NEWS

I benefici dell'auto connessa

29 dicembre 2016

L’indagine Connected Car Effect 2025 della Bosch analizza i pregi delle auto che comunicano tra loro per prevenire situazioni pericolose.

I benefici dell'auto connessa

SISTEMI IN AUMENTO - La cosiddetta “auto connessa” avrà un grande impatto non solo in termini di sicurezza, ma anche sull'ambiente, portando a una drastica riduzione nel numero di incidenti, feriti e vittime. Lo certificano i risultati dello studio Connected Car Effect 2025, realizzato dalla Bosch, che valuta l’influenza di queste tecnologie nel periodo fino al 2025. Automobile connessa è una definizione nella quale rientrano le forme di comunicazione da un’automobile ad un’altra, da un’automobile a un’infrastruttura (un semaforo, una colonnina a bordo strada) o da un’automobile a vari servizi online, grazie ai quali sarà possibile ricevere avvisi in tempo reale e modificare di conseguenza il percorso o dirigersi senza perdite di tempo verso un parcheggio libero. 

PERICOLI SEGNALATI - L’indagine è stata realizzata attraverso simulazioni in Cina, in Germania e negli Stati Uniti, dove la Bosch stima che fra nove anni il 90% di tutte le automobili sia equipaggiato con il controllo di stabilità e il 40% con i sistemi di ausilio alla frenata d’emergenza e per mantenere l’auto nella corsia. I sensori utilizzati da questi sistemi potranno in futuro raccogliere determinate informazioni, ad esempio sull’aderenza del manto stradale, che verranno poi condivise dall’impianto di bordo alle vetture che sopraggiungono: in tal modo sarà più facile prevenire una fonte di pericolo, ad esempio quando collocato dopo una curva o in una posizione non facilmente visibile. Dai risultati è emerso che sistemi analoghi possono contenere sensibilmente il numero di incidenti, facendoli diminuire di 260.000 unità nel 2025 rispetto ai valori odierni. 

TEMPO RISPARMIATO - Il numero di feriti potrebbe ridursi di 350.000 unità, di cui 290.000 solo negli Stati Uniti, mentre il numero sarebbe inferiore in Germania (37.000) e in Cina (25.000). Lo stesso vale per i decessi (11.000 in meno), ma si risparmieranno anche 400.000 tonnellate di anidride carbonica e 4,3 miliardi di euro in materiali e costi di riparazione dopo incidenti stradali. Le tecnologie di guida sempre più automatizzata, secondo le proiezioni della Bosch, consentiranno alla persona al volante di ritagliarsi molto più tempo libero: l’80% delle ore trascorse oggi alla guida potranno essere impiegate per fare altro, grazie all’assistenza del pilota semi-automatico, che prenderà il controllo dell’automobile in frangenti di guida non troppo impegnativi. Lo stesso varrà per il tempo sprecato a cercare un parcheggio libero, che potrebbe far risparmiare nei tre Paesi circa 70 milioni di ore.

Aggiungi un commento
Ritratto di monodrone
30 dicembre 2016 - 11:17
Bah.
Ritratto di board90
31 dicembre 2016 - 09:53
5
perché? Vedrai dei treni su gomma..
Ritratto di MATTEOTANGO44
3 gennaio 2017 - 11:32
Si ok benefici ma......tutte quelle comunicazioni viaggiano come? Onde radio o robe del genere comunque senza fili che sicuramente a lungo andare in gran quantità non fa per niente bene al corpo umano. E poi basta guida autonoma basta! Se volete stare seduti e non fare nulla prendete il trento e in citta il bus. Ma se vuoi guidare usi la macchina non un treno su ruote come qualcuno ha già detto...
Ritratto di Dr.Torque
4 gennaio 2017 - 09:34
Un sistema che mi dice dove trovare un parcheggio libero e che mi avvisa che dietro la prossima curva o là in mezzo alla nebbia c'è un incidente lo vorrei subito sulla mia auto. Però vorrei continuare ad essere io a guidarla, almeno fino a quando non sarò vecchio e incapace al punto da farmi portare a spasso da un'auto che si guida da sola. A proposito... per possedere e circolare su un'auto a guida totalmente autonoma sarà ancora necessario avere la patente?
Ritratto di caronte
28 gennaio 2017 - 09:08
............