NEWS

La Fiat potrebbe “congelare” gli investimenti sull'Alfa Romeo

01 dicembre 2009

Per risanare i conti in rosso dell'Alfa, alla Fiat potrebbe convenire fermare ogni investimento, anziché tentare l'ennesimo rilancio con le future Giulia e “169".

DUE STRADE - La notizia, che viene riportata da autonews.com, è di quelle shock. E giunge proprio in un periodo nel quale non si fa altro che parlare dell'erede della 147, che probabilmente si chiamerà Giulietta (leggi qui la news), delle future Giulia e “169” che dovrebbero condividere il pianale con la nuova Chrysler 300C, e far segnare il ritorno della trazione posteriore sulle auto del Biscione.

Secondo autonews.com, per risanare i conti in rosso dell'Alfa Romeo, Sergio Marchionne si troverebbe di fronte a due strade: o puntare sui nuovi modelli che nasceranno dal matrimonio con Chrysler, o “congelare” ogni investimento affidando il futuro prossimo all'attuale gamma, puntando soprattuttosu MiTo (nella foto in alto) e Giulietta (ex Milano).

Sulle scelte di Marchionne pesa il passato recente dell'Alfa Romeo: negli ultimi 10 anni le vendite della Casa non sono mai decollate. L'anno scorso l'Alfa ha venduto 103.000 auto contro le 203.000 del 2000. Secondo le indiscrezioni, negli ultimi 10 anni ha perso tra i 200 e i 400 milioni di euro l'anno.

 

alfa_romeo_156.jpgalfa_romeo_147.jpg
La 156 (a sinistra), e la 147 (a destra) sono state tra le Alfa Romeo più indovinate degli ultimi 10 anni.

 

FUOCO DI PAGLIA - Troppo spesso si è cercato di far rinascere l'Alfa Romeo senza riuscire nell'intento. Una delle cause sarebbe il fatto che a ogni modello di successo non è mai seguita un degno erede. Nel 1997 l'Alfa presentò la 156, un'auto nata su un autotelaio specifico e con un design che fece breccia nel cuore degli “alfisti”. Nel 2000 ne furono vendute 120.000 unità, ma l'Alfa non seppe mai capitalizzare fino in fondo tale tendenza positiva. Certo, la 147 si impose subito sul mercato e dal 2001 al 2003 ne furono vendute oltre 100.000 unità; ma già nel 2004 la sua stella iniziò a spegnersi per l'arrivo dell'Audi A3 e della BMW Serie 1 che hanno ridefinito il concetto di “compatta di lusso”.

L'ULTIMO TENTATIVO - Nel 2005 la Fiat ha cercato di rilanciare nuovamente l'Alfa Romeo con la 159 e le “derivate” Brera e Spider. Ma le auto hanno mancato l'obiettivo di vendere 120.000 unità l'anno: al massimo hanno raggiunto gli 80.000 pezzi nel 2007. Nonostante un aspetto personale e da “vera” Alfa, la famiglia 159 non convinse mai fin dagli esordi, per via del peso troppo elevato, dei motori a benzina poco brillanti e di una qualità costruttiva ancora distante da quella delle migliori tedesche.



Aggiungi un commento
Ritratto di Alfonso_
1 dicembre 2009 - 18:32
spero davvero sia una bufala delle solite.....anche perchè che discorso è tagliare i fondi per risanare???? già alfa non ha auto, se poi si tagliano fondi cosa rimane?? niente?? ok abbiamo mito e giulietta che saranno super complete, ma il ragionemanto è stupido......fiat era in rossissimo ma hanno fatto modelli nuovi in 3 secondi (vedi gp panda bravo 500 gp evo croma)....e la Y? avrà una gamma completa in poco tempo!!! e non ha auto e ha meno nome di alfa nel mondo....allucinante...........................spero non sia vero......inoltre che senso ha dire che le vendite alfa son crollate??? miseria è già tanto che venda così con tante auto che hanno 10 anni!!!! che discorsi
Ritratto di El bocia
1 dicembre 2009 - 19:09
non condivido molto il confronto con serie 1 e audi a3 della 147, sebbene si parli di auto premuim o non premium...ricordiamoci che nel 2003 è uscita la golf 5 che ha preso gran parte dei clienti alfa...effetivamente stanno ammetendo che non riescono a fare un prodotto decente, è il primo passo per migliorarsi, io sarei stracontento se facessero delle auto belle nella loro interezza e a prezzi bassi, ma non possono sperare di "rubare" clienti a bmw e audi perchè il target dei clienti è troppo diverso...chi ha bisogno di "immagine" punta sulle tedesche...
Ritratto di vitomariemont
1 dicembre 2009 - 20:41
...l'eterno paragone con le solite audi o altre pessime bmw che non si meritano nessuna maiuscola. Ho detto bene solite da non confondere con solide. All'ACI si sà la vera verità, sti paracarri tedeschi sono i più soccorsi, non valgono un chiodo, piantatela con stà qualità tedesca, nessuno se le tiene, saturano il mercato dell'usato, non è difficile costatare che appena arrivano in fine garanzia, 9 utenti su 10 se ne sbarazzano, evvviiiiiaaaaaaa!!!!
Ritratto di El bocia
1 dicembre 2009 - 22:21
puoi dire quello che vuoi...intanto è l' alfa che sta x chiudere...
Ritratto di vitomariemont
2 dicembre 2009 - 00:31
se capisco bene fai parte dei 9 utenti su 10...sai da quante crisi è uscita l'Alfa? Il target di clienti sarebbero dei mitomani o addirittura pappagalli?
Ritratto di paolino bmw
2 dicembre 2009 - 08:06
Non è che le le BMW siano pessime e le ALFA siano buone, come asserisci tu. E' una mera questione di design, che può piacere o meno. Personalmente ti posso dire che ho avuto l'ALFA 145, ora ho la BMW 116. Devo dire che mi sono trovato benissimo con entrambe le auto; la BMW è meglio, ma è logico che sia così, sono passati 12 anni da quando acquistai la 145. A proposito, ti volevo far notare che io l'ho scritte entrambe con la maiuscola. Paolino
Ritratto di El bocia
2 dicembre 2009 - 11:26
ma quali prove?.....
Ritratto di Alessandro
1 dicembre 2009 - 19:14
Perchè la 156 io orami la definirei MITICA era un alfa romeo non al 100% ma quasi,stesso discorso per la 147. Queste nuove non dicono niente,la Mito tipica vetturetta da bambino esaltato e basta,che crede di guidare Alfa Romeo e non sa che la sua alfa non vale di più di una Grande Punto. La 159 e Brera sono bellissime ma quanto pesano è una cosa spropositata,erano altri tempi ma il DUETTO pesava 900 chili l'odierna spider arriva ai 1650 roba da Suv di medie dimensioni. Da amante della guida avrei preso volentieri una 147 ma penso che quando arriverà il momento sarà troppo tardi e mi orienterò altrove.
Ritratto di Sprint105
1 dicembre 2009 - 19:25
per rilanciare l'Alfa Romeo basta costruire delle vere Alfa Romeo e non macchine così e così. Quando lo capiranno, l'Alfa tornerà grande, altrimenti meglio che vendano il marchio a gente più furba. PS: E dire che con la 156 e la 147 avevano imboccato la strada giusta, poi si sono persi...
Ritratto di ste85gangy
1 dicembre 2009 - 19:46
devono rilanciare?? e facessero delle macchine no dei salami con le ruote l'alfa di una volta belle, di prestigio, sportive ,leggere imbattibili quasi, anche sui modelli piccoli si deve distinguere un alfa come una volta motori potenti per tutte le alfa e non 1.4 75 cv ma che parta da 1.4 gia con 150cv da vera alfa e poi facesse le linee piu cattive non come la mito ha il muso a paperino ma come la 159 poi più leggere con 1500kg e 120cv do vanno le 159 mi nonno col trattore le fuma poi trazione posteriore come bmw poi si devono rifarsi il nome di auto di qualità perchè fin ora alfa lancia e fiat sono auto che cascano a pezzi dopo un pò di anni ed è un peccato per un marchio così
Pagine