NEWS

Changan UNI-T: salto tecnologico

Pubblicato 25 marzo 2020

È una fra le prime auto di serie con guida autonoma di livello 3, tanto per mettere in chiaro che, tecnicamente, alcuni costruttori cinesi sono ormai a livello di quelli occidentali.

Changan UNI-T: salto tecnologico

LOOK EUROPEO - Sembrano finiti i tempi in cui le auto occidentali guardavano dall’alto in basso quelle cinesi. Infatti sono sempre di più gli esempio di modelli così evoluti che non sfigurerebbero in un concessionario europeo. Uno di questi è la Changan Uni-T, suv di medie dimensioni che avrebbe dovuto esordire al Salone dell’auto di Ginevra. Per prima cosa ha un look decisamente curato: a risaltare sono le sottili luci di posizione a led, la mascherina traforata e gli inserti neri ai suoi lati, che celano i fari principali. Non meno distintiva è la fiancata, caratterizzata da una ridotta superficie vetrata e dal tetto spiovente verso la filante coda. Insomma un prodotto maturo che senza dubbio ha tratto beneficio dalla presenza del centro stile che la Changan possiede a Torino.

SICUREZZA AL TOP - Lunga 451 cm, 2 in più della Volkswagen Tiguan, la Changan Uni-T è gradevole anche all’interno e trasmette una certa impressione di sportività: merito dello spesso tunnel centrale e della consolle leggermente orientata verso il guidatore. Presenti anche il cruscotto digitale e lo schermo a sfioramento di 10,25”, dotazioni sempre più frequenti da trovare fra le suv della categoria. A sorprendere è la dotazione tecnologica superiore a tante rivali europee, con una guida assistita di livello 3 (guarda il video qui sotto), nella quale l’auto può eseguire in autonomia determinate manovre senza l'aiuto del guidatore, il quale però deve essere pronto a prendere il controllo nel caso la situazione lo richieda.

NUOVI MOTORI - Non ci sono ancora informazioni ufficiali ma, stando stando alle anticipazioni, la Changan Uni-T dovrebbe adottare i nuovi motori benzina della famiglia Blue Whale: sono di 1.5 e 2.0 litri.



Aggiungi un commento
Ritratto di Giuliopedrali
25 marzo 2020 - 18:56
Ecco l'auto di cui parlavo, questa sembra uscita nel dopoguerra vista la situazione attuale, le occidentali sono ancora modelli anteguerra, è come lo stile Oldsmobile del 1948 poi imitato da tutti.
Ritratto di remor
25 marzo 2020 - 19:57
Effettivamente in quanto a profilo laterale la Cx3 è già da qualche anno che la ha imitata, un lustro indicativamente
Ritratto di remor
25 marzo 2020 - 20:11
Da lodare comunque il fatto, passando agli interni, che abbiano evitato il monitor centrale a sbalzo e si siano allineati allo storico corso lanciato in Alfa di tenerlo più gradevolmente sotto la palpebra (per completare la cosa avrebbero potuto integrare con degli strumenti analogici o almeno pseudo tali 3D, come letto qualche articolo fa risultare già una tendenza di ritorno alle origini)
Ritratto di Elix69
25 marzo 2020 - 20:56
@remor provi con il lorazepam, si sono ottenuti ottimi risultati anche con i casi senza speranza.
Ritratto di remor
25 marzo 2020 - 21:29
https://www.alvolante.it/news/cruscotto-3d-continental-368135
Ritratto di FollowMe
25 marzo 2020 - 19:37
Scopiazzature qua e la.... a me ricorda tanto la Mazda CX30.
Ritratto di Giuliopedrali
25 marzo 2020 - 20:43
Si vista in questa orrenda foto qua, guardala bene.
Ritratto di FollowMe
26 marzo 2020 - 15:36
Le altre foto confermano le scopiazzature (Mazda, Peugeot, Lexus e perfino FCA... i fanali posteriori ricordano molto quelli della Tipo. Senza offesa eh, io la guardo senza le fette di prosciutto sugli occhi ;-))
Ritratto di Giuliopedrali
27 marzo 2020 - 09:31
Immagino il capo designer Changan che essendo lo studio a Rivoli Torino che abbia suggerito agli altri designer tutti torinesi o comunque italiani: "aaah che idea copiamo lo stile italiano, idea nuova nuova, sapete quei mangiaspaghetti hanno fatto auto come la Miura, la Ferrari GTO, la 500 del 1957, la Duetto spider Alfa Romeo, ecco quindi copiamo i fari dalla Tipo del venditore di tappeti qua fuori..." Ma dai!
Ritratto di Orgoglio_Italiano
27 marzo 2020 - 16:44
Forse i fari della Tipo è davvero esagerato, ma non puoi non ammettere che il resto delle linee siano un collage di scopiazzature in lungo e in largo...Anche negli interni...pietà!!
Pagine