NEWS

Si chiama BRAiVE, l'auto "italiana" che guida da sola

30 ottobre 2009

VisLab, un laboratorio di ricerca dell'università di Parma, ha realizzato un prototipo di auto con "auto pilota" che è stata in grado di fare un giro per il centro di Roma.

VANNO DA SOLE - A qualche giorno dalla notiza dell'Audi TT-S in grado di procedere senza guidatore (leggi qui la news), ecco un altro esperimento analogo, ma questa volta realizzato in Italia.

BRAiVE, abbreviazione di BRAin driVE (cervello guida), è un prototipo di realizzato dal VisLab, il laboratorio dell'università di Parma diretto dal prof. Alberto Broggi che si occupa da più di 15 anni di sistemi che permettono alle auto di "leggere" la strada.

TANTI SENSORI - Derivata da una Hyundai Sonata, la BRAiVE è in grado di procedere da sola, fermarsi ed evitare ostacoli, grazie a numerosi sensori: ci sono 10 telecamere, per una visuale a 360° e 16 "fasci laser" che inviano le informazioni al computer che governa l'auto.

 

Braive vislab 3

Guardate l'immagine ingrandita all'interno della galleria fotografica.

 

Mercoledì scorso la BRAiVE ha dato dimostrazione delle sue capacità percorrendo in modalità “autopilota” un percorso prestabilito nel centro di Roma. Passeggero d'onore il sindaco della città Alemanno, che durante l'evento “Roma libera dal Traffico”, ha anche annunciato l'ambizioso progetto che vedrà coinvolta il VisLab nei prossimi mesi.

 

Braive vislab 1Braive vislab 2

Due momenti della dimostrazione del prototipo BRAiVE, che ha portato a spasso il sindaco di Roma Alemanno (foto a destra): naturalmente senza autista.

 

PROGETTO AMBIZIOSO - La tecnologia che permette alla BRAiVE di muoversi autonomamente verrà trasferita a un minibus dell'Atac che, insieme a mezzi di Overland, partirà dalla capitale il 10 luglio del 2010 e arriverà a Shangai dopo tre mesi, percorrendo oltre 13.000 km senza guidatore.

Un'esperienza che permetterà al VisLab di sperimentare le tecnologie sviluppate con diverse condizioni climatiche e di strada. L'obiettivo è quello di poter trasferire un domani questa tecnologia anche ad altri tipi di veicoli come i mezzi usati nell'agricoltura e nelle costruzioni.

Grazie alle continue ricerche, quanti hanno sempre sognato di potersi sedere al volante di un'auto che va da sola, tra alcuni anni potrebbero vedere realizzato il loro sogno.

Aggiungi un commento
Ritratto di stig
30 ottobre 2009 - 13:13
e ancora mi chiedo...ma a che servono le auto che guidano sole?
Ritratto di Peacy
30 ottobre 2009 - 13:15
a farsi pubblicità tra i vari marchi mondiali a chi arriva prima a questo progetto.. a mi avviso INUTILE.. se non voglio guidare prendo i mezzi pubblici o un taxi..
Ritratto di stig
30 ottobre 2009 - 19:30
infatti è un modo si sprecare soldi inutilmente!
Ritratto di ange-96
1 novembre 2009 - 22:11
giusto giusto e di nuovo giusto, a che cavolo potrebbero servire, è inutileeeeee, le auto vanno vissuteeee, assaporate tutto tranne questo...
Ritratto di pimbollone
30 ottobre 2009 - 13:34
E' pur sempre una bella cosa il fatto che guidi da sola...sai quanti incidenti in meno al sabato sera! e ti rilassi di più, leggi il giornale mentre vai al lavoro...a me piacerebbe
Ritratto di hrc
30 ottobre 2009 - 14:26
Nel complesso la trovo un idea inutile , spero solo che da questi studi si possano derivare sussidi alla guida per portatori di handicap
Ritratto di Alfonso_
30 ottobre 2009 - 14:31
dal punto di vista ingegneristico è fantastico, da quello pratico un po meno...ok nell'agricoltura e nelle cave magari è il top ma...se l'atac utilizza minibù autonomi deve licenziare umani...e questo non va bene io sono dlel'idea che l'auto deve guidarla l'uomo, pe ril piacere di guida, ma deve avere sistemi che rendano impossibili gli incidenti, com radar e sensori..così quello che guida sei tu, ma sei sicuro che se ti distrai un attimo o un ubriacone sta per fare un frontale le auto evitino da sole l'incidente...ok i carrozzai falliranno, ma la sicurezza prima di tutto!! le auto deovno esere anti-incidente
Ritratto di Peacy
30 ottobre 2009 - 14:37
gli ubriaconi al volante siano da eliminare.. e la polizia non fa un emerita ceppa x risolvere il problema.. io sono di Roma, e il sabato sera non ho MAI visto i controlli fuori i locali e discoteche che avevano tanto promesso! l'idea dell'etilometro a bordo è fantastica! ma dovrebbero renderla obbligatoria x l'accensione dell'auto! non facoltativa! solo così chi beve non potrà guidare! parlando x me, io reggo bene l'alcool e prima che supero i miei di limiti ce ne vogliono di limiti consentiti dalla legge, ma proprio perchè non voglio ne multe ne ritiri patente il sabato sera non bevo più.. sotto questo punto di vista dovrebbero fare le prove alcolemiche come in America.. quelle fisiche.. visto che tanto la bella idea che ho portato poco sopra sicuramente non si avvererà mai..
Ritratto di Al86
30 ottobre 2009 - 15:27
Basta con questa storia delle auto che vanno da sole. Se devo andare in giro per leggere il giornale o navigare su internet me ne sto a casa comodo sul divano e se non voglio guidare prendo i mezzi pubblici così non devo mantenere un'auto che mi toglie anche il piacere di guida. Bisognerebbe fare un esame di guida più serio e restrittivo così si eliminano dalle strade tutti quei babbei che non sanno le regole del codice della strada e/o che non sanno come condurre un veicolo; sul radar concordo perchè così vedi cosa succede intorno a te anche se hai la visuale coperta, così come concordo sul fatto che il sensore del tasso alcolemico dovrebbe essere di serie su tutti i veicoli.
Ritratto di Fraga
30 ottobre 2009 - 16:22
chissà se sto sistema me lo vorranno montare sulla mia golf...
Pagine