NEWS

L’Alfa Romeo Giulia per i Carabinieri

Pubblicato 18 maggio 2021

Prosegue la storica collaborazione tra Alfa Romeo e Carabinieri, che riceveranno 1.770 Giulia per il controllo del territorio.

L’Alfa Romeo Giulia per i Carabinieri

LA CERIMONIA - L’Alfa Romeo Giulia Radiomobile 2.0, ossia la versione personalizzata della berlina per l’utilizzo da parte delle forze dell’ordine italiane, è stata consegnata a Torino presso il Centro Stile, sede del nuovo quartier generale del Biscione. Si tratta della prima di una flotta di 1.770 esemplari che verranno utilizzate dall’Arma dei Carabinieri per il controllo del territorio. Alla cerimonia di consegna hanno partecipato, tra gli altri, il presidente del gruppo Stellantis, John Elkann, il comandante generale dell’Arma dei Carabinieri, Teo Luzi, il ceo del Brand Alfa Romeo, Jean-Philippe Imparato.

EQUIPAGGIAMENTO SPECIALE - L’Alfa Romeo Giulia Radiomobile 2.0 è equipaggiata con un 2.0 turbo benzina da 200 CV con cambio automatico a 8 rapporti in livrea blu istituzionale. L’allestimento delle vetture è stato sviluppato secondo le richieste dell'Arma. Fanno parte delle dotazioni specifiche i due lampeggianti con luce laterali e faro orientabili, lampeggianti led su specchi retrovisori esterni, parabrezza blindato (livello B4) e cristalli laterali e lunotto antisfondamento (anteriori antiframmentazione), porte anteriori blindate con protezione piedi scendenti (livello B4), protezione antiscoppio del serbatoio carburante, due porta arma elettromeccanico, cellula detenuto unipersonale (permette un terzo equipaggio), portagiubbotti antiproiettili in abitacolo, due porta tonfa e paletta, radio in posizione centrale per l'utile impiego da parte di entrambi i componenti dell’equipaggio, e sistema di amplificazione e diffusione esterno vettura.

UNA STORICA COLLABORAZIONE - Il sodalizio tra Alfa ROmeo e l’Arma dei Carabinieri è storico, poiché nato nel secondo dopoguerra; la prima Alfa Romeo dell’Arma è stata la 1900 M “Matta” nel 1951. Un anno dopo, con la berlina 1900, è nata la Gazzella, che nel linguaggio dell’Arma, rappresenta il concetto di pronto intervento. La sua discendente diretta fu la Giulia degli Anni 60, che venne impiegata dal 1963 al 1968. Da allora il legame tra l’Arma e Alfa Romeo è proseguito negli anni: Alfetta, 90, 75, 155, 156 e 159, arrivando fino alla Giulia Quadrifoglio. Molte di queste vetture sono esposte presso il Museo Alfa Romeo di Arese, nella sezione “Alfa Romeo in Divisa” realizzata in collaborazione con l’Arma e inaugurata il 24 giugno 2020 in occasione del centodecimo compleanno del brand. In esposizione permanente sei selezionati modelli.

Alfa Romeo Giulia
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
1254
214
105
114
205
VOTO MEDIO
4,2
4.161735
1892




Aggiungi un commento
Ritratto di mondoka
18 maggio 2021 - 11:31
Finalmente!
Ritratto di Volpe bianca
18 maggio 2021 - 11:33
Tutte quadrifoglio però! Altrimenti come fanno a stare dietro ai furgoni truccati degli zingari.....
Ritratto di MauroMecallo
18 maggio 2021 - 12:37
1
Alla buon'ora!!! Ne scapperanno più pochi di furgoni, anche quelli truccati. Mauro.
Ritratto di Antonio D.
18 maggio 2021 - 17:48
1
Hai voglia a truccare i furgoni per sfuggire a delle Giulia 2.0 Turbo Benzina con 200 CV e cambio automatico !!! Autentiche frecce... Top.
Ritratto di Volpe bianca
18 maggio 2021 - 18:35
@Antonio D. era solo una battuta, sfuggire con un furgone ad una Giulia 200cv....nemmeno Hamilton :D :D
Ritratto di querelle61
21 maggio 2021 - 14:39
beh il vecchio pickup Nissan 3.2 opportunamente taroccato potrebbe dargli davvero molto filo da torcere ;)
Ritratto di Ferrari V12 6-5L
18 maggio 2021 - 12:06
Che almeno i nostri soldi vadano usati per comprare VERE macchine, e non scatolette su ruote come le leon.
Ritratto di marcoveneto
18 maggio 2021 - 12:27
O la Giulietta
Ritratto di Pierre Cortese
18 maggio 2021 - 12:38
1
Vabbè, tra tutt'e due è una lotta tra titani :-)
Ritratto di karumaji
18 maggio 2021 - 12:40
O la turca
Pagine