NEWS

Crolla il prezzo del petrolio

Pubblicato 21 aprile 2020

Il drastico calo dei consumi di carburante e le manovre speculative hanno portato a valori addirittura negativi che, però, non si rispecchiano nei prezzi alla pompa.

Crolla il prezzo del petrolio

QUOTAZIONE NEGATIVA - Più che un calo sembrerebbe un fragorosissimo tonfo. Un crollo di proporzioni mai viste prima. Stiamo parlando del petrolio americano, le cui quotazioni a New York sono crollate con un calo del 305% a -37,63 dollari al barile. Detto in altri termini, sono gli stessi produttori di petrolio stanno pagando gli acquirenti per disfarsi delle loro scorte. A capitolare sono comunque solo le quotazioni Wti (West Texas Intermediate, in pratica il greggio prodotto in America) sulle consegne previste per il mese di maggio. I contratti con scadenza nei prossimi mesi soffrono invece perdite più limitate, lasciando supporre che si spera che la domanda salga progressivamente. 

PURA SPECULAZIONE - Molti analisti in ogni caso sostengono che si tratterebbe di una discesa in gran parte pilotata per permettere alle compagnie di fare grandi scorte di greggio. E una volta ripresa l’attività, rivendere il greggio a prezzi decisamente più elevati. Insomma potrebbe trattarsi di una grande speculazione a livello mondiale. 

ALLA POMPA SCENDONO POCO - Peccato solo queste spericolate manovre di alta finanza, come al solito siano gestite da una ristretta elite e non porteranno alcun beneficio a noi automobilisti. Perché, crisi o non crisi, i prezzi dei carburanti variano e purtroppo varieranno sempre in modo impercettibile. O quasi. E in Italia attualmente il prezzo medio della benzina è di 1,429 euro al litro (modalità self) che scendono a 1,319 euro al litro per il gasolio. A titolo di confronto verso la fine del 2019 la benzina costava 1,574 euro al litro, 1,462 euro il gasolio.





Aggiungi un commento
Ritratto di Andrea Zorzan
21 aprile 2020 - 12:28
Vabbè, quando andrò al lavoro cercherò di usare la bici, così i petrolieri impareranno.
Ritratto di deutsch
21 aprile 2020 - 13:41
4
La domanda è perché se ci puoi andare in bici ci vai con la macchina a prescindere da tutto
Ritratto di Pavogear
21 aprile 2020 - 21:01
Perché magari gli piace guidare e stare al sicuro da inconvenienti poco simpatici. Io sfrutto la bici solamente quando so a prescindere che ci metterò meno e che ho tutte ciclabili da fare. Altrimenti auto tutta la vita
Ritratto di deutsch
21 aprile 2020 - 22:16
4
non so quale piacere di guida ci possa essere nel guidare 3/4 km incolonnati nel traffico di punta e magari poi impazzire nella ricerca di un parcheggio. non faranno mai tante piste ciclabili se la gente usa elusivamente e quasi l'auto
Ritratto di Pavogear
21 aprile 2020 - 22:39
Beh ma non tutti abitano in centro. Se abiti anche solo appena fuori e fai strade dove non sei incolonnato non c'è nulla di particolarmente brutto nel prendere la macchina. Concordo invece sul fatto che in centro sia abbastanza stressante stare incolonnati per diversi minuti, soprattutto quando si hanno orari
Ritratto di deutsch
22 aprile 2020 - 09:30
4
vero ma probabilmente a quel punto fai più dei 3/4 km a tratta di cui si parlava, poi chiaro ci sono tante diverse situazioni. la mia affermazione nasce dal fatto che conosco molte persone, giovani ed in salute la cui distanza dal lavoro ed il tipo di lavoro consentirebbe agevolmente di muoversi in bici ma ogni volta che glielo ho suggerito hanno accampato le scuse più disparate
Ritratto di Pavogear
22 aprile 2020 - 10:48
Sicuramente nel periodo tra marzo e maggio e quello tra settembre e novembre la bicicletta è un'ottima scelta (quando non piove ovviamente). Nel periodo invernale e in quello estivo invece dipende a seconda di quanto uno sopporta il freddo o il caldo. In ogni caso come al solito starebbe al buon senso indicare se usare l'auto o altri mezzi per gli spostamenti
Ritratto di AndyCapitan
21 aprile 2020 - 12:45
1
....io davvero non capisco...ma l'europa deve sempre gabbare il cittadino comune!!!!.....in america dove stanno i mie cugini la benza e' gia' scesa alla meta'....da noi solo il 5%!....ma perche!!!!!!!
Ritratto di Jimgoose
21 aprile 2020 - 13:25
In america il popolo scende in piazza e grida contro l'inutile lockdown(giusto o sbagliato che sia,si fa sentire),da noi il popolo proferirà un miagolio solo se tra qualche settimana il calcio non potrá ripartire,questo da la misura del xchè da loro la benzina scenda e da noi no,siamo diventati 1 popolo di ovini,chi ha potere lo sa e agisce di conseguenza
Ritratto di AndyCapitan
21 aprile 2020 - 14:14
1
hai ragione...proprio ovini senza atributi gli italiani!...ci trattano come inesistenti....ma lo siamo...nessuno si indigna e tutti se ne fregano!
Pagine