Arcfox ECF: c’è la mano di De Silva

08 marzo 2019

La cinese Arcfox al Salone di Ginevra 2019 ha presentato la suv ECF, disegnata da Walter De Silva, e la supercar GT, entrambe elettriche.

Arcfox ECF: c’è la mano di De Silva

DALLA CINA CON FURORE - La Arcfox è il marchio destinato alle auto elettriche della BAIC, quarto produttore di auto in Cina. Al Salone di Ginevra 2019, la casa cinese ha presentato la concept ECF e la sportiva GT nelle varianti Street Edition e Track Edition.

ARCFOX ECF - La Arcfox ECF (foto qui sopra) è stata disegnata da Walter De Silva, che in passato ha guidato i centri stile di Alfa Romeo, Audi e gruppo Volkswagen, il quale nel 2017 ha ricevuto il compito di realizzare lo stile delle vetture della casa cinese. La Arcfox ECF è appunto il primo frutto del suo lavoro ed è caratterizzata da linee pulite e minimaliste, con gruppi ottici a led molto sottili e specchietti retrovisori sostituiti da microcamere sui passaruota. Anche gli interni della vettura proseguono lo stile minimalista della carrozzeria; troviamo un cockpit pulito, un volante a forma di U con pulsanti su ogni lato e il selettore del cambio posizionato di fronte al bracciolo che si estende dalla parte anteriore fino ai singoli sedili posteriori. Dal punto di vista tecnico la Arcfox ECF ha un motore elettrico che può contare su un’autonomia di oltre 600 km. Non manca un sistema di guida autonoma di livello 3.

ARCFOX GT - La Arcfox GT (foto qui sopra) è invece è una supercar che, grazie ai quattro motori elettrici posizionati su ogni ruota, esprime l’incredibile potenza di 1.632 CV e 1.320 Nm, numeri che fanno scattare la vettura da 0 a 100 km/h in 2,59 secondi. La Arcfox ha inoltre presentato la variante Track Edition, dedicata alla pista e caratterizzata dal pacchetto aerodinamico con ala fissa posteriore, cofani ad apertura rapida e cerchi di lega monodado.



Aggiungi un commento
Ritratto di Alfiere
8 marzo 2019 - 18:32
1
Vedo De Silva, metto mi piace.
Ritratto di elakos
8 marzo 2019 - 20:30
Ci sarà pure la mano di De Silva, ma deve averla nascosta nei pantaloni.
Ritratto di Giuliopedrali
9 marzo 2019 - 10:04
La supercar credo sia stata disegnata mentre De Silva era ancora in volo Malpensa - Pechino o Shangai, la crossover aggiustando alcune cose per il modello di serie, si vede una certa sapienza italiana, carina, in ogni caso queste super elettriche cinesi sono tutte incredibili. Aggiungo che una cosa meravigliosa del design cinese, è che di solito l'auto di serie è migliore del prototipo, mentre da noi i prototipi "realistici" cioè quasi definitivi sono stupendi, quelli italiani poi, passando alla serie spesso diventano auto banali, infatti se l'Alfa romeo Tonale sarà davvero così sarebbe una delle auto migliori al mondo. Ma siamo nelle mani di FCA...
Ritratto di Agl75
10 marzo 2019 - 22:17
0-100 in 2,59 secondi ma ai 200 ci arriva o le batterie si scaricano prima? Chinese Technology...
Ritratto di Dr.Torque
11 marzo 2019 - 09:19
Pensate a cosa facevano i cinesi 10 anni fa, guardate cosa fanno oggi ed avrete un'idea di come sarà il futuro.
Ritratto di ziobell0
11 marzo 2019 - 10:45
Interessante la supercar. L'altra è una saponetta
Ritratto di Giuliopedrali
11 marzo 2019 - 16:20
Esteticamente non do un giudizio, nel senso che ormai il design cinese è leader e queste Arcfox non sono nemmeno tra le migliori nonostante De Silva. L'altro giorno sono stato ad un convegno sul design ed essendo qui nel nordest si parlava di mobili di design, di alta gamma, non di auto, per farla breve, quasi il 90 % dei nostri mobili più raffinati va all'estero in particolare in Germania e ancora di più in Francia perchè a quei livelli loro non sanno realizzarli, sapete chi sta iniziando a realizzarli a quei livelli e forse anche meglio, detto da imprenditori che sono nel settore da 40 anni e hanno fatto diventare trainante il settore, dai cinesi...
Ritratto di Giulio Menzo
7 agosto 2019 - 16:08
A me piace solo la linea della supercar ed il resto no,e poi la Divo o la Battista sono molto meglio
Ritratto di Giulio Menzo
7 agosto 2019 - 16:09
Anche se le disegna De Silva