NEWS

Tutor: un bilancio dei primi 7 anni

20 maggio 2013

Dal 2005, anno di introduzione del Safety Tutor, sono calati incidenti e sanzioni sulle autostrade italiane.

Tutor: un bilancio dei primi 7 anni

IL BILANCIO DEI PRIMI SETTE ANNI - Solo nel 2012, secondo i dati diffusi dall'Associazione Sostenitori ed Amici della Polizia Stradale e da Autostrade per l'Italia, la copertura del territorio prevedeva 318 portali, su 235 tratte, per oltre 2.900 chilometri di asfalto controllati. Complessivamente il sistema Tutor è stato acceso per 545.674 ore (+38,8% rispetto al 2011) sanzionando 489.448 eccessi di velocità, -29% rispetto all'anno precedente. I risultati operativi, forniti dalla Polizia Stradale hanno visto i dispositivi in azione, dal 2005 alla fine del 2012,  per 1.704.301 ore con 3.108.548 violazioni accertate. Già a un anno dalla sua introduzione (avvenuta il 23 dicembre 2005), furono riscontrati importanti riduzioni dell'incidentalità (-22%), a dimostrazione del fatto che la velocità è tra i principali fattori di rischio di sinistri sulle autostrade. Il tasso di mortalità è diminuito del 50% già nel primo anno di utilizzo e quello relativo ai feriti del 34% nei tratti in cui era installato il dispositivo.

IN CALO GLI INCIDENTI - L’entrata in azione del controllo della velocità sulle tratte autostradali ha prodotto interessanti riflessi anche sull’infortunistica. I dati riportati per il 2012 dallo studio della Polizia Stradale sulle tratte A4, A1, A8 Area Lombardia, evidenziano che in rapporto all’attività del Tutor negli anni 2010-2011-2012, gli incidenti stradali, causati nella maggior parte dei casi dall’alta velocità, hanno subito un’importante flessione grazie anche ad un maggior aumento dell'attività di controllo: si è passati infatti da un numero di ore di servizio di 39.999 nel 2010, 56.026 nel 2011 e 64.212 nel 2012.
 
RIDOTTE ANCHE LE MULTE - Il numero di verbali negli anni di riferimento è partito dai 93.407 del 2010, per diminuire (effetto deterrente e consapevolezza del controllo) a 75.927 nel 2011 e 74.767 del 2012. La lettura dei dati forniti dalla Polizia Stradale evidenzia, quindi, che i controlli hanno in questo caso dato l’esito sperato, contribuendo ad una riduzione sia del numero di verbali sia dell’incidentalità del 23%.
 
COME FUNZIONA - Il SICVE (Sistema informativo per il controllo della velocità), detto anche Safety Tutor, è un sistema per la misurazione media della velocità dei veicoli ideato, progettato e sviluppato nel 2005 da Autostrade per l’Italia che lo ha progressivamente installato su quelle  tratte della propria rete caratterizzate da un più alto tasso di mortalità. Unico soggetto titolato alla gestione del Tutor è la Polizia Stradale, alla quale il sistema è stato affidato da Autostrade per l’Italia a titolo gratuito. A differenza del normale autovelox, che misura la velocità istantanea dei veicoli in un punto fisso di un tratto stradale, il Tutor ne misura invece la velocità media tra due sezioni lontane anche diversi chilometri, in modo da fornire una misura attendibile e incontestabile in un tratto prolungato per rilevare le infrazioni, senza penalizzare chi supera il limite di velocità per brevi tratti come, ad esempio, durante un sorpasso.




Aggiungi un commento
Ritratto di 911 Carrera
21 maggio 2013 - 00:57
Vedo la differenza, sulla TO-SV ci sono, e i limiti vengono rispettati, passando sull' autostrada x XX miglia, NON ci sono, e i PAZZI ricominciano a correre.
Ritratto di rafficiè
21 maggio 2013 - 10:20
to-sv: tutor installato in fretta e furia prima che passasse la legge dell'obbligo delle 3 corsie, tratto di montagna con tutor limite 90 km/h, appena finisce il tutor 110 km/h stesse condizioni della carregiata tratto finale del tutor limite 70km/h strada statale che corre parallela limite 80 km/h milano bergamo 4 corsie tutor installato, autobahn tedesca 4 corsie limite 130 km/h consigliato ma non obbligatorio autostrada germania chi va piu lento sta sulla destra, autostrada italiana chi va a 90km/h sta nella corsia centrale
Ritratto di SaverioS
21 maggio 2013 - 10:56
Ma il vero motivo e che guarda il caso e scoppiata la crisi e aumenta il costo annuale dell'autostrada aumentano i costi dei carburanti.... la gente compra meno auto e circolano di meno......
Ritratto di Merigo
21 maggio 2013 - 11:06
1
Tanti anni fa (era il 2007), uscii dallo stabilimento SATA di Melfi e, cliccando "home" sul navigatore della Croma, questo mi indicò che mancavano 1.140 km per arrivare a casa, che allora era a Nord di Torino più o meno dove arriva oggi il Giro. Ricordo che riguadagnai l'Autostrada Napoli-Canosa in stile Kankunnen che percorsi a palla (allora senza Tutor) arrivando in men che non si dica sull'Autosole. Da lì c'erano i primi Tutor e me ne fregai percorrendo la tratta Napoli-Roma al chiodo, che per la Croma 1.9 TD volevano dire circa 200 km/h. Come detto sarà che erano i primi anni di Tutor e quindi il cervellone che avrebbe dovuto calcolare la media tra cellula e cellula non era ancora perfezionato, ma in Azienda non è mai arrivata nessun multa, che avrebbe voluto dire arrotolamento della patente con inserimento dove non patte il sole e crocifissione al casello di Ceprano. Da allora però, giurin giuretta, imposto il cruise control a 140 km/h (che vogliono dire circa 135 reali che con lo "sconto" della franchigia del Tutor ti lisciano) e trovo ridicoli tutti quelli che non hanno ancora capito come funzioni il Tutor ed inchiodano sotto il portale della cellula, convinti che la lettura sia istantanea come un Autovelox mentre come sappiamo è la media della tratta. Aggiungo che, ormai, per esempio sulla Milano-Venezia, i portali sono talmente fitti che non si può neanche più truccare il sistema fermandosi a fare benza per abbassare la media, perché oggi, se il cervellone funziona, la media è calcolata ogni pochi chilometri. Poi, personalmente ritengo sia un sistema utilissimo, anche perché, ad abbassare le medie non è la velocità massima tenuta, ma sono le soste. Cosa non ho detto è che una Melfi-Torino la percorrevo e la percorro senza sosta, salvo un pit stop per il gasolio, ed è così sì che si macinano chilometri. Ridicoli sono quelli che sorpassano (ovunque, sulle statali come nei centri urbani) per trovarli fermi 1 km dopo al bar. Saluti.
Ritratto di 911 Carrera
21 maggio 2013 - 15:24
Ad uno come te, feci sequestrare il Q5 passo ai 180 e oltre, avendo un 205 della mia ex 1900 turbo, fu un gioco attaccarmi fino a prendere la tarda, segnalarla alla società autostade e alla Polstrada, pensando che non avrebbe avuto grossi esiti. Rimesomi subito sui 130 km/h, arrivato al casello, vidi CON IMMENSA SODDISFAZIONE l' X 5 su un carro atrezzi, mentre il proprietario si strappava i capelli in mezzo a 6 agamenti della Polstrada. Ad un altro con un Mercedes, sempre con l'auto della mia ex, dopo 1 SUA rasetta, mi misi dietro fino alla sosta all' autogrill, preso nei bagni di quest'ultimo, il resto BIP. Correvano gli anni '95/96. Ancora oggi segnalo le targhe delle auto pirata, sia in città che fuori.
Ritratto di Merigo
21 maggio 2013 - 21:11
1
In questo blog ci sono sostanzialmente due tipi di paranoici, entrambi con mania di grandezza. C'è il logorroico saccente, esemplificato in quello che tiene lezioni (in questo stesso blog sui Tutor sta litigando con un altro che gli ha fatto notare la sua pedanteria) e che addirittura si annota con "ndr" "nota della redazione" perché evidentemente ha raggiunto un tale punto di egocentrismo da essersi auto elevato al rango di Redattore (o forse più semplicemente non sa cosa voglia dire "ndr", ma gli è piaciuto); ci sono i molti paranoici anti FIAT, che vanno a parare lì qualunque sia il tema del blog, e da cui ricevi insulti se solo accenni a non odiare FIAT; ma ora c'è uno terzo tipo di paranoico: il giustiziere! Come i due altri tipi di paranoico, si fregia e si vanta di esserlo, datando addirittura la comparsa dei sintomi: dal 95/96, ben 18 anni! Bravo 911 Carrera, continua così!
Ritratto di 911 Carrera
22 maggio 2013 - 00:22
Contaci x colpa di gente come VOI che non rispettate niente e nessuno si contano i MORTI al sabato sera. Giustiziere ? SI, CON ORGOGLIO, probabilmente il sequestro di quel BMW può aver evitato un incidente. Che poi fino a quando buttate giù alberi o muri peggio x voi (e x gli sfortunati che vi viaggiano accanto), il problema VERO e quando coinvolgete altri che viaggiavano NEL RISPETTO DELLE LEGGI e li fate morire con VOI. Anche sulla TO-MI segnalai una Giulietta ad alta velocità, un po di entrate dopo entrarono 4 moto e 1 Impreza in borghese, probabilmente x intercettarlo. Purtroppo non vidi se ci fu UN LIETO FINE. Idem in città e sulle statali. Credo di aver segnalato + di 200/220 targhe dal '99 ad oggi. Ma continuerò senza tregua, un mio caro amico morì in moto nel '98 x un pirata della strada che passò ad alta velocità con il ROSSO.
Ritratto di 911 Carrera
22 maggio 2013 - 00:25
senza testimoni, e il torto lo fanno a me, facendomi rischiare l' incidente, tranquillo che LI FERMO, anche sono i 4, poi RIDIAMO.
Ritratto di 911 Carrera
22 maggio 2013 - 00:33
della velocità FOLLI, che NON solo infrange leggi e codici, ma si vanta anche di averlo FATTO. Fossi io il direttore del sito, ti manderei la Polstrada A CASA.
Ritratto di Jacopino
22 maggio 2013 - 17:32
Quello che fai è veramente scorretto.. Il compito di sanzionare chi non rispetta le regole non è tuo, bensì delle autorità competenti. Comunque per fregare il tutor (e i giustizieri) è sufficiente sporcare la targa dell'auto per renderla illeggibile. Al massimo prendi 39 euro di multa se ti fermano, che è sempre meglio di prenderne 600 perché infrangevi il limite di velocità!
Pagine