NEWS

De Tomaso P72: muscoli americani

Pubblicato 13 dicembre 2019

Prosegue lo sviluppo della De Tomaso P72 che sarà in consegna da fine 2020. Il motore è un V8 di derivazione Ford capace di 750 CV.

De Tomaso P72: muscoli americani

NUOVA VITA - Dopo la fallimentare gestione di Gian Mario Rossignolo, terminata nel 2009 con la vendita del marchio alla cinese Ideal Team Venture, la De Tomaso risorge con un nuovo progetto, una coupé ad alte prestazioni con motore centrale posteriore, un'erede spirituale della Pantesa degli Anni 70. Si chiama De Tomaso P72, ed è una supercar che verrà realizzata in soli 72 esemplari venduti a 750.000 euro l'uno (più le tasse). Sarà distribuita in Europa a partire dalla fine del 2020 dalla società olandese Louwman Exclusive.

UN V8 DA OLTRE 700 CV - La De Tomaso P72 ha un design ispirato alle supercar degli Anni 60, come si nota dalle linee sinuose e dai passaruota pronunciati. L’interno invece è all’insegna dell’opulenza e ha dettagli in rame lucidato, oltre a strumenti analogici raggruppati dietro il volante. La vettura è stata sviluppata dal team di tecnici della Apollo, il piccolo costruttore noto per la hypercar Intensa Emozione: infatti, De Tomaso Automobili e Apollo sono di proprietà della Ideal Team Venture. Il motore della De Tomaso P72 è stato realizzato insieme all’americana Roush, ed è un V8 sovralimentato di derivazione Ford con oltre 700 CV e 825 Nm di coppia, abbinato al cambio manuale a 6 marce.

De Tomaso P72
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
15
2
1
0
1
VOTO MEDIO
4,6
4.578945
19




Aggiungi un commento
Ritratto di Giulio Menzo
13 dicembre 2019 - 14:50
2
Bellisimissimissima
Ritratto di Giulio Menzo
13 dicembre 2019 - 14:51
2
Ecco un design puro e semplice senza inutili artificiosità
Ritratto di Dface
13 dicembre 2019 - 15:08
Bella, anche se gli interni li trovo un pò baroccheggianti. L'unico difetto è che non c'è il minimo accenno a innovazioni anti inquinamento.
Ritratto di Giuliopedrali
13 dicembre 2019 - 16:36
Alla fine davvero interessante, una supercar che punta più su linee e finiture che tecnologie fantasmagoriche, ma quanto sarebbe bello rifacessero la Pantera o la stupenda Deauville la più interessante ma misconosciuta berlina italiana degli anni 70 dopo l'Alfasud... Se avesse costato di meno e non ci fosse stata la crisi del Kippur nel '73, avrebbe perlomeno sopravanzato la Fiat 130...
Ritratto di Illuca
13 dicembre 2019 - 17:35
Brutta roba essere poveri.....
Ritratto di 82BOB
13 dicembre 2019 - 18:57
2
Peccato non sia prodotta in Italia...
Ritratto di verdebiancorosso
13 dicembre 2019 - 20:09
la Pantera è stata la supercar accessibile...questa non aggiunge nulla da nessuna parte
Ritratto di Giuliopedrali
14 dicembre 2019 - 08:49
La Pantera è l'unica supercar a motore centrale che mi piace, le altre le trovo solo giocattoli per fare due giri in pista.
Ritratto di studio75
14 dicembre 2019 - 09:22
5
Per i miei gusti, se riproponevano la linea della pantera avrebbero fatto centro.
Ritratto di The Krieg
14 dicembre 2019 - 23:14
Infatti l'articolo è sbagliato. Questa si ispira alle auto da corsa De Tomaso, non alla Pantera
Pagine