Alfa Romeo

All'inizio si chiamò “Anonima Lombarda Fabbrica Automobili”, il cui acronimo era ALFA, ma nel 1918 al nome si aggiunse la parola "Romeo" in seguito all'acquisizione del controllo della società milanese da parte di Nicola Romeo. Ovviamente, stiamo parlando dell'Alfa Romeo, una leggenda industriale italiana, fondata il 24 giugno 1910 e oggi appartenente al gruppo FCA, dopo una lunga parentesi pubblica cominciata nel 1933 e terminata nel 1986. 
 
La casa italiana si specializzò nella realizzazione di vetture sportive: proprio con un'Alfa Romeo si mise in luce il giovane Enzo Ferrari, giunto secondo alla guida della 20-30 HP nella Targa Florio del 1920 mentre nel 1925 l'Alfa vinse il suo primo titolo mondiale con la P2. Nella sua lunga carriera agonistica il marchio milanese si è aggiudicato con le monoposto 158/159 (dette Alfetta) i primi due titoli mondiali di Formula 1 nel 1950 e 1951 (con Nino Farina e Juan Manuel Fangio) e, con la 33, la serie iridata Sport Prototipi nel 1975 e nel 1977.  
 
Tra la fine degli anni 60 e l'inizio del decennio successivo, all'apice della capacità produttiva, la casa contava quasi 29.000 dipendenti, impegnati in tre stabilimenti (Portello, Arese e Pomigliano d'Arco). Nella sua storia l'Alfa Romeo ha costruito anche furgoni, camion, autobus, filobus e motori aeronautici. Ma sono molte delle sue auto a essere rimaste nell'immaginario collettivo, come la 6C 1750, una delle vetture sportive più rappresentative degli Anni 30, o le Giulietta degli anni 50, fino alla Giulia GTA, l'auto da battere nelle gare per vetture turismo degli anni 60, e all'Alfetta degli anni 70 e 80: la berlina sportiva per eccellenza. Sua erede è la Giulia del 2016, da cui deriva la suv Stelvio: modelli dallo stile inequivocabilmente italiano e universalmente lodati per le qualità di guida e le prestazioni. Altra grande novità arriva a inizio 2021: l'Alfa Romeo, come tutti i marchi del gruppo FCA, entra a far parte di Stellantis, il maxi-gruppo derivato dalla fusione con la francese PSA. Ma il primo prodotto arrivato dopo questa unione non sfrutta ancora le sinergie: si tratta della suv media Tonale del 2022, la cui base meccanica si può far risalire a modelli della FCA, come la Jeep Compass.

Novità Alfa Romeo

Video Alfa Romeo

  • Alfa Romeo Tonale 1.3 Plug-In Hybrid Q4
    Nella versione ibrida “ricaricabile” la crossover media Alfa Romeo Tonale diventa 4x4, ha 280 CV ed è agile quanto brillante. Il baule, però, è meno capiente. Qui per saperne di più.
  • Alfa Romeo Tonale
    Anche nella briosa variante con il 1.6 diesel da 131 CV la crossover media Alfa Romeo Tonale si fa apprezzare per lo sterzo preciso e la buona maneggevolezza. Però, il cambio a doppia frizione tiene fin troppo le marce basse e le "palette" al volante si pagano care. Qui per saperne di più.
  • Alfa Romeo Tonale: il primo contatto
    L’Alfa Romeo Tonale è la prima crossover media del marchio: in questa versione ibrida ha un raffinato motore ibrido da 160 CV che, però, è reattivo solo in modalità Dynamic. Bene tecnologia e aiuti alla guida. Qui per saperne di più.
  • La fabbrica della Tonale
    Nella fabbrica di Pomigliano è iniziato l’assemblaggio dell'Alfa Romeo Tonale, in vista delle consegne previste a giugno. È il primo passo verso un piano di rilancio con cui il l'Alfa punta a raddoppiare le vendite su scale globale. Qui per saperne di più.
  • Alfa Romeo Tonale
    A tre anni dalla concept debutta la Tonale prima suv media dell’Alfa Romeo, che ha elettronica e motori al passo con i tempi. L’abbiamo vista dal vivo e ci siamo saliti sopra: ecco com’è. Qui per saperne di più.
  • Intervista Jean-Philippe Imparato
    Abbiamo parlato con il ceo dell’Alfa Romeo del ruolo della Tonale, delle scelte fatte in corso d’opera, degli sviluppi del progetto e di come verrà venduta l’auto (gamma snella e addio ai km zero). Qui per saperne di più.

Primi contatti Alfa Romeo

Prove Alfa Romeo

dagli archivi

  • Torna l’Alfa Romeo Giulia GT, ma con un cuore elettrico

    La Totem Automobili intende portare su strada, nel 2020, una riedizione della Giulia GT, elettrica e con carrozzeria in fibra di carbonio.
  • Una Giulietta a Portofino

    Una nostra lettrice ha sorpreso, nella nota località Ligure, la nuova berlina del Biscione. È la prima volta che la si vede su strada senza camuffature.
  • Alfa Romeo Giulietta, nuove foto spia

    Alcuni esemplari leggermente camuffati permettono di osservare la Giulietta in tre colori diversi: grigio, nero e bianco abbinato con i cerchi "a telefono".