NEWS

Dieci consigli per non dimenticarsi i bimbi in auto

03 luglio 2018

La campagna di sensibilizzazione dell’Asaps riporta l'attenzione su un tema importante, come i bambini dimenticati in auto.

Dieci consigli per non dimenticarsi i bimbi in auto

BLACKOUT MENTALE - In gergo medico si parla di amnesia dissociativa transitoria quando una persona ha un “buco” nella memoria dovuto allo stress. Il nome di questo disturbo torna d’attualità in estate, perché molto spesso è all’origine di tragedie come l’abbandono di un bambino piccolo nell’auto sotto il sole. L’associazione Asaps, che si occupa di sicurezza stradale, ha lanciato per questo motivo una campagna di sensibilizzazione e di educazione dell’opinione pubblica, con la speranza di aiutare i genitori ad evitare un vero e proprio momento di black out mentale, quando lo stress ed il ritmo lavorativo fanno si che il bambino sul seggiolino venga messo in secondo piano. L’Asaps ha lanciato inoltre un appello al Governo, chiedendo che tutti i seggiolini vengano dotati di un sistema sonoro anti-abbandono.

PICCOLI ACCORGIMENTI - Fra le proposte dell’Asaps per scongiurare queste tragedie c’è inoltre un’app per smartphone, che 10 o 15 minuti dopo l’ingresso del bambino all’asilo nido o alla scuola materna invia un messaggio al genitore per evitare che nella fretta di arrivare prima a lavoro lo dimentichi in auto. Al centro della campagna di sensibilizzazione ci sono però 10 suggerimenti (vedi più in basso), basati sulle indicazioni fornite dal Ministero della Salute nel 2015,  fondamentali per evitare che si verifichino tragedie del genere, che in Italia sono avvenute almeno 10 volte fra il 2011 e maggio 2018.

CALDO NEMICO DEI BAMBINI - Esporre un bambino piccolo al caldo torrido infatti è molto più pericoloso che non per le persone adulte, perché i neonati hanno una superficie corporea minore e quindi disperdono il calore meno facilmente: secondo il Ministero della Salute, la temperatura corporea di un bambino sale da 3 a 5 volte più velocemente rispetto a quella di un adulto. Ciò li espone a un aumento eccessivo della temperatura corporea e a disidratazione. Alcuni produttori di seggiolini ne hanno già messi in vendita alcuni con un sistema sonoro anti-abbandono, mentre fra i costruttori di automobili la Hyundai ha presentato una novità sotto questo fronte (qui per saperne di più).

I 10 CONSIGLI 

  1. Se vedi un bambino solo in macchina e nessun adulto nei paraggi chiama immediatamente il 112 (numero unico europeo per le emergenze) o il 113.
  2. Se trasporti sul sedile posteriore della tua auto un bambino: lascia i tuoi oggetti personali (borsa, telefono, valigetta, ecc.) sul sedile posteriore, vicino al piccolo. Per non dimenticare il piccolo appoggia gli oggetti personali del bambino (pannolini, borse e biberon) sul sedile anteriore, in modo che ti ricordino la presenza del bambino.
  3. Quando accompagni il bambino al nido o all’asilo aggiungi sul programma dell’agenda del tuo computer o del telefonino un “promemoria” (oppure scrivilo sulla tua agenda di carta), che può segnalarti se hai portato o meno il bambino a destinazione, come programmato.
  4. Ogni volta che si verifica un cambiamento di programma nel riprendere o nell’accompagnare il bambino, comunicalo al partner o a una persona di fiducia. 
  5. Chiedi alla persona che si prende normalmente cura del bambino (ad esempio la responsabile dell’asilo o del nido o la babysitter) di avvertirti se il bambino non è stato accompagnato all’asilo o al nido, come di solito accade.
  6. Installa un dispositivo di allerta, sonoro o luminoso, che si attiva quando spegni il motore e ti allontani senza prendere con te il piccolo. 
  7. Quando in macchina non c’è nessuno, chiudi le portiere e il bagagliaio posteriore e tieni le chiavi lontano dalla portata dei bambini. Uno dei rischi è che i bambini entrino nel bagagliaio all’insaputa dei genitori per fare dei giochi o per semplice curiosità. Quando in una villetta o in un cortile di condominio non si riesce più a trovare un bambino, verifica immediatamente l'auto e il portabagagli.
  8. Prima di chiudere un veicolo, accertati che tutti i passeggeri siano scesi, in modo particolare i bambini che durante il viaggio possono essersi addormentati.
  9. Chiudi sempre l'auto a chiave e spiegare ai bambini che l'auto non è un luogo di gioco o per nascondersi.
  10. Nel caso in cui ci si accerti della presenza di un bambino all'interno dell'auto da diverso tempo, chiama immediatamente il 118 che può fornire i primi consigli in attesa dell'arrivo del personale medico e sanitario.




Aggiungi un commento
Ritratto di Fr4ncesco
3 luglio 2018 - 13:53
2
Mi sono sempre chiesto: ma nel caso estremo si rompa il vetro per una, almeno presunta, perdita di coscienza per attuale le manovre rianimative, chi paga il vetro rotto? Non è una domanda stupida, c'è chi cita anche il personale sanitario per averi tagliato gli indumenti costosi. Anche perché da qui ad aspettare i soccorsi passa via del tempo fondamentale per la salvezza.
Ritratto di Anonimo
Anonimo (non verificato)
3 luglio 2018 - 16:01
Commento rimosso a seguito della cancellazione dell'utente dal sito.
Ritratto di LOL25
3 luglio 2018 - 14:39
Il fatto che si debba ricorrere ad app o a stratagemmi per non dimenticare i propri figli è follia pura, a certa gente non affiderei neanche un pesciolino rosso. Ma poi sono l'unico che ogni volta che che chiude l'auto si gira a guardarla prima di andare via?
Ritratto di mgiver
3 luglio 2018 - 14:57
Evidentemente hai sempre tempo per fare le cose con calma e non sei sotto stress continuo.
Ritratto di LOL25
3 luglio 2018 - 15:20
Certo, perché girarsi a guardare l'auto dopo averla chiusa significa avere ore di tempo a disposizione e non essere stressati. Curioso il fatto che al giorno d'oggi con lo stress si voglia giustificare ogni azione, dalla più piccola alla più grande tentando di lavarsene le mani
Ritratto di tramsi
3 luglio 2018 - 21:43
Può accadere anche al genitore più scrupoloso.
Ritratto di ziobell0
3 luglio 2018 - 16:04
Dimenticare il figlio in auto è una tragedia, sicuramente dettata da un grave malessere. Dover usare un'app per queste cose è già indice di serie problematiche a livello mentale.
Ritratto di mike53
4 luglio 2018 - 11:24
Metodo infallibile per non dimenticare il bimbo in auto? Semplice, non fate figli!
Ritratto di Mannaro
4 luglio 2018 - 11:25
Ottimo articolo. Manca solo il link all'approfondimento...