
Ritratto di NeroneLanzi
30 luglio 2019 - 09:37
Eh ma purtroppo quello non puoi farlo per il rischio di risarcimenti. Oggi se in bici ti sdrumi per i crateri che ci sono sull’asfalto qualcosa di risarcimento riesci ad ottenere. Se equipari de tutto i monopattini alle bici significa che li lasci circolare su strada. A quel punto devi garantire che le strade siano a prova di ruotine da monopattino. Diciamo che almeno escludere l’obbligo della patente per i minorenni sarebbe stata un’idea furba.
Ritratto di Andre_a
30 luglio 2019 - 09:54
4
Innanzitutto sistemare le strade sarebbe una buona idea. Poi le ruote dei monopattini elettrici che ho visto sono piú cicciottelle rispetto a quelli classici, a occhio mi sembrano piú sicuri rispetto alle bici da corsa con gomme da 20 mm gonfiate a 8 atm o alle bici di dubbia provenienza che spesso trovi nei mercatini. Potrei sbagliarmi, ma in quel caso preferirei creare una categoria di veicoli elettrici che devono rispondere a una serie di requisiti anche complessi, ma se compri un monopattino con la dicitura "omologato per la circolazione su strada" tu cittadino sai di poterlo usare come una bicicletta. Un monopattino come quello rosso in foto é piú sicuro della maggior parte delle biciclette che girano per strada.
Ritratto di NeroneLanzi
30 luglio 2019 - 14:12
Stiamo parlando di una norma fatta per regolare anche gli xiaomi e gli altri monopattini con gommine da rollerblade. Non esattamente roba che affronta una buca o un tombino come una bici.
Pagine