NEWS

Partenza sprint per la Nissan Leaf e+ 3.ZERO Limited Edition

11 febbraio 2019

Sono 3.000 le unità della Nissan Leaf in edizione limitata con batteria da 62 kWh ordinate in Europa.

Partenza sprint per la Nissan Leaf e+ 3.ZERO Limited Edition

LA POTENZA NON MANCA - La Nissan Leaf e+ 3.ZERO Limited Edition, la versione in edizione limitata della popolare auto elettrica del costruttore giapponese dotata di una batteria da 62 kWh, ad un mese di distanza dalla presentazione avvenuta al CES 2019 di Las Vegas, ha raggiunto i 3.000 preordini. In Italia, secondo quanto comunicato dalla casa, sono state ordinate 150 unità. Delle 3000 unità pre-ordinate circa la metà proviene dalla Norvegia che si conferma il mercato di riferimento per l’elettrica. Dal punto di vista tecnico la Nissan Leaf e+ 3.ZERO Limited Edition ha una potenza di 160 kW (217 CV) e, grazie all’accumulatore di 62 kWh, un’autonomia nel ciclo combinato WLTP di 385 km con una singola ricarica, 115 in più della Leaf standard. Il prezzo della Leaf e+ 3.ZERO Limited Edition è di 49.150 euro e in estate arriva in 5.000 esemplari per l’Europa.

MIGLIORIE 2019 - Al CES di Las Vegas è stata inoltre presentata la Nissan Leaf 3.Zero, già ordinabile e disponibile nei concessionari da maggio, che presenta delle piccole migliorie rispetto all’edizione del 2018. La Leaf 2019 può infatti contare su un sistema multimediale con uno schermo da 8” (il precedente era da 7”), nuovi servizi di connettività, nuovi colori della carrozzeria e combinazioni bicolore. Il prezzo della Nissan Leaf 3.Zero è di 42.080 euro e sarà inizialmente disponibile nel solo allestimento più ricco che comprende lo stereo della Bose, la vernice metallizzata, i tessuti di qualità superiore per gli interni e il sistema di assistenza alla guida ProPilot, attivabile dai 30 km/h in su, che controlla in automatico sterzo e velocità in base al traffico e che consente alla vettura di fermarsi e ripartire da sola.

LA PIÙ VENDUTA - La Nissan Leaf nel 2018 si è imposta come l'auto elettrica più venduta in assoluto sia in Europa, con oltre 40.000 unità vendute in tutto il continente, che in Italia con oltre 1.500 Leaf commercializzate nel territorio nazionale. La Leaf si conferma il veicolo elettrico più venduto al mondo, con oltre 380.000 unità vendute globalmente dal lancio della prima generazione, avvenuto nel 2010.

Nissan Leaf
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
32
35
22
11
19
VOTO MEDIO
3,4
3.42017
119


Aggiungi un commento
Ritratto di vespa50
11 febbraio 2019 - 19:35
vedremo tra 1 anno se sarà ancora la più venduta in assoluto... primato difficile da mantenere!?
Ritratto di Giuliopedrali
12 febbraio 2019 - 09:54
Tra un anno qualche elettrica cinese a quel prezzo ci sarà anche da noi, e a quel prezzo vuol dire almeno il doppio dei cavalli e soprattutto dell'eleganza, della modernità. E sta Leaf ce la ricorderemo solo come un inizio.
Ritratto di 82BOB
11 febbraio 2019 - 21:01
Carina la combinazione con due colori, ma bianca non la prenderei mai!
Ritratto di fufino
12 febbraio 2019 - 09:49
salve, è il mio primo commento, comincia con una riflessione. Vedo che ultimamente l'amore per le elettriche ne fa declamare i pregi (pochissimi) e basta di queste vetture, sorvolando i numerosissimi difetti o, se non difetti, caratteristiche incompatibili con l'uso che ne fa l'italiano medio; per esempio, d'inverno, molto freddo in gran parte d'Italia, vorrai accendere il riscaldamento di queste vetture? Mentre nelle vetture a motore classico ciò non influenza l'autonomia, nelle elettriche dalle mie conoscenze ritengo vi sia un abbattimento drastico dell'autonomia o comunque sensibile, soprattutto in caso di molto freddo. Magari sbaglio ma nessuna rivista specializzata ne parla. Sarebbe il caso di fare delle prove in proposito. Su altri difetti, glissati anch'essi dalle riviste specializzate, tornerò come spunto di riflessione. Un saluto
Ritratto di Giuliopedrali
12 febbraio 2019 - 10:00
In realtà le case anche le start-up dell'elettrico fanno migliaia di km di test anche nei deserti ghiacciati dell'Asia come per qualunque auto, poi certo non si può pretendere che una tecnologia che sta nascendo adesso sia sfruttabile come una tecnologia che usiamo da 120 anni. La moda farà il resto, cioè anche le riviste i siti specializzati si butteranno man mano sull'elettrico perché è ciò di cui si parlerà, sanno già che parlare di diesel Euro temp va bene per i macinatori di km ma bisogna far sognare per vendere.
Ritratto di RubenC
12 febbraio 2019 - 10:09
X fufino: In realtà l'italiano medio da te citato non fa mai, nell'utilizzo quotidiano dell'auto, più della metà o di un terzo dell'autonomia media di un'elettrica moderna. Dunque se il riscaldamento fa diminuire l'autonomia, ciò è assolutamente irrilevante nella stragrande maggioranza dei casi, e il problema potrebbe porsi solo in pochissime situazioni.
Ritratto di fufino
12 febbraio 2019 - 16:13
non c'è molto da sognare, Giulio, sono gli ecologisti dell'ultima ora e gli amministratori/politici (soprattutto M5S...), che peraltro di problematiche legate all'autovettura non sanno niente, circolando normalmente in auto blu che non mi risultano elettriche, a pensare che l'auto elettrica sia dietro l'angolo... a proposito di italiani medi (molti di questi abitanti in zone montuose e fredde), questi possono forse permettersi mediamente un auto da 50000 E per auto di piccole dimensioni, con cui non solo dovrebbero andare a lavorare ma immagino anche in vacanza o in gita, almeno ogni tanto...? Queste "piccole auto elettriche" sono per pochi facoltosi, se c'e qualche italiano medio che può acquistarle, ditemelo, io non ne conosco al momento; almeno questa è la mia opinione....un saluto.
Ritratto di Giuliopedrali
12 febbraio 2019 - 17:02
Si ma iniziando la moda dall'alto, cioè alto di gamma, sai l'italiano è invidioso e un po' alla volta vorrà l'elettrico. Ho letto ieri su Bloomberg la graduatoria di quanto possono e soprattutto potranno avere successo le varie Case automobilistiche nel settore elettrico, dato l'impegno e il know how acquisito: BYD cinese leader mondiale ha 22 punti, BMW la migliore europea ha 3 punti, FCA 0,2...
Ritratto di deutsch
12 febbraio 2019 - 19:18
4
chissà quanti malanni gli scandinavi dove le auto elettriche sono molto più diffuse nella solare e calda italia. in merito ai prezzi occorre ricordare che 2/3 delle auto vendute in italia è usata e si tovano già auto elettriche a meno di € 10000..... con batteria di proprietà. certo le rispettive a carburante continuano a costare meno ma il delta si assottiglia rendendole più accessobili
Ritratto di Churby
13 febbraio 2019 - 11:34
Il riscaldamento dell'abitacolo si ottiene, almeno nei modelli più recenti, con la pompa di calore, che non consuma molta corrente. Inoltre, si attiva da subito, senza dover attendere che il motore si scaldi come su un'auto normale, e addirittura si può attivare da fuori col telecomando, per trovare l'auto calda in pochi minuti. Le prove delle elettriche ci sono, sono su Youtube, ma non le linko per rispetto a questa testata. È vero che le grandi riviste specializzate non si sono ancora interessate approfonditamente delle auto elettriche, e probabilmente sbagliano, ma è anche vero che al momento attuale è ancora "presto": pochi modelli, costosi, poche colonnine di ricarica...
Pagine