NEWS

BMW M8: nata per divertire

Pubblicato 05 giugno 2019

La BMW M8, con il suo V8 4.4 fino a 625 CV, è stata pensata come una vera e propria supercar che non si tira indietro nella guida in pista.

BMW M8: nata per divertire

"NORMALE" O COMPETITION - Derivata dalla granturismo BMW Serie 8, la sua versione sportiva BMW M8 (anche cabrio con il tetto in tela) incarna lo spirito della supercar e sembra poter “dimenticare” le dimensioni e il peso generosi, perché la BMW M8 è lunga 487 cm e fermano l’ago della bilancia a 1885 kg (2010 kg la cabrio). La “trasformazione” da comoda granturismo a potente supercar va ricondotta agli interventi del reparto sportivo M, che ha dotato la BMW M8 del motore V8 4.4 già utilizzato dalla berlina BMW M5: eroga 600 CV per la M8 e 625 CV per la M8 Competition, attraverso due turbine montate fra la V dei cilindri. Il motore è in grado di raggiungere i 7200 giri (tanti per un turbo di questa cilindrata) e conta su 750 Nm di coppia, che lo rendono assai pronto e reattivo anche nella guida in città.

ELETTRONICA PER TUTTO - Molle, ammortizzatori e barre antirollio sono stati irrigiditi rispetto alle Serie 8, ma i guidatori più esperti e smaliziati della BMW M8 possono “perdersi” nelle infinite regolazioni offerte dall’elettronica e trasformare le auto in base ai loro gusti. Il sistema di trazione integrale è l’M xDrive già utilizzato per la BMW M5: segue una logica di funzionamento diversa rispetto ai tradizionali sistemi di trazione integrale, perché il guidatore può scegliere fra le quattro ruote motrici e la trazione posteriore, favorendo così l’aderenza o il divertimento. Le modalità di guida associate al sistema sono 5, dalla più facile da gestire a quella più permissiva nei confronti del guidatore: l’ordine è trazione integrale con il controllo di stabilità attivo, trazione integrale di tipo sportivo, trazione integrale senza il controllo di stabilità, trazione integrale di tipo sportivo senza il controllo di stabilità (ideale per la guida in circuito) e trazione posteriore, apprezzata da chi vuole provare sensazioni di guida estreme e più complesse da gestire.  

DA STRADA O DA PISTA - L’elettronica permette inoltre al guidatore della BMW M8 di regolare vari parametri dell’auto attraverso il pulsante Setup, un tasto nella consolle centrale dal quale impostare le regolazioni di motore, sospensioni, sterzo, freni e trazione integrale; a questo punto il guidatore deve utilizzare il rotore fra i sedili o premere sullo schermo a sfioramento per selezionare le impostazioni desiderate, ad esempio richiamando la modalità Efficient del V8 o la Comfort delle sospensioni quando guida in città. Il tutto è personalizzabile, perché il guidatore può tenere lo sterzo nella modalità più confortevole e il motore in quella più grintosa. Altre selezioni sono previste per i freni (la risposta può essere progressiva o intensa), le modalità di guida (la M8 Competition ha anche quella specifica per la pista) e il cambio, che è un automatico a 8 marce con convertitore di coppia. E lasciando inseriti gli aiuti elettronici che si ottiene lo scatto migliore da fermo, perché il software evita i pattinamenti e regala alla BMW M8 uno scatto da 0 a 100 km/h in 3,3 secondi (3,2 secondi per la M8 Competition). La velocità massima è autolimitata a 250 km/h, ma in opzione può essere portata a 305 km/h.

NON DA’ NELL’OCCHIO - L’aspetto della BMW M8 è tutto sommato poco appariscente, perché a distinguerla dalla Serie 8 sono particolari come le prese d’aria maggiorate nei fascioni, i nuovi profili aerodinamici e le ruote specifiche da 19”. Le M8 Competition hanno inoltre dettagli neri per la carrozzeria (scarichi compresi), ruote di 20” e supporti del motore più rigidi, che penalizzano il comfort ma migliorano le doti di guida. L’abitacolo non si discosta dalle BMW Serie 8 e ha la tipica consolle orientata verso il guidatore, un tratto distintivo per la casa tedesca, anche se spiccano il volante, la strumentazione ed i sedili di chiara ispirazione sportiva.

BMW Serie 8 Coupé
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
103
17
8
2
8
VOTO MEDIO
4,5
4.485505
138


Aggiungi un commento
Ritratto di anarchico2
5 giugno 2019 - 12:03
Mai che mettano una foto a cofano aperto.
Ritratto di Gwent
5 giugno 2019 - 12:20
2
Bella, del peso non mi importa molto però l'impatto estetico non è quello della E31, il frontale è troppo alto per essere un coupé. Comunque tra le Bmw recenti direi che è la più riuscita insieme alla Serie 3. Questo naturalmente imho e con rispetto parlando. Un saluto. Il Gwent.
Ritratto di Spock66
5 giugno 2019 - 12:33
Condivido, la E31 anni '70 che vedo nella tua foto-avatar era di una bellezza ed eleganza mai eguagliate (neppure dalla prima 850i che è stata la BMW che più ci si avvicinava).. la 635CSi è da sempre la mia auto preferita, bellissima ancora oggi, faceva girare tutti quando passava con le sue linee filanti e il muso da squalo..
Ritratto di Spock66
5 giugno 2019 - 12:36
errata corrige: BMW E24..la E31 è la 850i, bella ma un po' troppo Mazingacar e non con lo stesso fascino della E24..
Ritratto di Gwent
5 giugno 2019 - 12:47
2
Ciao si infatti la E24, in particolare la M635 CSi era la mia auto preferita da piccolo, incredibilmente la preferivo addirittura alla Testarossa il che è tutto dire, però trovavo attraenti anche le semplici 628, a me bastava fosse un E24 Già da una ventina d'anni ormai, era il 99 quando vidi di nuovo un esemplare di M6 dal vero dopo molti anni che mi sembrava sparita, l'ho eletta a mia classica/youngtimer preferita di sempre, al secondo posto della mia classifica c'è la Lotus Esprit S1/S2 e al terzo l'Audi Sport Quattro. Un saluto. Il Gwent.
Ritratto di Spock66
5 giugno 2019 - 13:45
Eh allora possiamo dire che siamo "fratelli di auto" :) .. invece per fare la mia classifica di youngtimer, dopo la E24 io ci metto la Corvette C3 (68-72) e la Fiat Coupè Turbo ..oltre alla mia BMW E93 CC che conservo gelosamente in attesa che lo diventi ;)..Ciao!
Ritratto di str
5 giugno 2019 - 12:41
Per fortuna si punta al risparmio e a eliminare l'inquinamento.
Ritratto di Pavogear
5 giugno 2019 - 14:23
Che commento senza senso
Ritratto di str
5 giugno 2019 - 15:08
Cerca di sforzarti, basta un pochino. Sempre miti, sempre sogni, sempre prodotti per ricchi, sempre prodotti più inquinanti, sempre spreco, ma siamo con la lingua che pensa al futuro, al verde, senza inquinamento,eterno e privo di controindicazioni (vedi dibattiti qui su Al Volante), contestando chi ha una pandina, chi usa il diesel, ma anche chi usa il metano o il gpl che l'Europa considera inquinanti. Ma quanto godono coloro pieni di buon senso dalle contraddizioni?
Ritratto di ELAN
5 giugno 2019 - 15:23
1
Caro str, mi sa che ha scritto un pò un'onzata. Chi si condraddice per primo è chi predica in un modo ma appena vede due soldi razzola all'opposto.
Pagine