NEWS

Come nascono le Audi RS

Pubblicato 27 maggio 2020

Tanti chilometri al Nürburgring, test al caldo e freddo più intensi e un attento studio: l’Audi svela come sviluppa i suoi modelli più sportivi. 

Come nascono le Audi RS

CIRCUITO O PALESTRA? - La Formula 1 non vi corre più dal 1976, ma il vecchio circuito tedesco del Nürburgring (noto come Nordschleife) è ancora fra i tracciati più noti e affascinanti in Europa: è lungo 20,832 km e alterna non soltanto lunghi rettilinei e impegnative curve, ma anche salti, compressioni e tornanti in contropendenza. Il Nürburgring è un circuito per piloti esperti e dove le auto vengono messe a dura prova, tanto è vero che fra le sue curve avviene lo sviluppo di molti nuovi modelli. Fra le case ad averlo scelto come banco di prova c’è l’Audi, che al Nürburgring effettua alcuni test per le sue vetture sportive, le RS, quelle messe a punto dalla divisione Audi Sport: all’Inferno Verde (questo il soprannome del Nürburgring), i suoi collaudatori più esperti sono in grado di valutare il comportamento dell’auto in curva, la maneggevolezza, la stabilità e anche la robustezza.

IL RECORD È SUO - Il tester di spicco dell’Audi al Nürburgring è Frank Stippler, 45enne nato a Colonia che abbina la formazione da ingegnere all’abilità nella guida in pista, tanto da vantare due primi posti alla 24 Ore del Nürburgring. Stippler ha il compito di sviluppare le auto da corsa per i team clienti e quelle stradali, compresa l’Audi RS Q8, suv di grandi dimensioni che detiene il record sul giro al Nürburgring per le suv: nell’autunno 2019, Stippler fermò il cronometro dopo 7 minuti, 42 secondi e 253 millesimi, circa 12 secondi in meno rispetto al precedente record, detenuto dalla Mercedes-AMG GLC 63 S. Per prepararsi al record, e per mettere alla prova motore, cambio, assetto e freni, l’Audi RS Q8 (come ogni altra RS) ha percorso circa 8.000 km al Nürburgring: in questo scenario, secondo la casa tedesca, l’impegno dell’auto può corrispondere a quello che sosterrebbe su strada nel corso della sua “vita”. 

TEST IN TUTTO IL MONDO - Oltre agli 8.000 km all’Inferno Verde, l’Audi RS Q8 ne ha percorsi 1.200.000 in 2 anni fra Cina, Finlandia, Francia, Italia, Stati Uniti, Sudafrica e Svezia, dove collaudatori e progettisti hanno potuto metterla alla “frusta” nelle condizioni ambientali più disparate, prima di scegliere i set up definitivi e dare il via libera alla produzione. In Italia, sul circuito pugliese di Nardò, l’Audi ha svolto test a elevata velocità; in Svezia, sono stati messi alla prova il 4x4 e l’aderenza su fondi ghiacciati o innevati; in Sudafrica, la casa ha condotto prove ad alta quota e in condizioni di forte caldo. 

PER TUTTI I GIORNI - I test al freddo e al caldo estremo dimostrano che le Audi RS sono vetture ad alte prestazioni adatte non solo alla pista, ma anche alla guida di tutti i giorni: la maggior parte dei clienti le apprezza per l’usabilità e arriva a percorrere decine di migliaia di km ogni anno. Non è un caso, dunque, che alcuni modelli siano dotati di soluzioni tecniche per ridurre i consumi di carburante: il V8 della RS Q8, condiviso con le RS 6 Avant e RS 7 Sportback, ha la funzione per disattivare 4 pistoni alle andature ridotte e si abbina all’ibrido leggero, che migliora le percorrenze nella guida in città. L’usabilità delle Audi RS è dettata anche dal look, dinamico ma non troppo esasperato: a distinguere la compatta RS 3 Sportback e la coupé RS 5 sono le prese d’aria maggiorate, la rifinitura nera della mascherina anteriore ed i due scarichi ovali nel fascione, un vero e proprio tratto distintivo delle Audi RS. 

13 MODELLI IN 5 FABBRICHE - La produzione delle RS avviene in 5 stabilimenti, gli stessi in cui sono realizzate le Audi da cui derivano: le RS 3 Sportback, RS 3 Sedan, RS 4 Avant, RS 5 Coupé e RS 5 Sportback hanno “casa” a Ingolstadt, in Germania; le Audi RS 6 Avant e RS7 Sportback sono prodotte sempre in Germania, ma a Neckarsulm; l’impianto delle TT RS Coupé, TT RS Roadster, RS Q3 e RS Q3 Sportback si trova a Gyor, in Ungheria, a Bratislava (in Slovacchia) viene fabbricata la RS Q8. Ogni modello, dopo il cosiddetto matrimonio (la procedura di unione fra carrozzeria e motore), viene personalizzato con le parti messe a punto dall’Audi Sport, vale a dire i fascioni, le minigonne, le appendici aerodinamiche, lo scarico e le ruote. La supercar Audi R8 è l’unica prodotta (artigianalmente) nell’impianto vicino a quello di Neckarsulm, dove sono realizzate anche le versioni da gara.

Audi Q8
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
50
25
16
32
62
VOTO MEDIO
2,8
2.83243
185


Aggiungi un commento
Ritratto di remor
27 maggio 2020 - 19:57
Non ho capito sto fatto. Stanno, pare, tutto il giorno là e non sono riusciti a mettere una berlina (ma anche una coupè, volendo) davanti al 7:32 della Giulia Q...
Ritratto di No doubt
27 maggio 2020 - 20:04
Ahahah ancora e insisti con ste alfa ke non se le fila nessuno....
Ritratto di remor
27 maggio 2020 - 20:12
Veramente finanche alle aste storiche strappano prezzi che forse solo Ferrari e poche altre. Se questo è un marchio che disinteressa le persone...
Ritratto di No doubt
27 maggio 2020 - 20:24
Mettiti il cuore in pace!! Interessa a te e a qualche altro appassionato come te...stop
Ritratto di remor
27 maggio 2020 - 20:31
None. Erratissimo. Anche qui su AV i 3D sulle Alfa fanno sempre il pienone dei commenti: sono i dati di fatto che parlano. Oltre che essere Giulia la berlina Premium* e Stelvio il suv Premium*, *seg.D e a seguire, più venduti in tutto il BelPaese; sono i fatti a parlare bis
Ritratto di No doubt
27 maggio 2020 - 21:06
Ripeto mettiti il tuo cuore...sportivo in pace... anzi riposa in pace...
Ritratto di marian123
27 maggio 2020 - 23:00
Ahahah quindi il successo di una macchina si misura dal numero di commenti? Peccato che nella maggior parte dei casi sono dei non patentati o gente che gira con la punto del padre.
Ritratto di remor
28 maggio 2020 - 06:29
No, assolutamente. Bottte da 300 e passa commenti su di un'auto (quando le concorrenti, vedi lo stesso presente articolo che è fermo a una decina di commenti, nonostante il mio contributo ad aiutarlo nel decollare) proprio perché invece di quell'Alfa non gli interessa a nessuno. Bah...
Ritratto di remor
28 maggio 2020 - 06:38
Ciò detto i dati di vendita sono disponibili dappertutto: Giulia e Stelvio da quando hanno esordito sono ininterrottamente da allora (già diversi anni) le più vendute del proprio segmento qui in Italia. Che quindi ad acquistarle siano dei 16enni / max 20enni, il cui padre fra l'altro non poteva/voleva permettersi più di una Punto, appare decisamente altamente improbabile (seppur un 18enne che acquistasse, magari per metterla un attimo da parte e guidarla quando l'anzianità di patente glie lo permetterebbe, una Giulia meriterebbe tutti gli elogi del caso)
Ritratto di troy bayliss
28 maggio 2020 - 08:22
1
io sono andato in concessionario e al venditore gli ho detto: ho 3mila commenti su Alfa...cosa posso comprare?
Pagine