NEWS

Chevrolet Corvette Stingray: una supercar anche nelle prestazioni

Pubblicato 08 novembre 2019

La Chevrolet diffonde i dati relativi alle prestazioni della nuova Corvette C8 che scatta da 0 a 96 km/h in 2,9 secondi. In consegna da marzo 2020.

Chevrolet Corvette Stingray: una supercar anche nelle prestazioni

SOTTO I 3 SECONDI - Al momento di presentare l’ottava generazione della supercar Chevrolet Corvette Stingray, svelata a luglio, la casa americana non ne ha dichiarato le prestazioni e molti dettagli tecnici. Il costruttore ha deciso però di tornare sull’argomento e oggi rivela che la Corvette di ottava generazione è in grado di scattare da 0 a 96 km/h in 3 secondi e di portare a termine l’accelerazione nel quarto di miglio (circa 402 metri) in 11,2 secondi, raggiungendo in questo tratto la velocità massima di 198 km/h. Lo scatto da fermo migliora ulteriormente ordinando il pacchetto sportivo Z51, che include anche il potenziamento del motore: in questo caso bastano 2,9 secondi per lo ‘0-96’, mentre il quarto di miglio (400 m) viene portato a termine in 11,2 secondi con una velocità d’uscita di 195 km/h. Queste prestazioni rendono l’ottava generazione la Corvette più veloce della storia.

MOTORE DA PISTA - Prestazioni così entusiasmanti non sono del tutto sorprendenti, perché la Chevrolet Corvette Stingray è passata dall’architettura a motore anteriore a quella con motore centrale, una novità assoluta per la Corvette in 66 anni di “carriera”: i pesi sono concentrati fra i due assi delle ruote e ciò migliora la guidabilità dell’auto, ma anche la trazione nelle partenze “a razzo”. Buona parte del merito va anche al motore aspirato V8 6.2 da 497 CV (di 502 CV con il pacchetto Z51), il più potente mai utilizzato dalla Corvette base, dotato di alcuni accorgimenti per la guida in pista: la lubrificazione ad esempio è a carter secco. La coppia dell’olio inoltre è in metallo pressofuso, tecnica scelta per ridurre i pesi e limitarne lo spessore a soli 3,5 mm. La Chevrolet inoltre ha migliorato il sistema di aspirazione rispetto al vecchio modello. 

PER PARTENZE IN STILE GP - Il motore V8 6.2 della Chevrolet Corvette Stingray scarica la potenza alle ruote posteriori attraverso un nuovo cambio robotizzato DCT a 8 marce (non c’è il manuale), montato sull’asse delle ruote posteriori per migliorare la ripartizione dei pesi. Il cambio DCT ha tre modalità di funzionamento: Tour, per la guida di tutti i giorni; Sport, con passaggi da una marcia all’altra meno filtrati; e Track, per le massime prestazioni. Chi guida può attivare anche la funzionalità Performance Traction Management, che attiva il launch control per partenze al fulmicotone: il pilota non deve fare altro che tenere premuti i pedali dell’acceleratore e del freno, alzando il piede da quest’ultimo non appena il motore raggiunge i 3.500 giri. Il DCT è dotato di palette al volante in magnesio per cambiare marcia manualmente.

SLITTA LA PRODUZIONE - Coloro che hanno ordinato la Chevrolet Corvette Stingray dovranno aspettare ancora alcuni mesi prima di saggiare le doti dell’auto, perché un prolungato sciopero contro la General Motors (il gruppo che possiede la Chevrolet) ha determinato un ritardo: il via alla produzione è slittato a febbraio 2020.

Chevrolet Corvette Coupé
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
47
16
7
3
4
VOTO MEDIO
4,3
4.285715
77


Aggiungi un commento
Ritratto di v8sound
8 novembre 2019 - 19:56
Ennesima dimostrazione delle potenzialità dei mitici V8 aspirati in termini prestazionali. Accelerazione 0 100 al pari di EV col 25% di potenza in più. E ma le elettriche hanno la coppia disponibile a 0 giri...
Ritratto di Gwent
9 novembre 2019 - 01:36
2
Le EV sono rapide solo nello 0-100 o nel classico "quarto di miglio". Basta vedere i video su YT dove le Model S P100D sfidano le supercar: È vero, scattano subito avanti nella partenza da fermo ma superati i 100 km/h vengono poi raggiunte e inesorabilmente superate perché del tutto prive di allungo o meglio, prive della possibilità di allungare troppo a causa del surriscaldamento immediato delle batterie. Altro fattore negativo è il peso elevatissimo a causa della pesantezza delle batterie sempre più grandi per sopperire alla mancanza di autonomia. Comunque nonostante gli sforzi dei costruttori nel presentare modelli nuovi e il pompaggio estremo da parte dei media,le EV continuano a costituire una quota dello 0,... Ora con la brusca frenata della Cina a causa della fine dei megaincentivi (si, le EV si vendono solo con i megaincentivi) e lo stallo sul mercato USA mi farò 2 risate a vedere se il mercsto europeo, l'unico dove paiono crescere, chiaramente sempre con numeri di nicchia, riuscirà a far mantenere le promesse fatte ora da uno, ora da un altro costruttore, di numeri di vendita galattici. Un saluto. Il Gwent.
Ritratto di Ale767
9 novembre 2019 - 07:03
1
Ecco l'intelligenza di chi confronta delle supercar con delle berline elettriche normali… Prova a mettere la meccanica motoristica delle EV con 25% di potenza in più su questa Corvette e poi metti questo V8 aspirato sulle berline elettriche così ti renderai conto di quanto sei stato stupido nel tuo commento. Come minimo ci sarebbe un gap di almeno 2 secondi nello 0-100 ma questo per chi è abituato a guidare una sfigatissima Toyota C-HR da 11,7 sec nello 0-100 è un concetto troppo difficile da capire.
Ritratto di v8sound
9 novembre 2019 - 13:23
L'intelligienza si è completamente dimenticata di te... Non ti rispondo neanche nel merito, tanto non capiresti. Lo scrivo per gli altri utenti: EP9 impiega 2,7 sec. Nello 0/100, dispone del triplo della cavalleria... il che è tutto dire. A certi livelli, nello 0 100 conta molto la capacità degli pneumatici di scaricare a terra la potenza, più che essa in sé, le EV hanno in questo frangente il vantaggio di essere maggiormente schiacciate a terra dal peso maggiore rispetto alle endotermiche. Ma, dati alla mano, vantaggio leggero e del tutto annullato superati i 100 km/h, dopodiché da vantaggio diventa una limitazione, analogamente a quanto avviene alla prima curva.
Ritratto di Ale767
9 novembre 2019 - 13:35
1
Cosa vuoi rispondere asino che ti sei preso una delle auto più terribili da guidare mai fatte nella storia dell'automobilismo, uno con la Toyota C-HR non dovrebbe proprio avere accesso ai siti automobilistici. Già che metti le EV da un lato e le endotermiche dall'altro fa capire che non sai manco di cosa parli. In un auto contano sterzo, freni, motore, coppia, potenza, erogazione, distribuzione dei pesi, ecc.. ecc.. chissene frega se per alimentarle ci devi ficcare dentro un cavo o devi andare dal benzinaio… Te sei oggettivamente disturbato e gli impulsi del tuo cervello ti obbligano a diffamare le EV come se le EV fossero tutte uguali. Quando l'alimentazioni è proprio la cosa meno importante da guardare dei contenuti di un auto.
Ritratto di jabadais
9 novembre 2019 - 18:52
Se ad ogni articolo partono paragoni a caso tra supercar, berline ibride e crossover elettrici buttati lì tanto per, perché non paragonarle ad un treno alta velocità? Il freccia rossa nello 0-100 è scarso ma supera in scioltezza i 300 km/h e come tenuta... Beh è come stare sui binari...
Ritratto di Ale767
9 novembre 2019 - 22:36
1
jabadais hai centrato in pieno il concetto, ma per il povero v8sound neanche i disegnini saranno utili per comprendere.
Ritratto di v8sound
10 novembre 2019 - 11:35
Fatti curare da uno bravo.
Ritratto di v8sound
10 novembre 2019 - 11:33
@ jabadas. Non era un paragone, ma una semplice riflessione: sullo scatto 0 - 100 questa Corvette e le tanto osannate EV sono praticamente li li. Punto. Non mi pare tanto difficile da capire. Tra l'altro il parametro 0 100 è, quasi del tutto, indipendente dal tipo di carrozzeria, a differenza della velocità massima o della tenuta di strada. Ripeto, non mi pare tanto difficile da capire.
Ritratto di Ale767
10 novembre 2019 - 11:36
1
"questa Corvette e le tanto osannate EV", ma quanto sei disturbato? Hai preso la scossa da piccolo che c'è l'hai con le elettriche a prescindere dai contenuti?
Pagine