NEWS

All Dakar 2017 domino della Peugeot

16 gennaio 2017

La Peugeot 3008 DKR si dimostrata imbattibile: sul gradino più alto del podio Peterhansel, che precede Loeb e Despres.

All Dakar 2017 domino della Peugeot

UNA QUESTIONE TRA FRANCESI - Stéphane Peterhansel si è aggiudicato l’edizione 2017 della Dakar e ha costretto al secondo posto l’ex rallysta Sébastien Loeb, vincitore di cinque prove speciali, superato nel finale quando era in testa alla classifica. Peterhansel, 51 anni, è al 13° successo nel rally di durata più celebre e impegnativo al mondo: 6 li ha ottenuti con le motociclette e 7 con le automobili. Il duello fra i due piloti francesi è valso un risultato di grande prestigio per la scuderia Peugeot, al via della gara con il prototipo 3008 DKR (nelle foto), che si è aggiudicata tutti i gradini del podio: alle spalle di Peterhansel e Loeb è giunto Cyril Despres, francese anch’egli, davanti alle lontanissime Toyota dello spagnolo Nani Roma e del sudafricano de Villers. Fra i piloti italiani, nella categoria riservata alle automobili, sono giunti al traguardo gli equipaggi composti dai gemelli Aldo e Dario De Lorenzo (31°), da Gianni Tassi, Massimiliano Catarsi e Alessandro Brufola Casotto (41°) e da GiulioFINA Verzeletti e Antonio Cabini (55° su una Fiat Panda). 

FINALE AMARO PER LOEB - Peterhansel ha adottato una strategia di gara piuttosto rischiosa, mettendo a frutto la maggior esperienza (Loeb è alla seconda partecipazione): ha lasciato sfogare l’avversario e confidato in qualche suo errore. Loeb si è aggiudicato la prova speciale numero 2 e ha ottenuto nell’occasione il vertice della corsa. Peterhansel lo ha scavalcato al comando nella PS5 e ha mantenuto il vertice in quella successiva, portando il vantaggio a quasi due minuti (+1,57 minuti al termine della PS7), ma Loeb ha vinto la prova speciale 8 e ha compiuto il contro-sorpasso. L’episodio chiave si è verificato nel corso della PS10: Peterhansel ha vinto la tappa con oltre 7 minuti di vantaggio e ricacciato Loeb in seconda posizione, dove sarebbe rimasto nonostante il successo nelle ultime due prove speciali. Il 51enne ha vinto la corsa in 28:49:30 ore, con 5,13 minuti di vantaggio su Loeb e 33,28 su Despres. Il percorso era suddiviso in 12 prove speciali e misurava in tutto 8.782 chilometri, ma è stato accorciato in virtù delle condizioni climatiche avverse.



Aggiungi un commento
Ritratto di Emanuele.80
16 gennaio 2017 - 16:36
Beh solo a vederla da 1 km di distanza la 3008 DKR si capisce che è un mezzo nettamente superiore al TOYOTA e alla Mini, nonostante abbia solo 2 ruote motrici. Poi sicuramente anche bravura dei piloti, ci mancherebbe.
Ritratto di Fantomas72
16 gennaio 2017 - 19:18
Chapeau Peugeot ! dove sono Toyota 4x4...e Mini AWD ..!??? :)
Ritratto di Asburgico
17 gennaio 2017 - 08:28
Nel titolo leggo "domino" , ma intendevano "dominio"?
Ritratto di meo_tamigi
17 gennaio 2017 - 11:31
Notizia di colore: La panda 4x4 con 2.0 mj è diventata la prima macchina al mondo strettamente derivata da vetture di serie a finire la corsa. Complimenti al coraggio dei piloti più che al mezzo !!! Complimenti alla PANDAKAR (così rinominata)
Ritratto di meo_tamigi
17 gennaio 2017 - 11:37
Trattasi di panda cross con le sospensioni SACHS, radiatori supplementari, una piastra paracolpi, gomme BF Goodrich su cerchio OZ 15″ oltre che sedili, cinture di sicurezza ed impianto estinzione Sparco.
Ritratto di caronte
29 gennaio 2017 - 17:38
Forza Peugeot.