NEWS

Lyriq, la prima elettrica della Cadillac 

Pubblicato 07 agosto 2020

Attesa nel 2022, ha un pianale ad hoc e batteria da circa 100 kWh di nuova generazione. Futuribile l’interno: ha uno schermo di 33”. 

Lyriq, la prima elettrica della Cadillac 

ATTENTA AL PESO - Anticipata a febbraio dal prototipo EV Concept, la crossover Cadillac Lyriq è la prima auto elettrica del marchio di prestigio della General Motors, attesa sul mercato nel 2022 (guarda qui sotto il video della presentazione). È anche la prima Cadillac dotata del nuovo pianale specifico per modelli a elettroni, con le batterie alloggiate sotto il pavimento in modo da sottrarre meno spazio, abbassare il baricentro dell’auto e ottimizzare il bilanciamento dei pesi, che infatti è invidiabile per una crossover: la massa, non dichiarata, è distribuita al 50-50 fra i due assi delle ruote, dunque la Lyriq si annuncia neutra e facile da gestire nelle curve.  

L’AMBIENTE RINGRAZIE - Le batterie della Cadillac Lyriq sono della nuova famiglia Ultium, con il 70% in meno di cobalto rispetto a quelle attualmente utilizzate dalla General Motors: si riduce così lo sfruttamento del terreno. Inoltre, grazie all’elettronica incorporata nelle batterie, i collegamenti elettrici diminuiscono del 90% e ciò rappresenta un vantaggio in termini di peso e spazio. La crossover sarà dotata di batterie con capacità di circa 100 kWh, ricaricabili anche dalle colonnine ultra-veloci da 150 kW, e avrà il motore e la trazione posteriore; successivamente arriverà la versione con due motori, uno per asse delle ruote, e il 4x4. La casa promette un’autonomia di oltre 480 km.

SBALZI RIDOTTI - Il nuovo pianale ha concesso maggiori libertà agli stilisti della Cadillac, che non hanno dovuto fare i conti con i vincoli imposti dalle piattaforme per auto con motore termico: si nota che gli sbalzi sono particolarmente contenuti e il passo, ovvero la distanza fra il centro delle ruote anteriori e posteriori, è generoso in rapporto alla lunghezza dell’auto, anch’essa non dichiarata (si parla di circa 480 cm). Lo stile della carrozzeria è fatto di levigate superfici e tratti più marcati, in particolare nella fiancata e all’anteriore, dov’è presente una versione aggiornata della tipica mascherina della Cadillac: più schiacciata e estesa lateralmente, è chiusa per migliorare l’efficienza e non ha cromature. I sottili fari a led sono alloggiati verticalmente ai lati delle imponenti prese d’aria.

SILHOUETTE DINAMICA - A distinguere la Cadillac Lyriq è anche il tetto. Pare un tutt’uno con i montanti anteriori, assai inclinati, e digrada leggermente verso la parte posteriore, rendendo più dinamica la silhouette dell’auto; in più, essendo verniciato a contrasto, dà l’idea di essere sospeso. Più elaborata la parte posteriore della Cadillac Lyriq, dove si fanno notare il lunotto assai inclinato ed i complessi fanali: nella parte bassa, ci sono luci a sviluppo verticale del tutto simili a quelle anteriore; nella parte alta, i gruppi ottici si estendono orizzontalmente, alla base del lunotto, e obliquamente in corrispondenza del montante posteriore.

COME AL CINEMA - La plancia della Cadillac Lyriq è di aspetto futuribile, grazie all’enorme schermo curvo di 33”, montato all’insù e altamente risoluto: attualmente, secondo la casa americana, nessun’altra vettura ha un display capace di offrire una simile resa cromatica. Si annunciano di alta qualità anche l’impianto audio, con diciannove diffusori, e il sistema di cancellazione del rumore, che riduce quelli provenienti dall’esterno per migliorare l’agio a bordo dei passeggeri. Non mancherà l’evoluto sistema di guida assistita Super Cruise, in grado di gestire acceleratore, freni e sterzo: l’auto potrà marciare da sé nelle strade con corsie ben delineate.

Cadillac Lyriq
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
8
10
6
7
6
VOTO MEDIO
3,2
3.18919
37




Aggiungi un commento
Ritratto di Pierre Cortese
7 agosto 2020 - 17:19
1
Orripilante.
Ritratto di Kranio71
7 agosto 2020 - 17:23
1
L'anteriore sembra un rasoio elettrico. 2 volanti per il motivo che (fortunatamente) non ne vedremo mai una in giro.
Ritratto di No doubt
7 agosto 2020 - 19:01
Ahahahah grande
Ritratto di 82BOB
7 agosto 2020 - 17:48
Non amo lo stile Cadillac e questa non fa eccezione... non tanto per la linea, ovviamente penalizzata dal tipo di vettura, quanto per frontale e posteriore, soprattutto nei dettagli. L'interno, nonostante io non sopporti gli schermi, non è malaccio e l'integrazione dello schermo sembra meglio riuscita rispetto ad altre vetture che adottano la stessa soluzione!
Ritratto di Road Runner Superbird
7 agosto 2020 - 18:49
Nella prima foto di 3/4 non rende granché, di lato invece ha una lunghezza visiva non convenzionale con lo sbalzo posteriore molto pronunciato. La coda è tanto originale, il frontale abbastanza diffuso su queste auto. Più che una Cadillac mi ricorda una Citroën anni '70. Vedendola con gli occhi non di oggi, ma di ieri, ha un design post futurista, però spontaneo. Ma adesso ci stupiamo difficilmente, forse più con un v12 aspirato da 12.000 giri o con una fuoristrada rustica.
Ritratto di Andrea Zorzan
7 agosto 2020 - 20:25
Linea tormentata e rovinata da alcuni particolari. Ad ogni modo, è la Cadillac più bella, al momento. Interni semplici, ma curati.
Ritratto di Andrea Zorzan
7 agosto 2020 - 20:26
Dimenticavo, autonomia molto deludente.
Ritratto di allatast
7 agosto 2020 - 21:42
a me non sembra male . nel solco del marchio che ha spesso fatto macchine molto particolari in estetica , esagerate . inoltre sfogliando il video , dentro sembra veramente una extralusso , con una cura nei dettagli visivi e una alta soglia hi tech percepita . forte anche l' astuto uso delle luci a coprire tutto il frontale con in piu' i giochi in accesso macchina , in opposizione al fatto che i veri e propri fanali anteriori quando spenti non sono individuabili dove e quali sono
Ritratto di Hydrogen4all
7 agosto 2020 - 23:45
Cadillac....il prossimo marchio a sparire. È da anni che GM cerca di rilanciare cadillac e questo è il risultato
Ritratto di Meandro78
8 agosto 2020 - 01:04
Se chiudono Cadillac è la loro fine.
Pagine