NEWS

FCA e Ferrari: convocati i Cda per la sostituzione di Marchionne

21 luglio 2018

Con procedura d’urgenza sono stati convocati i Cda di FCA, Ferrari e CNH. All’ordine del giorno la successione dell'ad.

FCA e Ferrari: convocati i Cda per la sostituzione di Marchionne

RIUNIONE IMPROVVISA E D’EMERGENZA - Non senza una certa drammatizzazione dovuta alla convocazione d’urgenza del consiglio di amministrazione, per un sabato di fine luglio, il gruppo FCA affronta oggi il tema della successione a Sergio Marchionne. La questione non è una novità, e da tempo si sa che il top manager italo-canadese ha da tempo in programma l’abbandono della carica nella primavera del 2019. Ma le condizioni di salute di Marchionne hanno evidentemente imposto di accelerare le procedure, sino alla decisione di riunire all’improvviso e d’urgenza il consiglio di amministrazione solo con questo tema sul tappeto. 

PROCEDURA ALLARMANTE - La serietà della situazione - per non usare la parola gravità - è data anche dal fatto che nella stessa giornata di oggi 21 luglio, sono stati convocati i consigli di amministrazione della Ferrari e della CNH, entrambe società guidate appunto da Marchionne. Le tre riunioni sono state fissate a Torino con lo stesso argomento in discussione: la sostituzione di Marchionne. La notizia è stata lanciata dalla testata americana Automotive News. Da parte di FCA, Ferrari e CNH non c’è stato alcun commento, né di conferma di smentita.  

I NOMI IPOTIZZATI COME SOSTITUTI - Assieme alla notizia della convocazione d’urgenza dei consigli di amministrazione vengono anche fatte le ipotesi più probabili per la successione. In particolare per la Ferrari le previsioni sono univoche e molto forti, indicando il manager Luis Camilleri come sostituto di Marchionne. Camilleri fa già parte del consiglio d’amministrazione della Ferrari, dove è arrivato proveniente dalla Philip Morris. Per il gruppo FCA le indiscrezioni sono meno nette. SI parla molto di Alfredo Altavilla, oggi responsabile per la regione EMEA (Europa e Medio Oriente) del gruppo CA, ma anche di Mike Manley, responsabile del marchio Jeep e di Pietro Gorlier, oggi amministratore della Magneti Marelli. Come si vede tutti nomi interni al gruppo, a cui recentemente si è aggiunto il nome di Vittorio Colao, per dieci anni alla guida di Vodafone. Va però ricordato che più volte sia il presidente della FCA che lo stesso Marchionne hanno sempre parlato di una successione interna. 

IN OSPEDALE DA GIUGNO - L’improvvisa accelerazione nella vicenda della successione di Marchione è causata dal protrarsi del suo ricovero in ospedale per un intervento chirurgico effettuato a giugno. 
 

Aggiungi un commento
21 luglio 2018 - 14:11
Ci metterei Manley visti i risultati positivi di Jeep, unico marchio attivo del gruppo con modelli nuovi e di successo e prospettive concrete per il futuro. Riuscirebbe a fare la stessa cosa con tutto il gruppo sarebbe una manna. Sempre CDA permettendo, visto che gli investitori sono sempre meno interessati alle attività automotive e paiono voler smantallare il gruppo rivendendo le attività più profittevoli.
Ritratto di Giuliopedrali
21 luglio 2018 - 14:34
Be ci metterei chiunque abbia guidato una 33 una vera auto italiana: popolare e spettacolare allo stesso tempo.. Forse capirebbe cos'anno in più le auto italiane.. Questo ha dato tutto in mano a Pentastar...
Ritratto di Giuliopedrali
21 luglio 2018 - 14:35
Cos'hanno. Scusate.
Ritratto di Magnificus
21 luglio 2018 - 20:01
se ha guidato una 33 non potrà che far meglio...peggio è impossibile:-))
Ritratto di Ercole1994
21 luglio 2018 - 20:03
E infatti è Manley, il nuovo A.D di FCA. Ora, temo che la maggior parte delle risorse, venga dirottata in terra americana...
Ritratto di Giuliopedrali
21 luglio 2018 - 20:33
Perché ora...
Ritratto di manuel1975
21 luglio 2018 - 15:50
dopo marchionne un latro idi ota che ha rovinato alfa e lancia. meglio ing carlo negri
Ritratto di ghighen
21 luglio 2018 - 16:53
ERA ORA CHE LASCIASSE !!! Grazie alle sue visioni, la Fiat ha perso tutto il mercato europeo, la posizione di forza in Brasile è stata devasta, il marchio Lancia ridicolizzato, il marchio Fiat messo in condizioni di sparire nell'arco di pochia anni. Anni di ricerca sul motore elettrico svolti sia da Fiat sia da Chrysler buttati alle ortiche ! Durante la sua gestione sono stati inutilmente lanciati sul mercato una serie infinita di veicoli a tre volumi che nemmeno suo nonno non gradisce più. Mercato cinese mai preso in considerazione seriamente. Quando Marchionne iniziò il suo lavoro, la Fiat era pronta per concludere importanti affari con i Russi, lasciati in seguito alla Renault Chiunque sarà scelto per sostituirlo non potrà fare meno danni!
Ritratto di Carattere Sportivo
21 luglio 2018 - 17:08
1
Grazie a Marchionne è stata costruita la vettura best del ring, un record ancora oggi innarrivabile per la concorrenza. Oltre a sua maestà suv piu veloce del mondo, grazie a lui Alfa Romeo è di nuovo tornata in cima alle classifiche mondiali per sportività, la Giulia Q più veloce auto del ring, Stelvio Q più veloce suv del ring, 4C più veloce auto sotto ai 300HP (e ne ha solo 240HP), Giulietta Veloce, auto più veloce del segmento con un buon gusto in fatto di design, Mito QV, miglior utilitaria bella sul mercato. Ora, disprezzare l'ottimo lavoro di un ottimo dirigente come Marchionne è una cosa, ma non riconoscere i fatti è un altra…….
Ritratto di ghighen
21 luglio 2018 - 17:15
Senti amico, quello che conta sono i numeri relativi a fatturato, quote di mercato e utili. I numeri dei giri veloci sono fumo negli occhi per i babbei come te!
Pagine