NEWS

Dodge Viper: non un addio ma un arrivederci

5 luglio 2010

Prodotto l'ultimo esemplare della supercar americana famosa per il suo motore V10 da oltre 8 litri. Nel 2012 dovrebbe tornare tutta nuova e con lo "zampino" della Ferrari.

RINASCE CON LA FERRARI?  - Dopo 18 anni l'America si presta a dire l'addio a una delle sue icone automobilistiche, la Dodge Viper. Venerdì è stato infatti consegnato al texano D'Ann Raugh, il più grande collezionista  della “vipera” (ne ha più di 40), l'ultimo esemplare uscito dalla catena di produzione. Quello della Viper è più un arrivederci che un addio: secondo i piani della Chrysler, nel 2012 dovrebbe nascere un nuovo modello. Un'auto sviluppata “con l'esperienza dei nostri partner, che costruiscono le sportive migliori al mondo”, aveva detto Marchionne (amministratore delegato della Chrysler alla quale fa capo il marchio Dodge) alludendo una possibile collaborazione con la Ferrari (leggi qui per saperne di più).
 

Dodge viper ultima 2010 02
In occasione della consegna dell'ultima Viper, è stato organizzato anche un raduno.


ORGOGLIO USA
- Un'ipotesi che aveva scatenato la reazione dei vertici della Dodge che, in occasione del nuovo record sul giro della pista di Laguna Seca fatto segnare da una Viper ACR, versione “pronto pista” ma omologata per circolare su strada (come una Porsche 911 GT3-RS per intenderci), avevano reclamato l'indipendenza della sportiva americana dalla Ferrari: “la Viper è la Viper, la Ferrari è la Ferrari” avevano dichiarato (leggi qui la news).

Dodge viper 17
L'immenso motore V10 da 8,4 litri da 600 CV delle ultime Dodge Viper.


CAVALLI “GENUINI”
- Nata nel 1992, la Dodge Viper ha rappresentato la reinterpretazione in chiave moderna delle classiche “muscle car” americane: motore anteriore, trazione posteriore, niente aiuti elettronici (come controllo di trazione o Esp) e tanti cavalli. Disponibile da prima come roadster (RT/10), e successivamente anche come coupé (GTS), la Viper ha visto crescere la potenza del suo V10 da 8 litri messo a punto dalla Lamborghini (di proprietà della Chrysler dal 1987 al 1994) dai 400 CV iniziali ai 600 dell'ultima versione da 8,4 litri. Una "cavalleria" sufficiente a farle raggiungere i 314 km/h e scattare da 0 a 100 km/h in soli 3,9 secondi.

Aggiungi un commento
Ritratto di Fr4ncesco
5 luglio 2010 - 12:07
Non abbiano lo "zampino" della Dodge
Ritratto di Al86
5 luglio 2010 - 12:27
So che tutti i fiattisti partiranno all'attacco dopo questo commento, ma scusatemi se la penso in maniera differente, la vedo come gli americani la Viper è la Viper e la Ferrari è la Ferrari, ben venga se utilizzano il know how di Ferrari per rendere più efficente il motore della Viper, ma è realmente necessario su una sportiva? Non credo, chi compra auto del genere non è interessato a consumare meno o a rispettare l'ambiente, e comunque sono auto di nicchia, molto meglio fare queste operazioni su auto destinate alla "grande distribuzione" (e poi non mi pare che le Ferrari siano auto "risparmiose"). Comunque l'importante è che non facciano il solito minestrone insipido tipico di Fiat (vedi Alfa, Lancia) col risultato di una Ferrari "economica" piena all'inverosimile di diavolerie elettroniche, invece che una sportiva americana priva di qualsiasi controllo elettronico e con un cambio MANUALE a 6 marce. P.S.: X la redazione, la Viper dal 2008 monta un 8.4l V10 da 600cv
Ritratto di Zack TS
5 luglio 2010 - 12:57
1
beh con l'aiuto di ferrari si potrà migliorare la guidabilità della viper (lo sterzo per essere una sportiva non è il massimo stando a quanto dicono i vari test).....si potrebbe puntare ad ottenere potenze simili diminuendo un po la cilindrata che è esagerata.....però la viper deve mantenere una sua identità, non deve certo assumere uno stile europeo in tutto e per tutto, altrimenti non è più una viper ;-)
Ritratto di Fr4ncesco
5 luglio 2010 - 13:20
Va bene un aiuto, l'imporante che non inizino ad avere soluzioni uguali o caratteristiche in comune, che non nasca una specie di ibrido, che non venga eliminata l'italianità come avverrà per un marchio storico come la Lancia o l'identità americana di un marchio come Dodge. Italiano e americano non vanno assolutamente daccordo, hanno caratteristiche completamente diverse, ed è giusto proteggerne entrambe le identità.
Ritratto di Alessandro
5 luglio 2010 - 13:48
Ferrari è una cosa Dodge Viper è un altra.............
Ritratto di apm
5 luglio 2010 - 13:38
non mi mancherà la viper...
Ritratto di alexietto.91
5 luglio 2010 - 13:47
Concordo con il fatto che la Viper dovrebbe rimanere lontana dalla Ferrari, anche perchè sono mondi opposti (la Ferrari è un'auto sportiva ma da signori, la Viper è l'auto per piloti) ma davvero è negativa la collaborazione??? Alla fine permetterebbe agli americani di aprire il loro mercato anche in Italia (da sempre molti Italiani non vedono di buon occhio le auto americane con i loro "motoroni" di grande cilindrata e soprattutto con consumi da aereo). Comunque spero che alla fine la viper rimanga la classica auto per forti emozioni e che riceva alcune migliorie delle auto Italiane o Europee come il motore turbo per avere una cilindrata più accettabile
Ritratto di LUCA TIR
5 luglio 2010 - 14:05
non dimentichiamoci però che il grosso "motorone" della viper ha un origine italianissima ,era un motore lamborghini, che fu scelto da chrisler ai primi tempi di quando la lambo passò dai mimram agli americani,e che originariamente era un 7.900 giusto per ricordarci che qualcosa di italiano c'è sempre stato nella storia della viper. o come quando uscì la prima versione chiusa [la gts] all'epoca [nel 1997] bob lutz dichiarò che per essa si era "ispirato alla migliore tradizione delle granturismo ferrari"
Ritratto di askarrabbad
5 luglio 2010 - 14:01
tanto per sottolineare le differenze, la ferrari 599 ha 620CV con un V12 6.0, questa ha 600CV con un V10 8,4! La Ferrari è la Ferrari e speriamo non si perda in cose del genere!