NEWS

DR 5.0: arriva la Turbo con il doppia frizione

Pubblicato 20 novembre 2020

La DR 5.0 Turbo è spinta da un 4 cilindri 1.5 a benzina che eroga 154 CV. Questa versione, che costa 21.900 euro, ha anche una migliore dotazione.

DR 5.0: arriva la Turbo con il doppia frizione

PIÙ POTENZA E COPPIA - Dopo il debutto, lo scorso marzo, della DR 5.0, crossover del marchio italiano derivata dalla cinese Chery Tiggo 5X, è ora la volta della DR 5.0 Turbo che, al posto del motore 4 cilindri aspirato 1.5 da 116 CV, monta la versione dotata di turbo. La nuova unità ha 154 CV di potenza e 210 Nm di coppia, che dovrebbero garantire maggiore brillantezza e riprese più corpose, ed è abbinata a un cambio robotizzato a doppia frizione con 6 rapporti che trasmette il moto alle ruote anteriori (non è disponibile 4x4).

DOTAZIONE PIÙ RICCA - La DR 5.0 Turbo (nelle foto) è ordinabile con prezzi da 21.900 euro, 3.000 in più della versione con motore aspirato. A richiesta, c’è l’impianto Gpl, che costa 1.000 euro. La versione Turbo ha più contenuti di serie, perché offre il tetto panoramico, l’impianto audio con 6 diffusori, il freno di stazionamento elettrico ed i fari anteriori con funzione di accensione e spegnimento automatico, a seconda delle condizioni di luce all’esterno. Sono di serie anche gli airbag laterali a tendina, che fuoriescono dal soffitto per proteggere la testa dei passeggeri, e il sistema per selezionare la modalità di guida: sono la Eco, per risparmiare carburante, e la Sport, per avere più brillantezza. 

CAMBIA IL RETROTRENO - Infine, la DR 5.0 Turbo ha nuove sospensioni al retrotreno: al posto di quelle semi-indipendenti con barra di torsione della 1.5 aspirata, c’è il più raffinato schema a ruote indipendenti di tipo multlink. Il telaio è stato irrigidito, con l’obiettivo di incrementare la stabilità e la precisione di guida.

DR 5.0
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
10
5
11
12
22
VOTO MEDIO
2,5
2.483335
60




Aggiungi un commento
Ritratto di Illuca
20 novembre 2020 - 13:11
Il mercato offre certamente di meglio, ma anche di peggio
Ritratto di Pippo80
20 novembre 2020 - 15:00
2
Più di meglio che di peggio. Garantito.
Ritratto di Giuliopedrali
20 novembre 2020 - 15:47
Già il fatto che ci sia di peggio e magari è nostrano...
Ritratto di Percy
20 novembre 2020 - 16:32
2
Giusto. Fermo restando che resta sempre una "assemblata" come i PC di una volta, questa almeno monta un motore di cubatura quasi giusta e con tutti i cilindri che deve avere . Percy.
Ritratto di Giuliopedrali
20 novembre 2020 - 17:01
In realtà è già assemblata completamante in Cina ed è una Chery Tiggo5 di qualche anno fa, in Molise montano un motore austriaco, almeno su alcune DR, e cambiano la mascherina e qualche particolare, il bello è che può risultare già migliore di qualche nostra FCA sta roba che in Cina manco se la filano.
Ritratto di orlak
20 novembre 2020 - 18:25
Vero. In Cina si filano invece tantissimo la VW Lavida, che dovrebbe essere 3 volumi una low cost alla Dacia se non erro.
Ritratto di Giuliopedrali
20 novembre 2020 - 18:41
E in USA la Jetta che siamo là, comunque la Lavida ed altre corrispondono alle nostre low cost : Panda Ypsilon e Sandero, e tutto sommato è una VW e una berlina 3 volumi.
Ritratto di orlak
20 novembre 2020 - 22:02
No. Ce l'hanno pure là le citycar, infatti ci sono state spesso news che "si ispirano" alle nostre, come modelli, Panda inclusa. Per loro la Lavida sarà l'equivalente della Compass qua, la macchina per il padre di famiglia che si considera arrivato. Ovviamente con le opportune distanze che ci sono fra una Lavida a una Compass, soprattutto la nuova Phev (a ottobre vendute oltre 500 di plugin, circa come la migliore delle elettriche, e circa 10 volte il venduto della Model3)
Ritratto di Giuliopedrali
21 novembre 2020 - 08:41
Le citycar e indicami anche un solo modello cinese di grazia? Poi la storia della Panda copiata è una pura invenzione, esisteva un'auto che si chiamava Panda come la torinese, tutto lì. La Lavida è l'auto più vendta come da noi la Panda, fine.
Ritratto di orlak
21 novembre 2020 - 09:24
Mi spiace ma del mercato auto cinese e della sua storia manca la dovuta preparazione e oramai sarebbe troppo tardi per fare scuola in materia (non per cattiveria, ma è solo che è un argomento vasto per farci un tutorial). Eppure basterebbe digitare sulla tastiera e grazie all’internet informarsi autodidatticamente. Sono situazioni che hanno fatto la storia dei forum di auto, e che se ci si vuole cimentare a parlarne non si dovrebbero non sapere. Tipo che rifacevano le citycar come le nostre (Panda, Smart, Mini, ecc.ecc.).
Pagine