NEWS

Dalla Hyundai un assaggio delle tecnologie future

30 marzo 2017

I nuovi modelli saranno connessi e intelligenti, tanto da comunicare persino il giorno migliore per lavare la carrozzeria.

Dalla Hyundai un assaggio delle tecnologie future

IL TEMA È L’AUTO CONNESSA - La Hyundai porta al Salone dell’automobile di Seoul (30 marzo-9 aprile) alcune soluzioni inedite sul tema della mobilità connessa, ovvero una serie di tecnologie per mettere in comunicazione una vettura con il proprietario, determinate infrastrutture o con le altre automobili nei dintorni. Questo ambito di ricerca è ancora per lo più inesplorato, ma costituisce uno dei principali filoni in vista dei grandi cambiamenti a cui si prepara il mercato automobilistico: grazie alle vetture connesse si potrà conoscere la disponibilità di parcheggi liberi all’interno di una struttura, sapere quando è il momento di recarsi in officina per un tagliando o avere un quadro più preciso sulle condizioni del traffico lungo una strada. 

DAL 2018 - La Hyundai ha sviluppato per l’occasione la Connected Car Service Platform, una piattaforma a controllo vocale che riceve ed elabora i messaggi impartiti dal proprietario: tramite le operazioni Home to Car si potrà ad esempio accendere il motore o chiudere le portiere, scandendo un semplice messaggio, mentre con quelle Car to Home sarà possibile gestire allo stesso modo l’impianto d’illuminazione casalingo o quello per il riscaldamento. Le funzionalità Home to Car, secondo quanto anticipato, arriveranno in commercio dal 2018. La Hyundai sta lavorando inoltre ad una serie di tecnologie per sveltire determinate consuetudini, a partire dalle visite in officina, che in futuro potrebbero venir ridotte ai minimi termini: il sistema Smart Convenience permetterà ad esempio di aggiornare da casa software o funzionalità di bordo, in maniera simile agli smartphone.

ASSISTENTE DI BORDO - Il sistema Proactive Caring analizzerà i cosiddetti big data (ovvero i chilometri percorsi, l’anzianità dell’auto) e rileverà in anticipo eventuali malfunzionamenti, il Cost Efficiency analizzerà le abitudini di guida del conducente e raccomanderà il tragitto migliore per risparmiare carburante (o per prolungare la carica delle batterie, nel caso in cui l’auto sia ibrida o elettrica), mentre il Connected Efficiency suggerirà di effettuare operazioni al momento migliore: attraverso la connessione ad internet, il sistema di bordo consiglierà al proprietario di lavare l’auto nei giorni in cui non sono attese piogge.





Aggiungi un commento
Ritratto di mike53
31 marzo 2017 - 10:47
Scusate, ma non stiamo esagerando un tantino? Logico che se piove uno sano di mente non lava l'auto....!
Ritratto di ConteBerengario
31 marzo 2017 - 15:11
Non fa questo, ma consiglia quando lavarla metchando i dati in modo che l'auto quando pulita duri di piu. In Italia forse no, ma soprattutto al nord europa e' conveniente saperlo. Io l'ho lavata ieri e non davano pioggia oggi, ma la strada e' sporca e polverosa ed oggi e' quasi sporca.
Ritratto di board90
31 marzo 2017 - 18:07
5
Lavai l'auto mentre pioveva quando era nuova..
Ritratto di Eccomi Qua
1 aprile 2017 - 16:20
Secondo me l'auto del futuro dovrebbe consumare ed inquinare meno. Il resto sono specchietti per le allodole e fregnacce varie.
Ritratto di emergency
3 aprile 2017 - 09:31
Hyundai Number one in the World