NEWS

BMW Serie 3: ultimi collaudi prima del lancio

16 agosto 2018

La nuova BMW Serie 3 sarà svelata tra poche settimane, per essere in vendita all’inizio del 2019, ma la casa ne ha anticipato alcune caratteristiche.

BMW Serie 3: ultimi collaudi prima del lancio

LIMATURE FINALI - L’appuntamento con la settima generazione della BMW Serie 3 è per il salone di Parigi che aprirà i battenti il 4 ottobre. Le vendite poi dovrebbero iniziare nei primi mesi del 2019. Intanto la casa di Monaco di Baviera ha diffuso una serie di foto scattate a due prototipi della vettura durante i test di messa a punto finale effettuati sulla pista del Nürburgring. Sono prototipi con la carrozzeria camuffata con la pellicola adesiva, ma lasciano più che intravvedere la linea e le soluzioni di design adottate. Tanto che basta per dire che la BMW Serie 3 resta fedele a sé stessa, con la sua linea che compie un’altra evoluzione ma senza rivoluzioni. Quando sarà possibile vedere la vettura si potranno fare considerazioni più precise, intanto è da constatare l’immutata immediata riconoscibilità come BMW del frontale, con forse una più accentuata tendenza delle linee a puntare in basso e ad aumentare un po’ l’andamento curvilineo. Nuovo pare essere anche l’andamento della linea del tetto, un po’ più bombato. 

CAMBIANO LE MISURE - Non percepibili dalle immagini, ma comunicate dalla casa, sono alcune novità che incidono sulla immagine della nuova edizione della BMW Serie 3, nome in codice G20. Le variazioni riguardano il passo, leggermente aumentato, anche se non è comunicato di quanto. Cambiamenti significativi sono poi quelli relativi all’altezza del baricentro, più basso di un centimetro, e della larghezza maggiore delle carreggiate. Quanto alla distribuzione dei pesi è esattamente 50:50. Rispetto alla BMW Serie 3 attuale, il peso diminuisce di 55 kg. Tutto realizzato sulla base della piattaforma CLAR della casa di Monaco, come le sorelle maggiori Serie 5 e 7, che fa uso di materiali leggeri come alluminio e magnesio. Con essa la rigidità strutturale della scocca aumenta del 15-20%.

RITORNO AI VERTICI - Come si vede si tratta di una serie di modifiche capaci di incidere sul comportamento stradale della vettura. E che l’obiettivo dei progettisti sia stato quello di conferire alla vettura il meglio disponibile in materia di tenuta e handling è confermato anche dai molti interventi sulle sospensioni, per riportare la BMW Serie 3 ai vertici della maneggevolezza e del piacere di guida della sua categoria. Le componenti e le geometrie delle sospensioni sono state riviste, ci sono nuovi ammortizzatori a controllo elettronico e il differenziale autobloccante (optional per i motori più potenti) derivato da quello dell’attuale M3.

CAMBIA IL 4 CILINDRI 2.0 - La gamma dei motori dovrebbe essere essenzialmente analoga a quella dell’attuale generazione della BMW Serie 3, con motori 3, 4 e 6 cilindri 1.5, 2.0 e 3.0 di cilindrata tutti dotati di turbo. Per ora, la casa di Monaco si limita a dire che il 4 cilindri a benzina 2.0 della 330i è stato rivisto con vari interventi che ne hanno aumentato la potenza (si ipotizzano circa 250 CV) e diminuito i consumi di circa il 5%.

VIDEO
loading.......
Aggiungi un commento
Ritratto di tramsi
16 agosto 2018 - 22:04
Che commento scontato! La X3 rappresenta il miglior connubio tra resa stradale e confort nel settore.
Ritratto di gjgg
16 agosto 2018 - 23:00
1
Non lo so, se come filosofia pagherà in quanto Bmw. La rivista concorrente, tagliamo pur fuori l' Italiana, nelle varie rivelazioni ha trovato che (in mancanza del giro di pista non realizzato per la teutonica) nel complesso delle prove dinamiche (accelerazione laterale, cambi di corsia bagnato-rettilinel-curva) la tedesca non riesce a far meglio della F-Pace, da molti spesso additata come pachidermica. Boh, così mi sembra si perda in parte l' identità dell' elica (che personalmente vedrei a battargliarsi il primato stradale unicamente con l' italiana), ritrovandosi in un piuttosto ampio girone (in cui le qualità stradali vanno sul piano d' importanza alla pari se non meno di altri aspetti) formato anche dalle altre 2 tedesche (non penso in particolare la Q5 faccia nelle suddette prove dinamiche peggio di F-pace e X3) e a quanto pare anche dalle Inglesi.
Ritratto di tramsi
16 agosto 2018 - 23:08
Ma cosa vai scrivendo??? Sia Auto che Quattroruote hanno scritto la stessa cosa sulla X3. Come resa stradale pura, la X3 è un soffio sotto Stelvio e Macan, sopravanzandole sul confort e, come ho già scritto, rappresenta il progetto più maturo nel segmento D per il suo modo di coniugare confort ed handling, che è la cosa più difficile nonché quasi un obbligo, trattandosi di SUV.
Ritratto di gjgg
17 agosto 2018 - 06:49
1
Bah... A corollario di chi ha fatto quell' affermazione c' è a supporto un giro di pista o dei rilevamenti dinamici (g laterale, cambi di corsia ecc.) da confrontare con le altre 2? No perché ad esempio sfogliando la prova della suv dell'elica by 4R invece la Macan non viene mai nominata, e l' unica volta che nomina l' Italiana riporto testualmente dalla voce Comportamento Dinamico -Da quando esiste la Stelvio, alla Bmw hanno qualche mal di testa in più e, in questo caso le differenze sono evidenti...-. Quindi ripeto io per i paragoni dinamico-prestazionali preferirei (visto che, volendo, sono attuabilissimi) la neutralità dei numeri piuttosto che le sensazioni di guida. E i numeri, tornando alla richiesta espressa, dicono F-Pace 2.0 diesel 180HP giro pista 1.24:29, acc.lat.0.97g, cambi corsia bagnato-rettilineo-curva 84/160/103 Km/h. X3 2.0 diesel 190HP giro pista (purtroppo) non pervenuto, acc.lat.0.95g, cambi corsia 84/160/100 Km/h. Per cui tornando a bomba io preferirei una nuova 3er che sfidi per il top dinamico la berlina italiana, ma in fondo non sono nemmeno cliente del marchio, cui magari ad oggi potrebbe invece risultare più congeniale un'auto meno focalizzata sul lato guida e più a tutto tondo che sui vari frangenti se la giochi, dinamica inclusa, con le varie a4, c-klass, jaguar E, cadillac ct-s (l'italiana resterebbe più una nicchia a se stante). Sono scelte
Ritratto di gjgg
17 agosto 2018 - 07:03
1
In merito invece al fatto che potrebbe ritrovarsi in una mischia in cui la sua identità viene maggiormente dispersa (rispetto al puntare alla sola italiana), tornando al caso delle suv (che ci aiuta perché già in circolazione) lo stesso AV, se ci si volesse soffermare sulle sensazioni di guida (dati empirici esclusi) nel numero di Luglio scorso mette a confronto la Q5 con la X3, e le stelle sono Posizione di Guida 4 per Q5 e 3 per X3. Comfort 5 stelle per Q5 e 4 per X3. Sul lato dinamico invece tolta la parte prettamente motoristica (in cui prevale la X3 e il cambio in cui sono alla pari) abbiamo come pura dinamica: Frenata 5 stelle per Q5, 4 stelle per X3. Sterzo 5 stelle per Q5, 4 stelle per X3. Tenuta di strada 5 stelle per Q5, 4 per X3. Quindi che sarebbe, come sopra affermato, la suv più completa per accoppiata comfort-dinamica di guida sembra quantomeno che non tutti concorderebbero.
Ritratto di tramsi
17 agosto 2018 - 11:11
Lo scrivono le testate s si può benissimo leggerlo nella prova di Auto. Al contrario, le stupidaggini scritte da te qui sono prive di alcun valore, stante che già sei una vecchia conoscenza in tal senso.
Ritratto di Leonal1980
17 agosto 2018 - 09:47
3
E com fai ad avere preferenze se hai esplicato più volte che non sai cos'è il comfort e a cosa serve.
Ritratto di luperk
17 agosto 2018 - 11:06
la q5 è migliore sia per comfort che per guidabilita
Ritratto di tramsi
17 agosto 2018 - 11:12
Questa te la potevi pure risparmiare
Ritratto di Leonal1980
17 agosto 2018 - 09:45
3
Che noia, sempre le stesse cose scrivi....
Pagine