PRIMO CONTATTO

Mercedes GLK: ok su asfalto, bene nel deserto

La Mercedes GLK fila via liscia e reattiva su strada, ma non ha avuto paura delle sabbie tunisine dove l’abbiamo provata assieme alle altre suv della casa tedesca. Ma chi se la sente di darla in pasto a sassi, sabbia e fango?

11 novembre 2013

Listino prezzi Mercedes GLK non disponibile

  • Prezzo (al momento del test)

    € 45.241
  • Consumo medio

    15,4 km/l
  • Emissioni di CO2

    159 grammi/km
  • Euro

    6
Mercedes GLK
Mercedes GLK 220 CDI BlueTEC Sport 4MATIC
Quattro suv tra le dune
 
L’occasione è di quelle da non farsi sfuggire: tutte le suv della Mercedes in prova sulle strade tunisine e sulle piste sabbiose fino all’oasi di Ksar Ghilane, alle porte del Grande Erg Orientale, nell’affascinante atmosfera del deserto del Sahara. A nostra disposizione, la Mercedes GLK 220 CDI da 170 CV, la M 250 CDI da 204 CV, la grande GL 350 CDI da 258 CV e la robusta G 300 CDI Professional da 184 CV, un autentico mito del fuoristrada, anche se in abiti ormai un po’ fuori moda.
 
Elegante con un tocco di sportività
 
Rinfrescata nel 2012, la Mercedes GLK 220 CDI ha mantenuto le linee squadrate che l’hanno caratterizzata fin dal suo lancio nel 2008, con lievi cambiamenti solo nel frontale (fari, paraurti, prese d’aria). Un po’ più arrotondata, invece, appare all’interno, dove troviamo le grosse bocchette rotonde della ventilazione (comuni ai modelli più recenti della casa), il volante piccolo e la leva del cambio automatico sul piantone dello sterzo (libera spazio sul tunnel centrale, dov’era prima). Il motore è il quattro cilindri 2.1 turbodiesel nella versione BlueTEC già omologato Euro 6, da 170 CV, che si rivela ben accoppiato alla suv tedesca: ai bassi giri è abbastanza vivace e, complice il veloce cambio automatico sequenziale 7G tronic, anche pronto in ripresa. Il rumore è sempre sotto controllo, l’erogazione della potenza fluida e regolare su tutto l’arco di utilizzo (dai 1400 ai 4000 giri). Su asfalto le sospensioni assorbono bene le imperfezioni del manto stradale e anche le buche vengono filtrate con efficacia. Lo sterzo non è male, anche se ad alta velocità l’avremmo preferito un po’ più sincero. Elevate la tenuta di stada e la potenza frenante. Le prestazioni omologate dalla casa si sono parse alla portata della macchina: anche se non ci è stato possibile lanciare liberamente la GLK in velocità, la punta massima di 205 km/h ci è sembrata realistica e lo scatto di 8,8 secondi non distante dal vero. Sul piano dei consumi, ci siamo fermati a 13 km/l (letti sul computer di bordo) contro i 15,4 dichiarati; un risultato, comunque, più che buono.
 
Dalla terra alla duna
 
Comoda ed efficace su strada, la Mercedes GLK 220 CDI non delude nemmeno sugli sterrati sabbiosi che abbiamo sperimentato macinando un centinaio di chilometri sulle piste di avvicinamento all’oasi di Ksar Ghilane, in Tunisia. L’auto, infatti, si dimostra maneggevole e sufficientemente potente per trarsi d’impaccio anche dove lo strato di sabbia si fa più spesso. La trazione 4Matic, comune alle 4x4 della Mercedes, consente di viaggiare con la ripartizione della coppia permanente sulle quattro ruote, rendendo più sicura la marcia in tutte le condizioni di aderenza. Il cuore del sistema di trazione integrale è il differenziale centrale assistito da una frizione multidisco a controllo elettronico, che in condizioni normali ripartisce la forza motrice per il 45% all’asse anteriore e per il 55% a quello posteriore. Quando c’è poca aderenza il sistema trasferisce più coppia sull’assale che trova la migliore trazione. Alla stabilità ci pensa l’Esp, che controlla lo slittamento di ogni ruota e, se occorre, la frena per riportare la macchina nella traiettoria migliore. Sulle dune attorno all’oasi di Ksar Ghilane la GLK non si è comportata male: dove la sabbia è più compatta, mantenendo una velocità costante la macchina riesce ad avanzare senza troppe incertezze, e con un po’ d’abilità si riescono a percorrere lunghi tratti in sicurezza. Diversa la situazione quando si entra davvero nel fuori strada difficile: su sabbia meno compatta e con dislivelli decisi, gli angoli d’attacco modesti e l’altezza minima da terra di soli 18 cm sconsigliano di proseguire, per non rischiare l’insabbiamento.
 
Per fare sul serio, pacchetto On&Offroad obbligatorio 
 
Anche la Mercedes ML 250 e la GL 350 CDI ci sono sembrate comode suv da lunghe percorrenze su asfalto, capaci, però, di muoversi con una certa agilità anche su terra e fango. A patto di non esagerare. Sulla sabbia del deserto, infatti, il peso si fa sentire, e diventa davvero difficile riuscire a “galleggiare”. Le piste sterrate e un po’ sabbiose, invece, non costituiscono un ostacolo e possono essere percorse in tutta sicurezza, riuscendo perfino a divertirsi: la spinta, anche col "piccolo" 2.1 a gasolio da 204 CV della M, è piena e progressiva e l’omogeneità d’erogazione aiuta nel superamento dei tratti più difficili. Dobbiamo dire, però, che tra la M e la GL sulla sabbia battuta delle dune ci ha convinto di più la GL che, nonostante la stazza maggiore, ha dimostrato di avere una migliore trazione e più stabiltà nelle discese ripide. Peccato che nessuna delle auto in prova fosse dotata del Pacchetto On&Offroad dedicato al fuori strada, disponibile tra gli optional (2.313 euro), che aumenta l’altezza da terra della vettura e consente di affrontare anche tratti più impegnativi (la GL, comunque, aveva le sospensioni pneumatiche che consentono di aumentare l’altezza libera da terra).
 
Ma la G non ha paura di niente
 
Discorso a parte per la Mercedes 300 CDI Professional Station Wagon. Nata negli anni 70 come mezzo duro e puro, ha mantenuto col passare del tempo il suo carattere da fuoristrada vera, in grado di accontentare anche i più esigenti, specie in questa versione Professional che riprende negli interni vintage lo stile tipico dell’indimenticata 4x4 degli esordi. Si tratta di un mezzo specialistico, che oltre alla trazione integrale e alle marce ridotte offre la possibilità di bloccare manualmente i differenziali anteriore, centrale e posteriore; l’altezza della carrozzeria da terra e le gomme ben scolpite fanno il resto. Il motore è il turbodiesel 300 CDI da 184 CV e presenta accorgimenti specifici, come il filtro del gasolio dotato di separatore dell’acqua. Il cambio è un automatico a cinque marce provvisto di riduttore, e la trazione integrale è di tipo permanente. Da fuoristrada pura sono anche il paraurti davanti rinforzato, la protezione sottoscocca e le grate a riparo di fari e frecce. Non manca una pompa per drenare l’acqua dall’abitacolo, e i sedili sono in materiale lavabile e con box metallici sotto le sedute; il condizionatore è di serie, però i finestrini non si aprono elettricamente, ma a manovella. Inutile dire che, nonostante il considerevole peso di 2435 kg, la Mercedes G se la cava davvero bene anche sulle dune più insidiose, dove si è dimostrada pressoché inarrestabile.
 
Secondo noi
 
PREGI

> Comfort. L’abitacolo è ben insonorizzato e climatizzato, le sospensioni fanno bene il loro dovere e le poltrone sono comode anche dopo parecchie ore. 
> Cambio. L’automatico a sette marce, di serie, è rapido e molto dolce nei passaggi di marcia.
> Motore. Il quattro cilindri di 2143 centrimetri cubi è molto silenzioso, potente e dotato di una coppia vigorosa fin dai bassi giri.
 
DIFETTI
 
> Baule. Non offre molto spazio per le valigie quando si viaggia con tutti i sedili in uso.
> Freno di stazionamento.  A pedale, come da tradizione sulle Mercedes, è scomodo e non può essere azionato dal passeggero in caso di emergenza.
> Visibilità posteriore. I montanti posteriori del tetto, larghi, sono di ostacolo alla visuale.
SCHEDA TECNICA
Cilindrata cm3 2143
No cilindri e disposizione 4 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 170 (125)/3200-4200 giri
Coppia max Nm/giri 400/1400-2800
Emissione di CO2 grammi/km 159
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 7 (automatico) + retromarcia
Trazione integrale
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori dischi
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 454/184/167
Passo cm 275
Peso in ordine di marcia kg 1825
Capacità bagagliaio litri 450/1550X
Pneumatici (di serie) 235/60 R17

 

Mercedes GLK
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
14
28
19
19
18
VOTO MEDIO
3,0
3.010205
98
Aggiungi un commento
Ritratto di follypharma
11 novembre 2013 - 11:43
2
sicuramente il prossimo modello sara' di gran lunga meglio, specialmente negli interni....(ci ho fatto un viaggetto.... non mi ha impressionato, ne' per il motore, ne' il comfort o le prestazioni, e soprattutto per gli interni vecchio stile ...) .. non mi piace in sostanza e per quel che da costa davvero tanto
Ritratto di NeedCars
11 novembre 2013 - 17:48
Per me la GLK è una delle suv che preferisco di più.Anche se vista così in suv elegante non sembra un fuoristrada 100 % come la classe G,ma l'apparenza inganna.Buon risultato comunque.
Ritratto di Flavio Pancione
11 novembre 2013 - 17:50
7
con citazioni anche sulle altre auto. A mio avviso il motore più interessante è il 2.1 in versione 204 cv.. con una montagna di coppia, ben 500! Non mi aspettavo invece che la GL riuscisse a cavarsela bene negli sterrati.. ma ovviamente è la G la regina. Tutte molto belle queste Mercedes comunque, la più modaiola e banale è senza dubbio la M.. le altre invece originali e spigolose hanno un aria grezza ed elegante allo stesso tempo.. per cui sono tra i pochissimi suv che mi piacciono da guardare. Freno a mano decisamente anacronistico .. non mi è mai piaciuto
Ritratto di M93
11 novembre 2013 - 18:44
Non male come suv la GLK, anche se io preferisco nettamente la versione restyling, la precedente aveva una plancia nata "vecchia". Sulla qualità Mercedes non si discute, ma la linea non è proprio delle più entusiasmanti, troppo squadrata. La Classe G poi è (insieme alla Defender) una delle ultime vere fuoristrada europee fatte come Dio comanda.
Ritratto di 911 Carrera
11 novembre 2013 - 18:52
Ma questa SI. L'unico suv che comprerei, linea squadrata e massiccia, senza inutili , x queste auto, sinuosità. Dura e grezza. Bella .
Ritratto di MatteFonta92
11 novembre 2013 - 20:42
3
Credo che nell'insensato mondo dei SUV difficilmente esista di peggio. Oltre ad essere un tipo di veicolo a mio parere inutilmente esagerato, questa GLK ha una linea a dir poco orripilante!!!
Ritratto di gattus
24 novembre 2013 - 12:36
Credo che neppure impegnandosi a fondo per realizzare il suv più brutto della storia la Mercedes potesse fare di peggio! Linee da finta fuoristrada inutilmente esasperate, forse ancora peggio di quel camion vestito a festa che è la ML....devo dire che entrambe sono coerenti con l'insensatezza e il puro piacere di ostentazione insito nel concetto stesso di suv!....Tanto di cappello invece per la classe G! spero che resti per sempre nei listini, insieme alla Defender e alla Niva è un'essenziale, autentico, glorioso mito.
Ritratto di MatteFonta92
24 novembre 2013 - 12:45
3
Sono assolutamente d'accordo. Anche per quanto riguarda la Classe G, che però rispetto ad altre fuoristrada "vecchio stampo" come la Niva e il Defender, ha degli interni molto più lussuosi e ben rifiniti, anche se sempre essenziali.
Ritratto di gattus
24 novembre 2013 - 13:48
E' vero, credo che la classe G sia l'esempio perfetto da oltre 30 anni di automobile quasi "eterna", essenziale, ma curata ed indistruttibile, insomma, come non se ne costruiscono più!
Ritratto di porsche 356
12 novembre 2013 - 16:40
Felice e soddisfatto di possederla, adatta per le strade sterrate non impegnative che devo percorrere . Meno male che non piace a tutti specialmente ai volpacchiotti. Con simpatia .
Pagine