NEWS

Area C di Milano: dal 2019 ingresso a pagamento per le ibride

8 ottobre 2018

Dal primo ottobre dell’anno prossimo cade l'esenzione dal ticket per le auto ibride che entrano nella cerchia dei Bastioni del capoluogo lombardo.

Area C di Milano: dal 2019 ingresso a pagamento per le ibride

ESENZIONE ADDIO - Con l’introduzione delle nuove norme per contenere l’inquinamento, il comune di Milano ha annunciato che non rinnoverà la deroga per l’esenzione dal pagamento del ticket dell’Area C riservata alle auto ibride. Pertanto, a partire dal primo ottobre 2019, le vetture di questo tipo che circolano entro la cerchia dei Bastioni del capoluogo lombardo, dovranno pagare 5 euro a ingresso. Tuttavia, la norma non è uguale per tutte le ibride: a pagare l’Area C sono quelle che emettono più di 75 grammi/km di CO2 e, dal 2023, quelle che producono più di 50 grammi/km di CO2. Per capire a quale categoria appartenga la propria auto, il dato è riportato sul libretto di circolazione. Comunque sia, è una cattiva notizia per quanti hanno acquistato un’auto con motore termico ed elettrico proprio per muoversi più liberamente. Si parla, secondo i dati dell’Aci, di 22.000 veicoli immatricolati fino a dicembre 2017 solo a Milano che, sommati a quelli presenti nel resto della Lombardia, diventano oltre 52.000. 



Aggiungi un commento
Ritratto di Fr4ncesco
8 ottobre 2018 - 14:23
2
Le agevolazioni sono una truffa perchè prima invogliano all'acquisto, poi il numero quando diventa considerevole acchiappano una nuova fascia di utenti da spennare. Vedrete che quando prima o poi le auto saranno elettriche passeranno le accise dalla benzina alla corrente. L'evoluzione si vede in termini tecnologici, non in misure politiche e in questi anni ci proprinano molti specchi per le allodole.
Ritratto di Claus90
8 ottobre 2018 - 14:33
Concordo alla fine sono tutti modi per fare cassa, creare nuovi disagi e spennare le persone che lavorano tutto il giorno.
Ritratto di Lo Stregone
15 ottobre 2018 - 17:52
cosa importa alle amministrazioni della gente che lavora.
Ritratto di Santhiago
8 ottobre 2018 - 15:39
Già
Ritratto di Mbutu
8 ottobre 2018 - 16:27
Di questa cosa non ne sarei così certo. C'è da tener presente che non è che ci sia una corrente "dedicata" alle auto. E' la stessa che alimenta tutte le normali attività. Quindi qualcosa se lo inventeranno di certo ma non potranno forzare come hanno fatto per i carburanti.
Ritratto di Luke_66
8 ottobre 2018 - 17:15
4
Forse dovresti informarti meglio... con il tuo 3kW di casa ci metteresti 48h a caricare una batteria da 100KW quindi se ti prendi una elettrica ti devi fare il wall box in garage e per quello il contratto per l'energia te lo fanno con il prezzo che vogliono loro altro che uso domestico...
Ritratto di Mbutu
10 ottobre 2018 - 12:42
La wall box la colleghi al contatore di casa ed utilizza la stessa tariffa (se non mi credi via sul sito enelx). Di sicuro ti servirà aumentare la potenza, ed è li che "qualcosa se lo inventeranno di certo". Nel senso che potranno decidere di mettere delle accise sulla quota potenza o sulla quota energia oltre certi consumi. Ma già mi vedo la gente che comincerà a frazionarsi le utenze.
Ritratto di Giulk
9 ottobre 2018 - 11:55
Esattamente
Ritratto di deutsch
8 ottobre 2018 - 14:27
4
scelte incomprensibili di milano, ed il bello è che queste regole, come il blocco diesel, vale solo per il privato, non per la PA ect. troppo comodo. nel frattempo non ho notizia di nuovi trasporti ......
Ritratto di Lo Stregone
15 ottobre 2018 - 18:00
Le PA & co. sono sempre "esenti" da tutto per legge, in quanto servizi di pubblica utilità.
Pagine