NEWS

50 anni fa nasceva la Renault 8 Gordini

30 settembre 2014

Vitaminizzata dal bolognese di nascita e francese d'adozione Gordini, la tranquilla berlina 8 ha forgiato una generazione di validi piloti.

50 anni fa nasceva la Renault 8 Gordini
TRA ITALIA E FRANCIA - Se l'austriaco Karl Abarth era naturalizzato italiano, il bolognese Amedeo Gordini era divenuto francese a tutti gli effetti, cittadino dal 1928. Nessuno profeta in patria, insomma. Quando le immagini erano in bianco e nero, giusto mezzo secolo fa, nasceva una creazione del signor Amedeo (pardon, di monsieur Amédée): la Renault 8 Gordini.
 
ARRIVA IL MAGO - Da una paciosa berlina, nata per sostituire la Dauphine, il responsabile dell'attività sportiva della Renault, François Landon, suggerì di ricavare una versione sportiva, utile per formare una generazione di piloti grazie a un trofeo propedeutico (quello che, a casa nostra, è avvenuto a grandi linee anni dopo con i monomarca Fiat e il trofeo A112). Ottenuto l'OK dai superiori, nulla di meglio che chiamare al capezzale della Renault 8 “Le Sorcier”, il mago. Inutile dire che il mago in questione era Amédée Gordini, che riuscì a spremere 95 CV (SAE) dal pacioso 1.1 da 50 della berlina. Senza dimenticare modifiche sostanziali al retrotreno e l'adozione di un servofreno specifico. Oltre alle personalizzazioni estetiche di rito e a una strumentazione parecchio completa, venivano poste le basi per un ulteriore salto in alto: quello rispetto alla precedente Dauphine Gordini, 55 CV e un retrotreno con una vocazione al ballo incontrollato, era in sé epocale.
 

La R8 (a sinistra) e la R12 Gordini
 
FUCINA DI CAMPIONI - A giugno del 1966, la Renault 8 Gordini diventa 1.3: un motore in proporzione meno esasperato del 1.1 con i suoi 103 CV (SAE) e dotato di alimentazione singola grazie a due doppio corpo, accoppiato a un cambio a 5 marce che era manna per i più sportivi. Cresceva l'autonomia, grazie a un serbatoio supplementare da 25 litri, e sul muso comparivano due fari supplementari di profondità. Degli 11.607 esemplari di 8 Gordini sfornati fino al 1970, 8.981 erano 1.3. Su strade chiuse al pubblico, si formarono nel monomarca rallysti quali il funambolico Jean Ragnotti, quel Bernard Darniche che regalò alla Lancia Stratos l'ultimo urrà iridato in un epico Montecarlo nel 1979, Jean-Luc Thérier e Jean-Claude Andruet, per tacere dei pistaioli Jacques Laffite e Jean Pierre Jabouille, che di fatto hanno anticipato la generazione del professor Prost.
 
FRANCESE FINO AL MIDOLLO - A lei, alla Renault 8 Gordini, è in buona parte dedicato il 22° Lohéac Autojumble Festival del prossimo fine settimana: si terrà in Bretagna, sul circuito di rallycross di Lohéac, e ricorderà il mezzo secolo di questa signora di mezza età. Che di tanto in tanto si permette il lusso di rombare come ai vecchi tempi: in quel 1964, d'altronde, si badava più a trombette, reticelle, getti, scarichi e diffusori che a dispositivi antinquinamento. Un'altra epoca, ormai lontana mezzo secolo esatto.
Aggiungi un commento
Ritratto di Robx58
30 settembre 2014 - 14:47
12
Quanti ricordi! Questa Renault 8 la 1.1 con 50 cv 4 marce e trazione e motore posteriore era l'auto di famiglia, io la guidai appena patentato, nel 1976, fino a quando non fu soppiantata dalla più nuova ( all'epoca ) R14. La Renault 8 Gordini, rappresentava per me, l'auto di famiglia in versione sportiva, e cercavo in TV notizie e filmati ( pochi in verità, per quello che era il palinsesto della Rai in quegli anni! ) per conoscere le sue avventure.
Ritratto di ilpongo
30 settembre 2014 - 15:56
5
ricordo che nel piazzale di un'officina vicino a dove abitavo negli anni '80 c'era parcheggiata una "R12" arancione tutta sponsorizzata e sporca di terra. Mi faceva sognare di guidare un giorno anch'io auto da competizione... è rimasto un sogno....
Ritratto di giovi11
30 settembre 2014 - 15:31
3
Sono troppo giovane per ricordarla (molto molto molto giovane) ma lo vista e per me E' UN MITO
Ritratto di Gordo88
30 settembre 2014 - 15:37
Grande gordini, pioniere delle auto popolari sportive e poi perchè porto il suo stesso cognome..:)
Ritratto di impala
30 settembre 2014 - 19:31
Ormai, in Francia, una R8 Gordini 1300 si compra per 40 000 euros ... roba da matti. Poi la Renault in questi ultimi anni non ha fatto onore al nome Gordini, con una twingo Gordini ... a gasolio, una vergogna, che forse non avrebbe fatto piacere al grande amedeo.
Ritratto di Necchi
30 settembre 2014 - 20:40
Veramente nn ricordo la gordini a gasolio. C era la 1.2 turbo da 100, e l rs aspirata da 133.. sicuro ci fosse anche a gasolio?
Ritratto di impala
2 ottobre 2014 - 07:00
...in francia c'è o c'èra visto ché ormai cè la nuova twingo, anchè la twingo 2 Gordini a gasolio con 90 cv
Ritratto di Necchi
30 settembre 2014 - 20:38
Se per festeggiare i 50 anni della Gordini, facesseroalmeno una 50ina di twingo TP con un bel v6 sui 3mila di cilindrata, come sulla concept, (provata sulla rivista top gear.. e vi lascio immaginare i commenti_), direi che nn sarebbe niente male....
Ritratto di lucios
1 ottobre 2014 - 05:28
4
.....con quel cofano simil-ammaccato....ma grande preparazione e dinamica. ....
Ritratto di Mercurio
1 ottobre 2014 - 21:43
Non dimentichiamo la Simca 1000 Rally , con sacco di cemento nel baule per dare più stabilità all'avantreno