NEWS

BMW Serie 2 Gran Coupé: la berlina che non c'era

Pubblicato 16 ottobre 2019

Look grintoso e le forme slanciate per la nuova BMW Serie 2 Gran Coupé, in arrivo a marzo 2020 con motori da 140 a 306 CV.

BMW Serie 2 Gran Coupé: la berlina che non c'era

LOOK DISTINTIVO - Derivata dalla Serie 1, con la quale condivide il pianale a trazione anteriore o integrale, l’inedita BMW Serie 2 Gran Coupé è una berlina a 4 porte dalla linea sportiva e dinamica, inedita per la gamma della BMW in questa categoria: sarà in vendita da marzo 2020, con prezzi da circa 32.000 euro. Il design ricorda quello della più grande BMW Serie 8 Gran Coupé: la mascherina è larga e bassa, ci sono ampie prese d’aria nel fascione anteriore e la coda è alta e caratterizzata da lunghi e sottili fari orizzontali. Sono tipici delle coupé anche i vetri laterali senza cornice e i due grandi scarichi posteriori.

IL BAULE NON È SACRIFICATO - La BMW Serie 2 Gran Coupé è lunga 452 cm (la rivale Mercedes CLA invece raggiunge i 469 cm). Lo spazio a bordo dovrebbe rivelarsi adeguato per quattro adulti, stando alla casa tedesca, che ha saputo ottenere un baule di 430 litri ampliabile ripiegando lo schienale del divano, frazionabile in tre parti. La plancia è sostanzialmente identica a quella della Serie 1, con lo schermo del sistema multimediale unito alla “palpebra” del cruscotto, lo sportivo volante a tre razze (con in evidenza le palette per cambiare marcia manualmente) e la consolle orientata verso il guidatore, in modo da accentuare la sensazione che l’auto gli è cucita addosso. 

PRESTAZIONI BRILLANTI - I motori annunciati per la nuova BMW Serie 2 Gran Coupé sono il 3 cilindri turbobenzina 1.5 da 140 CV, riservato alla 218i Gran Coupé; il 4 cilindri turbobenzina 2.0 da 306 CV, per la M235i xDrive Gran Coupé; e il 4 cilindri turbodiesel 2.0 da 190 CV, ordinabile per la 220d Gran Coupé. La versione M235i xDrive ha compresi nel prezzo la trazione integrale permanente, il differenziale meccanico a slittamento limitato (fa aumentare la motricità nelle curve strette) e lo sterzo ed i freni sportivi. Di serie anche il cambio automatico Steptronic a 8 marce, che si trova anche sulla 220d; la 218i ha il manuale a 6 marce o il robotizzato doppia frizione a 7 marce. Le prestazioni sono brillanti per le BMW 218i e 220d Gran Coupé, alle quali bastano 8,7 e 7,5 secondi per lo ‘0-100’, mentre la M235i ha bisogno di soli 4,9 secondi e raggiunge la velocità massima di 250 km/h: sono numeri da vera sportiva.

LO SMARTPHONE PER APRIRLA - Ricco l’equipaggiamento tecnologico della BMW Serie 2 Gran Coupé, che va dallo sblocco delle portiere con lo smartphone, al sistema multimediale (con Apple Car Play) comandabile tramite i movimenti della mano, che permettono di gestire alcune funzioni come il volume dell’impianto audio o il passaggio al brano precedente o successivo. La BMW Serie 2 Gran Coupé ha i sistemi di mantenimento in corsia, regolatore di velocità adattativo, frenata automatica con riconoscimento dei pedoni, ausilio al parcheggio e l’avviso in caso di presenza di veicoli durante l’uscita in retromarcia da un parcheggio a pettine.

BMW Serie 2 Gran Coupé
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
35
19
19
36
71
VOTO MEDIO
2,5
2.505555
180




Aggiungi un commento
Ritratto di studio75
16 ottobre 2019 - 11:04
5
Peccato...hanno rovinato la coda! Sembra una Hyundai
Ritratto di Melancholia
16 ottobre 2019 - 11:46
Lol è uguale alla i30 Fastback. Povera bmw come me l'hanno ridotta. E pensare che per 10 anni è stato il mio marchio premium preferito. Ma del resto per come cambiano velocemente le cose nell'automotive non è facile prendere posizioni nette oggi. Volvo ad esempio dopo il calo durante l'era Ford è tornata più forte di quando già era forte nel ventennio 70-90. E soprattutto non fa schifezze a caso tanto per riempire segmenti di mercato dove è assente. Ogni riferimento a fatti, cose e persone è puramente casuale. Un saluto. Il Gwent.
Ritratto di Giuliopedrali
16 ottobre 2019 - 17:55
Volvo dietro ha Geely ti credo, anzi le Geely sono ancora più belle.
Ritratto di Melancholia
16 ottobre 2019 - 20:13
Giulio, la bellezza è negli occhi di chi guarda e non ci starei a discutere più di tanto ma come fai a trovare più belle le Geely che al contrario di Volvo non possono esibire nessun elemento di design iconico tanto nelle linee quanto negli stilemi? Una Volvo rimane una Volvo anche se la privi di tutti i badge dalla carrozzeria, le Polestar non hanno il marchio Volvo ma si vede lontano un miglio che lo sono, se le togli a una Geely potrebbe essere qualunque auto. Poi per carità, ringrazierò Geely a vita per aver riportato Volvo al top dopo che Ford l'aveva letteralmente mortificata, e averla finanziata per mettere su il reparto R&D più avanzato al mondo ma i cinesi non ti regalano nulla, se lo hanno fatto c'era uno scopo ben preciso dietro questa operazione cioè quello di beneficiare dell'elevatissimo livello tecnologico di Volvo e Polestar e se Geely ha iniziato a cogliere successi nel turismo c'è dietro la mano della Polestar la quale lavora sulle Volvo del BTCC dal 1995. Questo naturalmente imho e con rispetto parlando. Un saluto. Il Gwent.
Ritratto di okhalid
17 ottobre 2019 - 14:25
Non e caso che il responsabile design hyundai e ex dipendente bmw .
Ritratto di zero
16 ottobre 2019 - 15:38
La coda è realmente brutta. Ultimamente le stanno pasticciando davvero tanto e sembrano ispirate alle code delle Ssangyong di qualche anno fa! La nuova X6 fa a gara con la vecchia Rodius... Poi, le prestazioni: 7,5 secondi con 190 cv e senza il peso di organi di trasmissione sono un risultato che non fa gridare al miracolo.
Ritratto di Alfiere
16 ottobre 2019 - 17:45
1
La Honda Civic con pari potenza fa 8,2 direi che quel tempo non è male per la 220d anzi
Ritratto di zero
16 ottobre 2019 - 23:43
@Alfiere Certo, non è male se il riferimento è la Civic. Ma se il riferimento sono i 190 cv a gasolio di una Giulia che con ben altra massa e con ben altri attriti scatta in 7 secondi, allora il discorso cambia.
Ritratto di ELAN
18 ottobre 2019 - 11:41
1
Civic 1.5 turbo 0-100 in 7.5 sec.
Ritratto di Giuliopedrali
16 ottobre 2019 - 17:56
Non è male anche se me la immaginavo più originale. ormai c'è poca differenza tra case automobilistiche.
Pagine