NEWS

Benzina: altre tasse per il terremoto

30 maggio 2012

Il governo ha deciso l'aumento di due centesimi dell'accisa sui carburanti: i soldi saranno destinati agli interventi necessari per i danni causati dal sisma in Emilia-Romagna.

COME IN PASSATO - Altri due centesimi di accisa sui carburanti: l’ha appena deciso il governo, per reperire fondi a favore delle popolazioni colpite dal terremoto in Emilia-Romagna. Il consiglio dei ministri, sull'emergenza terremoto, ha inoltre varato un decreto di rinvio dei versamenti fiscali e contributi a settembre. In più, va ricordato che in caso di emergenza le singole regioni possono alzare le accise sui carburanti fino a un massimo di cinque centesimi. Analoghe misure erano state prese per l’alluvione di Firenze del 1966, il terremoto del Belice del 1968, quello del Friuli del 1976 e il sisma in Irpinia del 1980.

I PREZZI DI IERI - Senza la nuova accisa di due centesimi, le medie nazionali erano a 1,837 euro/litro per la benzina, contro 1,732 per il gasolio, con punte massime oltre quota 1,9 per la prima e 1,76 per l’altro: lo rileva il monitoraggio di quotidianoenergia.it di ieri. Con le quotazioni internazionali di benzina e diesel salite ancora, e i prezzi delle compagnie tradizionali stabili, a salire lievemente sono state benzina e diesel delle pompe no-logo (quelle senza marchio, vedi qui), rispettivamente a 1,746  e 1,612.

Aggiungi un commento
Ritratto di MatteFonta92
30 maggio 2012 - 13:23
3
Invece di sacrificare un po' dei loro stipendi per poi destinarli ai terremotati, i nostri politici se le inventano tutte... un po' di buon senso ogni tanto no, eh?
Ritratto di Delicious
30 maggio 2012 - 13:32
3
Mettete i vostri soldi politici, non i nostri.
Ritratto di Montreal70
30 maggio 2012 - 13:45
Che vadano al diavolo. Io devo pagare ogni anno migliaia di euro di accise per viaggiare in strade medioevali. Tanto ai terremotati daranno ben poco, i precedenti non mancano.
Ritratto di osmica
30 maggio 2012 - 13:46
Non basterebbe destinare i soldi per la famosa e deterna guerra in Etiopia per i terremotati?
Ritratto di Luk maserati
30 maggio 2012 - 14:51
2
Tutte le accise temporanee per eventi catastrofici o guerre che poi permangono negli anni per avere maggiori entrate invece di decadere, sommandosi pian piano e portando doppio guadagno allo stato con il gioco dell'accisa+iva. Una vergogna. Spero solo che raggiunga i veri bisognosi.
Ritratto di gaspro
31 maggio 2012 - 11:35
Voi non capite, con quei soldi stiamo finanziando l'arma finale per finalmente sbarcare in Etiopia e farla nostra. L'italia dominerà il mondooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooo hahah ahahahah ahahahah (risata satanica)
Ritratto di osmica
30 maggio 2012 - 13:48
"per l’alluvione di Firenze del 1966, il terremoto del Belice del 1968, quello del Friuli del 1976 e il sisma in Irpinia del 1980." E NON FURONO MAI TOLTE! Finchè il cavallo campa...
Ritratto di Montreal70
30 maggio 2012 - 14:12
Ma questi soldi che strada prendono? Se i prelievi fiscali devono avere dei principi di fine, come mai al belice quei soldi non arrivano (abito in zona, le tranche sono decennali)?
Ritratto di Etneo
30 maggio 2012 - 14:08
Aumenta la benzina. Vi starete chiedendo: beh? Dov'è la novità? La novità è che aumenta solo di due centesimi.
Ritratto di mix1977
30 maggio 2012 - 14:17
che poi non capisco... ma il governo non stanzia un centesimo per rimborsare i danni... (ma guadagna dall'iva delle riparazioni/ristrutturazioni e ricostruzioni) e in compenso continua a mettere accise su accise per il terremoto quà, l'alluvione là... ma io mi chiedo... tutti sti soldi che come precisano sono raccolti per la POPOLAZIONE.... dove diavolo vanno? forse sbaglio la domanda.... chi è la POPOLAZIONE a cui sono diretti? (non è che sia la popolazione di palazzo chigi?.... ) e nel tempo ho avuto occasione di avere purtroppo amici che hanno sperimentato entrambe le sciagure.... a soave 2 anni fà..... e adesso in emilia..... ma il primo non ha ricevuto un centesimo dallo stato... che però le accise le ha messe..... e mai tolte.....
Pagine