NEWS

Brebemi al via. Fra le polemiche

22 luglio 2014

Domani si inaugura la nuova tratta fra le proteste per i costi lievitati, il caro-pedaggi e l’imbuto in uscita a Milano.

Brebemi al via. Fra le polemiche
CI SIAMO - Domani, alla presenza del premier Matteo Renzi, verrà inaugurata la Brebemi, che dovrebbe alleggerire il traffico della parallela A4: 62 chilometri che collegano Brescia a Milano. Ma le polemiche sono già alte: anzitutto, i costi lievitati (866 milioni di euro previsti contro un conto finale di 1,6 miliardi). Tanto che i principali azionisti, Gavio e Intesa San Paolo, hanno chiesto al Cipe (Comitato interministeriale per la programmazione economica) una defiscalizzazione di 497 milioni di euro e un contributo pubblico di 80 milioni di euro. Poi le proteste sugli espropri dei terreni. Discussioni che riguardano tre grandi opere regionali (Pedemontana, Brebemi e Tem, la Tangenziale Est esterna di Milano) a poche ore della doppia apertura della Brebemi e del primo tratto (7 km) della stessa Tem.
 
QUALCOSA NON QUADRA - Per percorrere la Brebemi si pagheranno 15 centesimi al km, più del doppio rispetto ai 7 della A4. Mentre sulla Tem si prevede un pedaggio fra i 12 e i 15 centesimi al km. Polemiche anche per le tre corsie, che finiscono in un “imbuto” in mezzo ai campi. Tutto questa influirà sulla già congestionata strada provinciale Cassanese: i lavori per prepararla, proprio in previsione della Brebemi, non sono mai iniziati. Per tutto questo, resta da capire se arrivare da Brescia a Milano con le Brebemi consentirà un effettivo risparmio di tempo rispetto all’A4.
 
RICORDATE DI FARE BENZINA - Sulla Brebemi, inoltre, non ci sono aree di servizio (leggete qui la nostra anticipazione). Le strutture, sia per il ristoro che per il rifornimento, sono state realizzate: il guaio è che nessuno vuole gestirle, perché le stazioni di rifornimento avrebbero margini di guadagno bassissimi. Una situazione che pare destinata a durare almeno sino alla fine del 2014.
Aggiungi un commento
Ritratto di TurboCobra11
22 luglio 2014 - 16:15
Già il nome è strano visto che dalla cartina che vedo da Be(rgamo) ci passa solo la A4, ma comunque è la solita roba all'italiana della serie o non si fa per demagogie varie, oppure si fa con spucalazioni spaventose, termine che utilizzo in negativo, per comprendere il continuo ladrare e rubare uno sull'altro, corruzione che tanto in un raddoppio di costi da qualche parte ci sarà stata ma questo non si sa, e ora loro che l'hanno finanziata sono stati capaci di far raddoppiare i costi e adesso vogliono 80Mln di soldi nostri e altri poco meno di 500 di defiscalizzazione?! Adesso Renzi darà gli 80€(+ .000) anche a loro, come se il pedaggio improprio ed esagerato(l'hanno lastricata in lingotti d'oro?!), non bastasse. Certo che motivi per vergognarsi di questo paese ne troviamo tutti i santi giorni. VERGOGNA!
Ritratto di Quel che fu Mister Grr
22 luglio 2014 - 21:57
(Sì, sono MrGrr)
Ritratto di TurboCobra11
22 luglio 2014 - 22:15
Ben tornato! ......oggi novità e ritorni... Rimettono il segnala abuso, ritorni tu e comincio a commentare con lo smartphone. Sarà che per me è una bella data... Un saluto caloroso e nuovamente ben tornato
Ritratto di Quel che fu Mister Grr
23 luglio 2014 - 11:58
Sì, son tornato! A volte ritornano...grazie per l'accoglienza! spero tutto bene
Ritratto di TurboCobra11
23 luglio 2014 - 12:30
Si tutto bene, spero tutto bene anche per te.... ...Ciao
Ritratto di stelhann
23 luglio 2014 - 11:46
ottimo intervento, arcicompletamente d'accordo?Ci vorrebbe un plotone d'esecuzione......
Ritratto di TurboCobra11
23 luglio 2014 - 12:37
Chi vorrebbero serietà e controlli. Senza deroghe e cambiamenti di progetto. Il problema e che e così con costi spropositati dall'autostrada al marciapiede realizzato dal comune. Se uno guarda i costi delle piccole opere comunali e fa oppure conosce un imprenditore edile puo capire che i costi sono doppi rispetto alla cifra con la quale si potrebbero fare con margine di guadagno di chi realizza l'opera. C'e un marcio impressionante
Ritratto di stelhann
23 luglio 2014 - 13:55
Mi dispiace ma oramai questo e' un paese oramai irrecuperabile,altro che controlli e serieta'.Mi dispiace per te che ci credi ancora(e forse fai bene,non lo so') ma l'unica cosa da fare,per chi puo',e' andare via.
Ritratto di TurboCobra11
23 luglio 2014 - 15:06
guarda concordo con te. Non é che ci credo ma in quanto italiano l'amore per la patria me lo fa utopisticamente sperare, certo che la cosa è davvero una follia utopistica, ma io nel mio piccolo ci provo. Poi certo che potendo la voglia di andare via ci sarebbe ma con il dispiacere per la propria casa, l'Italia, che declina inesorabilmente mentre il presunto genio della lampada twitta allegramente. Voglio proprio vedere come finisce con questi 80 +500 di defiscalizzazione. Saranno concessi nel silenzio generale. A tal proposito chiedo ad al volante di seguire la cosa. Grazie. ... Saluti
Ritratto di Highway_To_Hell
23 luglio 2014 - 15:29
ad agevolazioni fiscali sull'opera (almeno così alte quanto la richiesta fatta) ed ancor di più ad eventuali finanziamenti pubblici; nondimeno sono abbastanza infastidito quando mediocri italioti giocano a "fare i fighi" davanti ai loro monitor sull'immoralità (che è innegabile e pesante) di questo paese di fronte ai loro monitor, senza sapere minimamente di cosa si parli: 1. la differenza dell'opera tra preventivato e consuntivato nella BreBeMi è circa il doppio... Tanto? Poco? Ci sono fior di studi nei corsi di gestione di grandi opere pubbliche che stabiliscono quale sia la soglia (e come si possa oggettivarla) tra aumento fisiologico e patologico nei costi di realizzazione. Detto ciò, sapete quanto sono costate le Olimpiadi ad un paese come il Regno Unito che ha fama (e spesso la fama è solo tale...) di essere integerrimo ed organizzato? Esattamente il doppio di quanto previsto: liberi di googlare se non mi credete. 2. Questa è forse la prima opera di questa entità ad esser stata finanziata completamente in "project financing", dunque è stata pagata tutta da privati, ai contribuenti non è costata un soldo (se, come spero, non passerà la cassa che la BreBeMi SpA sta chiedendo ora alla Pubblica Amministrazione...). 3. Ricollegandomi a quanto scritto sopra è semplice rispondere a chi lamenta l'inutilità dall'opera o i pedaggi troppo alti: qualcuno avrà fatto i suoi conti e se l'autostrada è inutile o troppo costosa a rimetterci saranno solo i soggetti privati che l'hanno finanziata. D'altronde alche dal punto di vista pratico mi fa parecchio ridere chi si lamenta di essa: probabilmente non c'è nessuno in Italia che abbia tanta scelta come chi deve andare in autostrada da Milano a Brescia (e viceversa), quindi, se proprio si schifa questa nuova opera, si può passare a Nord da Bergamo o (molto) a Sud immettendosi sulla Piacenza-Brescia; si può insomma ignorare questa nuova autostrada come se non fosse mai esistita... Io, però, scommetto che non saranno in tanti a farlo...
Pagine