NEWS

Consumi delle auto elettriche e termiche: si possono paragonare?

Pubblicato 03 luglio 2020

Sì, i litri per 100 km si possono equiparare ai kWh. Ecco una piccola guida, che tiene conto dell'energia contenuta in un litro di benzina (o gasolio).

Consumi delle auto elettriche e termiche: si possono paragonare?

LITRI E KWH - A scuola ci dicevano “non puoi mischiare le pere con le mele” e la cosa vale anche per litri e kilowattora (kWh). Ma allora come possiamo confrontare i consumi delle automobili convenzionali, dichiarati in litri, con quelli delle elettriche, espressi in kWh? La questione è attuale perché ormai diverse automobili con motore a scoppio hanno a listino anche versioni elettriche e l’esigenza di paragonarle è quindi sentita.

LA CHIAVE È L’ENERGIA - La comparazione non è in realtà complicata: basta parlare di energia invece che di litri per poter fare confronti immediati. Questa equivalenza è possibile perché ogni litro di carburante contiene una certa quantità di energia e se la esprimiamo in kWh il paragone con l’energia elettrica delle batterie è facile e veloce. L’energia chimica dei carburanti viene sprigionata durante la combustione: il motore la converte, con un rendimento ovviamente minore del 100%, in energia meccanica per far girare le ruote che, a loro volta, fanno avanzare il veicolo.

Prendiamo la benzina: un litro di questo combustibile contiene molta energia, circa 9,6 kWh. In altre parole 1 litro di benzina può sprigionare la potenza di 9,6 kW per 1 ora, che non è poco. Basti pensare alla potenza del contratto domestico della luce, mediamente di 3 kW, per capire quanta energia abbia la benzina; il gasolio fa ancor meglio con i suoi 10,7 kWh al litro. Un’automobile elettrica che consuma 9,6 kWh per fare 100 km ha quindi utilizzato la stessa energia di un litro di benzina.

DUE ESEMPI - Vediamo ora qualche caso concreto, partendo dalla molto attesa nuova Fiat 500 elettrica che ha batterie che contengono 42 kWh di energia elettrica. Dividendo 42 per 9,6 scopriamo che il battery pack ha la stessa energia di 4,75 litri di benzina. I 42 kWh di batterie danno 320 km di autonomia secondo il ciclo WLTP e quindi con l’energia equivalente a 1 litro di benzina la Fiat percorre 320 : 4,75 = 71,1 km.

Andiamo ora in casa Hyundai e paragoniamo la parsimoniosa Kona 1.6 CRDi diesel con la versione Electric 2020. La prima dichiara l’ottima percorrenza di 20,4 km/litro e la seconda 6,5 km/kWh, entrambe misurate con il ciclo WLTP. La conversione è, per noi, ormai facile: se 1 litro di gasolio ha 10,7 kWh, la Kona Electric percorre 10,7 x 6,5 = 69,5 km con l’energia equivalente a un litro di gasolio.

L’EFFICIENZA NON BASTA - Le elettriche dimostrano quindi un’efficienza elevatissima, frutto di elementi quali batteria, inverter e motore, in grado di sfruttare magistralmente l’energia immagazzinata. Esistono ovviamente diversi, e consistenti, fattori negativi. Le pur perfezionate batterie al litio sono pesantissime: la Peugeot, per esempio, dichiara che la batteria della sua 208 elettrica pesa 356 kg e immagazzina 50 kWh, l’energia di soli 5 litri di gasolio. Anche se longeve (una garanzia di 8 anni o 160.000 km è piuttosto comune) lo smaltimento è, ad oggi, problematico e il recupero delle materie prime svantaggioso economicamente. Fortunatamente molti battery pack possono vivere ancor più a lungo in applicazioni stazionarie per accumulare l’energia rinnovabile. Anche la ricarica non può essere ancora considerata pratica: le colonnine veloci, le uniche che fanno recuperare autonomia velocemente, sono ancora piuttosto rare. La trazione elettrica può quindi essere considerata matura dal versante dell’efficienza, ma molto migliorabile per peso, praticità e costo.

PER SAPERNE DI PIÙ

> QUANTO COSTA RICARICARE L'AUTO ELETTRICA



Aggiungi un commento
Ritratto di allatast
3 luglio 2020 - 14:12
grazie al fatto che un litro di combustibile corrisponde a tanti kwh nel discorso fatto solo sull'energia il rapporto e' vistosamente tutto a vantaggio delle eletttriche di una frazione 1:3.5 . poi pero' passando ai costi lo stesso fatto che un litro di carburante vale tanti kwh riporta la situazione subito in equilibrio . 1 litro di diesel costa ora 1,25 € per cui gia' con un costo elettrico del kwh di 40 centesimi c'è pareggio di spesa per km
Ritratto di puccipaolo
3 luglio 2020 - 23:46
6
PERFETTO! hAI PERFETTAMENTE INQUADRATO IL DISCORSO. Noi paghiamo comunque le tasse e pure salate. Con il prezzo attuale del petrolio un barile (159lt) costa ca.38€.Una centrale elettrica con rendimento 70% trasforma il gasolio combustibile in elettricità e a conti fatti 159*10*0.7=1113 Kw/h ...0.032€/kw Daccordo spese di produzione distribuzione etc ma è 10 volte meno! Come la giri devono comunque tirarti fuori gli stessi soldi dalle tasche.Aumentando l'efficienza a livello globale si abbassano le emissioni di CO2, ma dalle tasche devono sempre uscire gli stessi soldi!
Ritratto di allatast
4 luglio 2020 - 08:38
tasse e spese fisse sono il problema di tutte e due le soluzioni e se modificate ci mettono poco a scombussolare tutti i conteggi di confronto fra una macchina a combustibile e una elettrica
Ritratto di gaimar
5 luglio 2020 - 06:41
..trovami una centrale elettrica con rendimento 70 %..... le centrali piu' grandi , cicli combinati da 800 MW, arrivano al massimo al 56 % di rendimento ciao
Ritratto di Mbutu
4 luglio 2020 - 00:09
allatast, ma mentre 1.25 per il diesel è un prezzaccio (per dire, l'anno scorso di questi tempi eravamo intorno a 1.5) il kwh lo puoi trovare a molto meno di 0.40.
Ritratto di allatast
4 luglio 2020 - 08:35
non era un conteggio preciso .ma per dire che non si risparmia un terzo o la meta' come qualcuno potrebbe pensare ma piu' o meno è quello l' ordine di grandezza a un prezzo kwh neanche troppo fuori concepibile
Ritratto di Mbutu
4 luglio 2020 - 09:32
allatast, mi spiace ma no. Il fatto è proprio che si può risparmiare un terzo o anche la metà. Proprio perchè gli ordini di grandezza che citi tu non sono quelli consueti.
Ritratto di allatast
4 luglio 2020 - 10:17
mantenere la macchina per sempre a metà costo chilometrico significa non sforare mai il limite di 20 centesimi a kwh .la quale cosa significa ricaricare sempre e solo a casa. certo possibile ma non per tutti nel reale se si pensa alla macchina elettrica come a una tuttofare pari a una a combustione ,e per spese di 30 40 50 60 mila € o oltre non potrebbe essere diversamente anche per chi ha comprato l' elettrica che ci vorra' fare tutto
Ritratto di Mbutu
4 luglio 2020 - 12:32
Pensa che fuori casa si può ricaricare anche a meno di 0.20 se non addirittura gratis. Ad ogni modo ho detto "risparmiare un terzo o anche la metà".
Ritratto di allatast
4 luglio 2020 - 13:09
sul terzo infatti con uno stile di una certa regolarità e autorigore sono d' accordo che ci puo' stare che si riesce nel reale. l'equivalente di quanto si spenderebbe andando a metano comunque piu' o meno .sulle ricarche gratis invece non concordo , se pago una model s il doppio di una model 3 guardando i contenuti appare che con la model s le ricariche gratis le ho gia' pagate quando ho comprato la macchina
Pagine