Chevrolet Corvette Stingray: icona yankee

14 gennaio 2013

Design scolpito in galleria del vento, materiali compositi e un V8 da 450 CV per prestazioni e dinamica di guida al top.

Chevrolet Corvette Stingray: icona yankee

UNA SESSANTENNE IN FORMA - Correva il 1953. Josif Stalin moriva in un sobborgo di Mosca, scoppiava la rivoluzione cubana guidata da Fidel Castro, Fausto Coppi vinceva il titolo mondiale di ciclismo su strada e… la Chevrolet presentava a New York il prototipo della Corvette. Passateci l’ardito accostamento, dal momento che per gli amanti dell’automobilismo, la Corvette ha rappresentato e rappresenta un’intera categoria di vetture, le “muscle car” americane. Sessant’anni e sei generazioni dopo, la Corvette è ancora un’icona a stelle e strisce.

OMAGGIO ALLA TRADIZIONE - Cominciamo dal nome. Si chiama Corvette C7 Stingray. Non una sigla a caso ma la stessa utilizzata nel 1963 (allora le due parole erano staccate) per la seconda serie della Corvette, una delle più apprezzate di sempre. Per meritarsi lo storico appellativo, la settima generazione doveva avere un incredibile impatto visivo ha dichiarato Tom Peters, direttore del design esterno. E l’obiettivo sembra essere stato raggiunto. La linea della Corvette C7 risulta essere più spigolosa e muscolosa rispetto alle ultime versioni. È ricca di nervature con un frontale aggressivo e un posteriore connotato dalla nuova forma dei gruppi ottici quadrangolari dall’illuminazione tridimensionale. Inedito anche il secondo finestrino laterale che ha comportato l’abbandono del classico lunotto a forma di cupola.
 
 
GALLERIA DEL VENTO - Ogni particolare della carrozzeria della Corvette C7 Stingray è stato studiato per garantire la massima efficacia aerodinamica. La disposizione della griglia del radiatore, le prese d’aria sul cofano e sul paraurti, lo spoiler posteriore e gli altri elementi sono stati progettati per migliorare la dinamica di guida alle alte velocità.
 
 
PLANCIA NOBILITATA - L’abitacolo della Corvette C7 Stingray rappresenta un punto di rottura rispetto al passato. Spiccano materiali di qualità come pelle, alluminio e camoscio, disponibili in opzione le finiture in carbonio. La plancia è avvolgente, il volante dal diametro rimpicciolito è stato studiato per trasmettere un feedback immediato al conducente. La strumentazione ha tre quadranti analogici e uno schermo da 8 pollici programmabile a seconda delle informazioni che si vogliono visualizzare. Un secondo monitor touchscreen, posto a cento plancia, permette di gestire la climatizzazione e l’impianto multimediale MyLink. 
 
 
DIETA OBBLIGATA - La Corvette C7 Stingray poggia su un telaio in alluminio più rigido del 57% e più leggero di 45 kg rispetto a quello utilizzato dalla generazione precedente. Per contenere la massa è stato fatto un ampio utilizzo di materiali leggeri: fibra di carbonio per cofano anteriore e pannelli rimovibili del tetto; materiale composito per parafanghi, portiere, pannelli laterali e sottoscocca  che hanno permesso di risparmiare 17 kg sulla bilancia. La distribuzione dei pesi è ottimale, il 50% del peso grava sull’anteriore e il 50% sul posteriore.
 
 
DINAMICA A SCELTA - Il motore della Corvette C7 Stingray non è una novità. Una delle poche informazioni rilasciate dalla Chevrolet durante i mesi di avvicinamento all’esordio della Vette, riguardava proprio il 6.2 V8 LT1. Tutto nuovo, è in grado di erogare 450 CV e 609 Nm di coppia consente di raggiungere i 100 km/h in 4 secondi circa e di consumare 9 litri ogni 100 km. La trasmissione è affidata ad un cambio manuale a sette marce coadiuvato da un sistema chiamato Active Rev Matching che adegua la velocità di rotazione del motore non appena si tocca la leva del cambio; optional un automatico a sei rapporti. Cinque le modalità di guida selezionabili: Tour, Weather, Eco, Sport e Track. Dodici i parametri regolati, dalle schermate del display al sistema di scarico attivo, dal controllo di stabilità e trazione alla servoassistenza dello sterzo, dalla disattivazione di 4 cilindri alla prontezza dei paddle al volante.
 
 
PER GLI IN INCONTENTABILI - Disponibile in opzione il Performance Package Z51 che include soluzioni aerodinamiche ancor più evolute, un differenziale autobloccante a controllo elettronico, la lubrificazione a carter secco e sospensioni più rigide che consentono accelerazioni laterali pari ad 1 g. La Corvette C7 Stingray sarà costruita in Kentucky e debutterà nel terzo trimestre del 2013.
VIDEO
Chevrolet Corvette Coupé
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
45
10
2
1
2
VOTO MEDIO
4,6
4.583335
60
Aggiungi un commento
Ritratto di MatteFonta92
14 gennaio 2013 - 12:15
3
Ehm... di certo è un taglio netto col passato. Il posteriore è favoloso, ma il muso e gli interni sono proprio brutti! Sembra un sorriso ebete... e mi sembra anche di vedere qualche dettaglio nel muso ispirato alla Nissan GT-R, ma potrei sbagliarmi.
Ritratto di juvefc87
14 gennaio 2013 - 12:37
è la prima cosa che ho notato anche io aprendo la pagina! i fari e i passaruota danno questa impressione
Ritratto di fabri99
14 gennaio 2013 - 14:57
4
Caro MatteFonta, non sono d'accordo con te: a me non convince molto il posteriore, ma il frontale mi piace tantissimo... Gli interni lo ammetto... sono troppo pieni e boh, sono strani... Penso che mi abituerò sia agli interni che al posteriore comunque... Per la GT-R: è vero, nella prima foto ci assomiglia tantissimo, ma guardando le altre(oltre a convincermi un po' di più del posteriore) noto che è molto più magra e cattiva della GT-R... A mio parere è colpa della foto e sopratutto del colore che, da quella visuale, stona parecchio... Meglio grigia quindi... Ciao ;)
Ritratto di MatteFonta92
14 gennaio 2013 - 17:53
3
Caro Fabri, ormai mi sono abituato al fatto che abbiamo dei gusti molto diversi :-) quindi il fatto che tu non sia d'accordo con me non mi stupisce più di tanto. Ripeto che, secondo me mie impressioni, dietro è molto bella, davanti invece è bruttina, avrebbero potuto fare di meglio (magari facendo una presa d'aria più piccola), e gli interni sono sia "sovraffollati" che disegnati in modo troppo estroso, e non mi convincono... comunque ero sicuro che a te sarebbe piaciuta, in un modo o nell'altro, e... giusto, per questo ti nomino Chevrolettaro dell'anno! XD Ciao!
Ritratto di fabri99
14 gennaio 2013 - 18:33
4
Beh, è bella dai... Sopratutto davanti, la trovo davvero cattiva ed eccitante, certo sono gusti... E fazioni... Grazie per il titolo, anche se non è che ci siano molti altri candidati: spero non sia per quello che la Vette mi piaccia... Ciao ;)
Ritratto di MatteFonta92
14 gennaio 2013 - 18:47
3
Di nulla! :-)
Ritratto di Chromeo
14 gennaio 2013 - 20:45
A me piace molto questa nuova Vette tranne per alcuni particolari ad esempio il motore preistorico, il volante e la griglia anteriore ma per il resto è molto bella sopratutto i gruppi ottici posteriori, speriamo che la guidabilità (Nella vecchia era pessima) e le plastiche esterne sia migliorate ma con l' avvento del carbonio saranno abbastanza buone, è comunque fa troppo GTR, e il tetto è troppo rialzato rispetto al cofano anteriore, ma a parte questi difetti mi piace moltissimo
Ritratto di Motorsport
15 gennaio 2013 - 04:05
chi scrive il contrario consiglio di vedere il video della presentazione ufficiale su youtube di questa fantastica macchina... Poi in America costa SOLO 53.000 dollari..... Peccato che in Italia costerá quasi il doppio
Ritratto di camaro4ever
16 gennaio 2013 - 01:18
3
quello che non mi convince è il motore, sembrerebbe il solito 6.2 semplicemente rivisto quel tanto che basta per spremere una manciata (ma proprio una manciata) di cavalli in più. Ovvio, è sempre un bel motore, ma sforzarsi un pochino e partire da almeno 500 cv no? Tanto più che c'era il 7.0 l della Z06 con un certo potenziale di crescita (e già si sarebbe partiti da 505 cv senza la minima modifica). Per fare concorrenza alle ultime ferrari, audi R8, etc, 450 cv non bastano di sicuro!
Ritratto di alfista89
14 gennaio 2013 - 12:30
1
sarà che hanno preso il miglior allestimento, nel miglior colore, con tutti gli optional "pacchetti" sportivi.... ma cavolo, che bella che è! Nuova ma nel solco della tradizione, e gli interni (sembrano) davvero ben fatti.... brava corvette!
Pagine