NEWS

BMW 740e, l’ammiraglia diventa ibrida

15 luglio 2016

Il modello di punta del marchio tedesco è disponibile nella variante ibrida che migliora le prestazioni e riduce i consumi.

BMW 740e, l’ammiraglia diventa ibrida

FINO A 500 NM DI COPPIA - La tecnologia eDrive sviluppata per le BMW con la “i”  debutta sull’ammiraglia di lusso BMW Serie 7 in tre varianti, la 740e iPerformance a passo normale, la 740Le iPerformance a passo lungo e la 740Le xDrive iPerformance a trazione integrale permanente. In comune hanno il sistema che abbina il quattro cilindri benzina TwinPower Turbo con un motore elettrico. Il primo è un 2 litri da 258 CV e 400 Nm di coppia massima, il secondo è integrato interamente nel cambio Steptronic a otto rapporti ed eroga 83 kW (113 CV) e 250 Nm portando la disponibilità di potenza complessiva a 326 CV e della coppia a 500 Nm. La tecnologie ibrida è completata dal sistema di recupero dell’energia in frenata che sfrutta il motore elettrico come generatore di “corrente” per le batterie e dalla spina per la ricarica presso una normale presa di corrente (4 ore per il “pieno), una wallbox (meno di 3 ore) o una colonnina pubblica (tempo variabile in base alla potenza disponibile). 

QUASI 50 KM CON UN LITRO - La combinazione tra i due motori consente alle BMW 740e di avere un elevato spunto in accelerazione e ripresa grazie alla forte spinta dell’unità elettrica a bassi regimi. A confermarlo sono i dati ufficiali di accelerazione che prevedono 5,4” (5,5 per la Le) per scattare da 0 a 100 km/h. A guadagnarne sono pure i costi per il rifornimento generati dalla minore “sete” dell’ammiraglia. I consumi dichiarati per la 740e e la 740Le variano in base alla misura degli pneumatici montati, con il valore massimo nel ciclo urbano di 2,2 l/100 km equivalente ad emissioni di CO2 di 50 grammi/km (2,0 l/100 km e 45 g/km i valori minimi). Dati contenuti ottenuti grazie alla possibilità di percorrere circa 44-48 km in modalità elettrica con i 7,4 kWh di energia stivati nelle batterie nascoste sotto la panca posteriore per non rubare spazio al bagagliaio di 420 litri. Per la 740Le xDrive l’autonomia a zero emissioni scende a 41-45 km e il consumo misto sale a 2,5 l/100 km con rilascio di 56 g/km di CO2 (2,1 e 49 g/km con gli pneumatici più favorevoli). In compenso, la spinta sulle quattro ruote riduce il tempo di accelerazione per raggiungere i 100 km/h con partenza da fermo a 5,3” e assicura superiore tenuta di strada su qualsiasi fondo e maggiore agilità nella guida dinamica su percorsi tortuosi. 

MAX PER EMMISSIONI ZERO - Le BMW 740e possono viaggiare con diverse modalità di guida. Con la funzione Auto il sistema ibrido è programmato per ottimizzare l’efficienza propulsiva sfruttando al massimo il motore elettrico per gli spostamenti a bassa e media velocità e attivando il 4 cilindri superati gli 80 km/h o quando è richiesta elevata potenza, come durante le fasi di sorpasso o in salita. Con la funzione Max si attiva l’opzione a zero emissioni che consente di viaggiare fino a 140 km/h solo con la spinta dell’unità elettrica, con quella a benzina che si inserisce soltanto quando l’energia negli accumulatori è ridotta o in caso di necessità premendo con decisione sull’acceleratore. Possibile pure scegliere la configurazione Battery Control per determinare un livello di ricarica delle batterie compreso tra il 30 e il 100% in modo da assicurarsi la guida a emissioni zero nel momento desiderato. Un’opzione comoda, ad esempio, per viaggiare in autostrada utilizzando la benzina e ricaricando le batterie con il motore termico e, arrivati in città, entrare in centro con modalità elettrica. 

ASSETTO A PIACERE - Come altre BMW, le 740e prevedono il comando Driving Experience Control per selezionare la taratura dell’assetto preferita. La scelta è tra le modalità la Eco Pro pensata per ottimizzare l’efficienza, la Comfort per migliorare l’assorbimento delle asperità stradali e la Sport per esaltare le doti di stabilità e tenuta di strada. Una quarta opzione è la Adaptive che regola in automatico il settaggio di sospensioni, ammortizzatori e sistemi elettronici per il controllo della vettura in base allo stile di guida del conducente e all’andamento della strada. Di serie sono pure il display touchscreen, il pacchetto di navigazione ConnectedDrive, i sistemi per l’integrazione con gli smartphone comprendenti la ricarica induttiva del telefono e quelli per il riscaldamento o il rinfrescamento dell’abitacolo a vettura ferma. Lungo l’elenco degli optional, tra i quali citiamo i sedili con aerazione attiva, funzione massaggio e riscaldabili, l’head-up display, i gruppi ottici Laser, le levette al volante per il cambio e i dispositivi per l’assistenza al parcheggio e alla guida (frenata automatica, avvisatore di cambio accidentale di corsia, ecc.). Tra gli optional estetici o dediti al comfort ricordiamo il tetto panoramico in vetro e i pacchetti Executive Lounge, M Sport e Pure Excellence. Quanto al listino, l’unica versione commercializzata in Italia, la 740e iPerformance, sarà proposta a partire da 93.500 euro. 

BMW Serie 7
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
90
55
19
6
29
VOTO MEDIO
3,9
3.859295
199


Aggiungi un commento
Ritratto di hulk74
15 luglio 2016 - 16:52
Ah... auto che non prenderei MAI. e sono BMWista. Ma tecnologicamente parlando non c'è di meglio. Auto da NCC premium
Ritratto di FANTAMAN
18 luglio 2016 - 16:23
Nella guida semi-autonoma non sono i migliori ..
Ritratto di Claus90
15 luglio 2016 - 21:20
Che bel paesaggio rovinato da questo furgoncino
Ritratto di fiattaro
16 luglio 2016 - 14:03
clauss90, furgoncino sarà sicuramente la tua auto, non questa.
Ritratto di Alessandro Sorvino
16 luglio 2016 - 19:17
@Claus90 Furgoncino sarà il tuo suvvettino!!!
Ritratto di Edoardo98
17 luglio 2016 - 13:04
5
Ma davvero ma come si fa a dare del furgoncino a una berlina?? Che invidioso
Ritratto di Alessandro Sorvino
6 agosto 2016 - 05:25
Quando si parla di pagliacci ignoranti e amanti (fa pure rima! XD) dei suvvettini, sto Claus90 si sta dimostrando uno dei migliori esempi!!! Speriamo che il bambino non si offenda e va a piangere dalla mammina...
Ritratto di Edoardo98
15 luglio 2016 - 21:36
5
Bellissima e pure ecologica.
Ritratto di anarchico2
16 luglio 2016 - 06:27
La mano di un disegnatore italiano non guasterebbe.
Ritratto di nicktwo
16 luglio 2016 - 09:33
non so perche' ma di serie 7 prima ne vedevo relativamente sufficienti, anche di quella che non mi ha mai convinto esteticamente cioe' degli anni 2001-2008... le ultime invece sempre meno... non ho capito se magari il rischio e' di confonderla per una serie 5 o cosa... saluti
Pagine