NEWS

Troppe distrazioni al volante: sicurezza a rischio

28 novembre 2014

Un'indagine evidenzia come il 76% in Italia usa il telefono alla guida, mentre il 24% invia SMS o si collega a social network.

Troppe distrazioni al volante: sicurezza a rischio
20 PAESI SOTTO ESAME - Un’indagine a livello internazionale, realizzata dall’osservatorio LeasePlan Mobility Monitor e dall’istituto di ricerca internazionale TNS, ha evidenziato come un guidatore su cinque si distrae alla guida, inviando SMS o messaggi su social network. L'indagine è stata condotta sui conducenti di auto a noleggio a lungo termine in 20 Paesi.
 
DOPPIA ATTIVITÀ - Per quanto riguarda l'Italia, uno dei problemi più importanti che la ricerca evidenzia è proprio quello della guida distratta: l'84% dei conducenti che sono stati intervistati affianca la guida ad attività potenzialmente pericolose. Il 76% (in maggioranza uomini) dichiara di utilizzare il telefono mentre si trova al volante; di gran lunga staccato quel 32% che si disseta mentre guida, mentre è il 24% a non potere rinunciare a SMS o ai social network con il volante in mano. Il 39% fuma mentre guida, mentre il mito del gentil sesso distratto dal trucco è, dichiaratamente, valido solo per il 6%.
 
PREVENIRE CONVIENE - Visto che sicurezza significa (anche) minori costi - il report è commissionato da LeasePlan, azienda che opera nel settore del noleggio a lungo termine e gestione di flotte aziendali - oltre ai risultati arriva un suggerimento per i clienti, sotto forma di un prodotto SafePlan installato su ogni auto noleggiata, che comprende il kit di pronto soccorso oltre a un'accurata reportistica sui sinistri e sui furti, un manuale di guida sicura, una consulenza per corsi di guida sicura e l’installazione della clear box (Telematics) per la prevenzione dei rischi, vale a dire, la stessa scatola nera proposta da varie compagnie assicurative.


Aggiungi un commento
Ritratto di Fr4ncesco
29 novembre 2014 - 13:09
Servirebbe un sistema in grado di disattivare le funzioni di smartphone e tablet al posto di guida e con veicolo in movimento, lasciando funzionanti solo quelle di chiamata, ovviamente solo con vivavoce e auricolari. Visto che ogni forma di deterrenza all'utilizzo del telefono in auto è inutile (dalle multe, alla perdita di punti alle campagne pubblicitarie), si deve eliminare il problema alla base.
Ritratto di Matteo9724
29 novembre 2014 - 18:11
Però l'imput deve partire dalla gente, uno non può rischiare la vita perchè un cretino/cretina stava messaggiando al telefono e non ti ha visto. Anni fa in motorino sorpassai uno che in tangenziale non riusciva ad andare dritto, si spostava a destra e a sinistra della sua corsia. Mentre lo affianco durante il sorpasso ho visto che aveva il tablet appoggiato al volante,da scendere e picchiarlo. Quello che non capiscono è che mettono anche la loro di vita in pericolo,oltre che quella degli altri. Preferisco montare su una ferrari, sbattere contro un muro a 300 e morire per colpa mia, piuttosto che per colpa di un'altro.
Ritratto di Fr4ncesco
30 novembre 2014 - 16:21
Gli altri possono anche ammazzarsi, libero di farlo, il problema è che mettono a rischio la vita degli altri...
Ritratto di Necchi
29 novembre 2014 - 13:33
Per nn parlare delle zoccol-ette che si sditalinano alla guida---
Ritratto di Mattia Bertero
29 novembre 2014 - 14:27
3
I comportamenti stupidi sono la principale causa degli incidenti stradali.
Ritratto di Robx58
29 novembre 2014 - 14:39
12
c'è solo un rimedio oltre ad un sistema in auto che annienta il segnale telefonico, per avere la sicurezza che nessuno più userà impropriamente il cellulare in auto c'è da utilizzare la reclusione, anche per una settimana, poi voglio vedere quanti , per paura di incappare in tale " deterrente" lasceranno addirittura il cellulare a casa. Una settimana di prigione, fino ad un massimo di due mesi, a seconda della gravità, più una sanzione pecuniaria, diciamo dai 2000 euro in su, sono convinto che così questa nuova tendenza finirà.
Ritratto di Flavio Pancione
29 novembre 2014 - 15:47
7
Il cellullare per altri e son tanti, è uno strumento di lavoro.. Non importante ma indispensabile. Gli strumenti per utilizzarlo in sicurezza ci sono .. Ovvero i vivavoce installati in auto. O gli ottimi vivavoce dei cellulari piu recenti.. Per non parlare dei comandi vocali.. Migliorati tantissimo ultimamente. Sottocarica alcuni funzioanno senza neanche toccarli. O al massimo basta un tap. Vedi Siri, google Now , s voice e quando arriverá in italiano anche quello di Windows.
Ritratto di Robx58
29 novembre 2014 - 16:35
12
Certamente, io lo uso moltissimo in auto, via bluetooth, mi sono espresso male, io intendevo dire, coloro che scrivono sms, che seguono un scial network, che si fanno un selfie, senza contare alcune ragazze o donne mature che si truccano mentre guidano!!! Per queste cose sarei impassibile, una settimana di galera fa bene all'animo e allo spirito, perchè, un sms lo puoi inviare anche più tardi, o al limite ti fermi in uno spiazzo. Quando io ero ragazzo ( vabbè saremo patetici noi 50enni ) per telefonare, dovevi per prima cosa trovare una cabina telefonica, poi dovevi avere i gettoni, altrimenti non telefonavi, capitava poi che il numero che componevi era occupato o non rispondeva nessuno, e allora cosa facevi? ripartivi e alla prossima cabina ti fermavi o aspettavi 15 minuti? era una cosa normale, ovvio che oggi dopo 30 anni, certe cose solo a sentirle, voi giovani ci sbuffate contro, come dire... che p@lle!!! ma noi siamo sopravvissuti ugualmente, non vedo perchè oggi si debba per forza eseguire quell'operazione ( sms, selfie, ecc...) in quel momento che sei alla guida, lo puoi rimandare a più tardi, non costa nulla, anzi si costa che ti puoi salvare la vita. C'era un cartellone pubblicitario più di 20 anni fa sul raccordo tra Roma e l'aeroporto di Fiumicino con su scritto : " E' meglio perdere 10 minuti, che la vita " era dedicato a coloro che non rispettavano il limite di velocità, qui direi la stessa cosa, in più aggiungerei: " rispettare la vita degli altri". Un saluto.
Ritratto di osmica
30 novembre 2014 - 22:24
1) in che carceri pensi di recludere il 76% degli automobilisti italiani, visto che si fa un svuotacarceri ogni due anni? 2) (nel tuo esempio, di come "voi 50enni" facevate le chiamate, oggi un giovane ti guarda strano perche' non sa cosa sia una cabina telefonica... resta scioccato perche', nella migliore delle ipotesi, trovi una cabina telefonica nel raggio di 30km... 3) aggiungeresti "rispettare la vita degli altri"... in una societa' sempre piu' menefreghista un tale slogan sarebbe solo un input maggiore per procedere in maniera piu' menefreghista
Ritratto di selvaggio
29 novembre 2014 - 16:16
Troppi sentono un'innata attrazione a fare ciò che è vietato, inutile e dannoso. Più forte è la punizione più forte è l'attrazione.
Pagine