NEWS

Aiways: cresce la domanda in Europa

Pubblicato 02 dicembre 2021

Il gruppo Koelliker, distributore italiano del marchio cinese, fa un bilancio del 2021 della startup in Europa. Previste oltre 3.000 unità entro la fine dell’anno, merito anche del modello di vendita "ibrido".

Aiways: cresce la domanda in Europa

NUMERI A QUATTRO CIFRE - La startup cinese Aiways, distribuita in Italia dal gruppo Koelliker, si dimostra uno dei costruttori asiatici più promettenti. E lo confermano i numeri. Infatti, a poco più di un anno dalla sua commercializzazione in Europa, il marchio con sede a Shanghai ha raggiunto un volume di vendita interessante, seppure ancora molto basso. La previsione è che la Aiways consegni oltre 3.000 unità entro la fine del 2021, a cui seguirà il lancio di un nuovo modello all'anno nel prossimo futuro.


> Nelle foto sopra la U5.

I PIANI AVVENIRE - Il primo modello arrivato in Europa è la crossover elettrica Aiways U5, alla quale seguirà, nel 2022, la grintosa suv-coupé Aiways U6, con la prospettiva di raggiungere le 10.000 consegne, grazie proprio alla nuova vettura e alla commercializzazione in tre nuovi Paesi: Spagna, Svizzera e Portogallo. Al momento la Aiways ha una capacità produttiva di 150.000 unità all'anno, ma potrà rispondere all’aumento della domanda del pubblico occidentale arrivando a 300.000. Il merito è di un sito produttivo con sede in Cina e tecnologicamente avanzato, definito “stabilimento intelligente”.


> La Aiways U6.

RETE VENDITA IBRIDA - Lo sviluppo di Aiways è stato supportato anche da una modalità d’acquisto ibrida, cioè sia online che con punti vendita fisici, adattata alle singole specificità di ogni mercato. Per esempio, in Italia, la Aiways U5 è arrivata a ottobre 2021 con la distribuzione affidata al gruppo Koelliker. La compravendita delle vetture è affidata ai dieci dealer del marchio, diffusi tra Lombardia, Veneto, Emilia-Romagna, Marche e Puglia, oppure online sul sito del Gruppo. Mentre in nord Europa la casa cinese ha adottato un'altra strategia: in Germania (la prima nazione ad ospitare la Casa cinese) la Aiways U5 è stata distribuita attraverso la rete dei rivenditori di elettronica. In Olanda e in Danimarca, invece, la gestione della vendita avviene online con una rete di supporto post-vendita. Francia e Belgio, presentano un modello simile a quello italiano con showroom e distributori partner sparsi sul territorio, affiancati dall’acquisto su internet.

Aiways U5
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
5
2
6
10
35
VOTO MEDIO
1,8
1.827585
58




Aggiungi un commento
Ritratto di Check_mate
2 dicembre 2021 - 13:36
sentiti auguri a chi comprerà quella "cosa" chiamata U5. Dai, nella copertina è oscena a dir poco. Per spenderci su 45k poi...
Ritratto di KT1007
2 dicembre 2021 - 17:19
Infatti vorrei vedere personalmente in faccia uno solo di questi acquirenti. D'accordo che ognuno i soldi li butta come vuole, ma proprio non trovano altre auto più decenti allo stesso prezzo? Queste non sono solo inguardabili ma avranno anche una rete post vendita inesistente, ad oggi. Contenti loro.
Ritratto di alvolante2021
2 dicembre 2021 - 13:39
Previste...il problema è venderle!!!
Ritratto di Volpe bianca
2 dicembre 2021 - 13:47
Non so sia peggio il frontale della U5 o il posteriore della U6.
Ritratto di Volpe bianca
2 dicembre 2021 - 13:49
Non so se
Ritratto di domila
2 dicembre 2021 - 14:49
Il frontale della U5 per me assolutamente: quella rientranza nera sotto i fari mi dà l'idea di un tale che ha le occhiaie dopo che si è appena svegliato
Ritratto di Check_mate
2 dicembre 2021 - 15:11
Serio, il frontale è ancora più incomprensibile di quello della iX, ma come fanno ad approvarle mi chiedo!!!
Ritratto di Volpe bianca
2 dicembre 2021 - 16:01
Sì avete ragione, anche il prezzo comunque non scherza
Ritratto di Check_mate
2 dicembre 2021 - 20:38
Il prezzo serve a disincentivare l'acquisto... Ti aiutano in quello
Ritratto di Volpe bianca
2 dicembre 2021 - 21:27
:)))
Pagine