NEWS

Alfa Romeo e Maserati: 230.000 unità nel 2017

27 aprile 2017

Durante una conferenza con gli investitori, il ceo della FCA ha parlato di alleanze, la vendita della Magneti Marelli e delle marche “premium”.

Alfa Romeo e Maserati: 230.000 unità nel 2017

ALFA E MASERATI SONO STRATEGICHE - I risultati del primo trimestre 2017 sono incoraggianti per il gruppo Fiat Chrysler Automobiles (qui per saperne di più) ma, stando a quanto ha dichiarato Sergio Marchionne (nella foto) in occasione di una conference call con gli analisti finanziari, il gruppo perde ancora soldi considerando nel loro complesso i conti di Alfa Romeo e Maserati. Per le due marche “premium” Marchionne ha promesso: “dateci tempo e nel 2018 vedrete risultati migliori”. L'obiettivo della FCA è quello di vendere nel 2017 complessivamente 230.000 Alfa Romeo e Maserati, aggiudicandosi così una quota pari al 2,5% del mercato globale delle vetture di prestigio. È questo un punto essenziale del piano industriale della FCA, dato che dalle vetture di maggiore pregio si possono ricavare guadagni interessanti, come ad esempio avviene per il gruppo Volkswagen, dove a generare la maggior parte degli utili sono Audi e Porsche.

ANCHE LA JEEP FUORI DAL GRUPPO? - Sergio Marchionne ha anche negato l'ipotesi di cessioni per migliorare la situazione economica della FCA (il debito è cresciuto fra dicembre e marzo) e smentito le ipotesi circolate sulla Magneti Marelli, la società che realizza componentistica all’interno del gruppo la cui vendita è stata più volte ipotizzata. “Non necessariamente si tratterà di una vendita” ha affermato “potremmo fare come con la Ferrari”. Il riferimento è a un possibile scorporo dell’azienda, operazione che avrebbe effetti positivi a livello economico e non farebbe perdere alla FCA il controllo della Magneti Marelli. A proposito di scorpori, alla domanda se i marchi Jeep e Ram si possano reggere sulle proprie gambe Marchionne ha risposto: “Sì”.

UN ACCORDO ENTRO L’ANNO - Il numero uno della FCA ha poi confermato che non ci sono ulteriori ricerche di accordi di alto livello con altri costruttori: “Eravamo troppo impegnati a realizzare il trimestre migliore della nostra storia” ha affermato con una battuta. Da qui al fine 2018, quando Marchionne lascerà la guida, la FCA si concentrerà sullo sviluppo delle varie marche del Gruppo e dei relativi nuovi modelli, e sulla riduzione dell'indebitamento.  Di altro tenore la risposta su possibili accordi di natura tecnologia, argomento che rimane caldo dopo la collaborazione instaurata con Google, rafforzata dopo l’acquisto di 500 monovolume Chrysler Pacifica per attività di sperimentazione sulla guida autonoma. Marchionne ha confermato che la FCA rimane aperta a nuovi accordi, avvalorando quanto detto negli scorsi giorni a proposito di una nuova intesa da annunciare entro fine 2017.

Aggiungi un commento
Ritratto di ConteBerengario
27 aprile 2017 - 16:22
Mah, tutti dietro a Marchionne, ma nessuno ha capito che la sua strategia e' tutta fuffa e di breve durata. A breve chi ha investito sull'ibrido ed elettrico avra la fetta maggiore del mercato e le economie di scala di questo periodo si perderanno nel nulla. A quel punto, quando M. non ci sara piu (passando per santo), il suo successore o ridimensionera' le strutture (a danno dei lavoratori) oppure dovra fondersi (sempre a danno dei lavoratori).
Ritratto di swanmad
27 aprile 2017 - 16:42
Stai parlando del manager che ha risollevato la Fiat (e la chrysler) dal baratro e che ha fatto rientrare quasi tutti i cassaintegrati di fiat al lavoro. E' tuttaltro che un venditore di fumo
Ritratto di ConteBerengario
27 aprile 2017 - 17:34
Ne riparleremo ad Aprile 2020-2021, ma forse prima, quando leggeremo della cassa integrazione o degli esuberi di una futura FCA (o come si chiamera'). M. sta solamente riducendo il debito del gruppo grattando il fondo del barile con tecnologie vecchie. Tipo monta i motori fire anni 90', la Jeep la sta fiattizzando e l'unica che vende e' la renegade diesel (motricita che sparira a breve). Il rialancio Alfa e' un downsizing di roba Ferrari (gia scorporata da fca), la Lancia e' stata cancellata, Maserati monta componentistica dodge dart a 80.ooo$!!! E' tutta un operazione di marketing, senza investire sulle tecnologie durera pochissimo. Guardare le vendite 500L, auto tutta nuova che ogni anno e' crollata di percentuali assurde.
Ritratto di nicktwo
27 aprile 2017 - 17:37
veramente pare che assumeranno altre 500 persone a cassino per l'arrivo del nuovo suv alfa... saluti
Ritratto di swanmad
27 aprile 2017 - 17:51
Si va beh.... è io che perdo pure tempo a risponderti
Ritratto di Eccomi
27 aprile 2017 - 18:33
Nel 2020-2021 sarai sparito,e ricomparirai con altro nick.Stai sparando balle a gogo. Alfa downsizing di Ferrari è da ridere. La 500L che crolla nelle vendite? Riportaci i dati di vendita europei comparati con i competitor come Bmax e C3 Picasso. Diciamo che pure a te vedere che FCA cresce più del mercato e sistema i conti ti fa venire l'ulcera. Se continui così nel 2021 ti ricoverano...
Ritratto di ConteBerengario
28 aprile 2017 - 14:40
Eccoli i dati 500L: vendite USA marzo 2015 1,218 auto, marzo 2016 533 auto, marzo 2017 106 auto! ... Europa? ... Vendute 12.541 500L, -11,3%. Vogliamo parlare della Giulietta? della Punto? della 500X? ... rispettivamente 6.026 unita', -22,7%; 8.530 Punto, -13,9%; 15.782 auto -5,2% (comunque un risultato abb. buono quello della 500X). La Lancia in Europa non esiste piu. Quella che vende e' la Tipo, che e' una low-cost VERA, fatta in Turchia, con motori fire anni 90'. Buona auto, infatti vende, ma vecchia.
Ritratto di all'avanguardia della truffa2
28 aprile 2017 - 07:13
Undici milioni di auto illegali spacciate per il mondo, e zero risarcimenti per otto milioni di clienti raggirati in Europa. Cinque marchi volutamente macchiati di frodare le rispettive normative di omologazione: Volkswagen, Audi, Seat, Skoda e Porsche. Una colossale truffa planetaria, che ha visto le sue origini sin dal 1999! http://www.lastampa.it/2016/04/20/motori/attualita/dieselgate-handelsblatt-il-software-trucca-emissioni-fu-inventato-nel-dallaudi-RuBJXE7CHmCXRpiehd6hIP/pagina.html. VERGOGNA PIÙ TOTALE!!!
Ritratto di william_riker
28 aprile 2017 - 12:02
"Affa e un downsizing di Ferrari"... e questo sarebbe un problema??? Cioè Alfa che eredità dal miglior marchio al mondo di auto per te è un male??? Ma dico, siamo diventati tutti matti o cosa?? PORSCHE MONTA I 4 CILINDRI AUDI E TUTTO VA BENE, ALFA EREDITA DA FERRARI E VI LAMENTATE ANCHE. Sei deficiente, punto
Ritratto di ConteBerengario
28 aprile 2017 - 14:31
Ma chi si lamenta?! Ho detto che e' tutta una operazione di marketing e il famoso investimento in alfa non e' altro che un downsizing di roba Ferrari, cioe' di cio che gia c'e'. M. sta solamente ottimizzando il tutto per rimettere a posto l'indebitamento di Fiat (FCA) senza pero investire in tecnologia. Questa e' una strategia molto rischiosa che funziona sul breve periodo ma che potrebbe far crollare tutto non appena scoppia il boom elettrico! e non insultare, prego...
Pagine