NEWS

FCA: verso un’intesa negli USA per emissioni dei diesel

20 dicembre 2017

Sono in corso trattative tra FCA e proprietari dei modelli a gasolio fuori norma per concludere il contenzioso entro fine marzo 2018.

FCA: verso un’intesa negli USA per emissioni dei diesel

AVVIATO IL DIALOGO - Va verso un accordo il contenzioso tra FCA e i proprietari dei veicoli a gasolio per le emissioni fuori norma. A dichiararlo è un consigliere del tribunale di San Francisco, in California, all’agenzia Reuters secondo il quale gli avvocati del Gruppo automobilistico starebbero dialogando con i rappresentanti dei possessori dei modelli diesel sotto accusa per concordare eventuali risarcimenti. Una diatriba iniziata lo scorso maggio con la causa avviata dal Dipartimento della Giustizia contro Fiat Chrysler Automobiles per non avere dichiarato durante l’omologazione la presenza di dispositivi di controllo delle emissioni installati a bordo. Si tratterebbe dei sistemi che disattivano, o rendono più blandi, i dispositivi di contenimento degli NOx dei motori diesel durante la marcia su strada.

SPIRITO COLLABORATIVO - L’accusa del Dipartimento della Giustizia aveva portato alla denuncia di numerosi proprietari di veicoli fuori norma, in particolare delle Jeep Grand Cherokee e dei pick-up RAM 1500 (foto sopra) con motori a gasolio da 3 litri prodotti dal 2014 al 2016, per un totale di quasi 104.000 le vetture coinvolte. Secondo Ken Feinberg, responsabile della transazione giudiziaria tra proprietari e FCA, le trattative in corso sono iniziate con uno scambio di documenti e con la discussione delle proposte di risarcimento con il Dipartimento di giustizia, il California Air Resources Board e Bosch, fornitore delle centraline delle auto diesel di FCA. La collaborazione tra le parti, ha confermato Feinberg all’agenzia Reuters, potrebbe portare a un’intesa entro marzo, anche se non si conoscono ancora i termini dell’accordo. Di certo il provvedimento esigerà l’aggiornamento dei software di gestione per rendere legali i modelli fuori norma, modifiche tecniche che sono al vaglio delle autorità, ma che dovrebbero essere approvate al massimo entro inizio aprile. 

Aggiungi un commento
Ritratto di Magnificus
20 dicembre 2017 - 19:49
Ma va...allora aggiornamento software e tutto va bene....come fa la wv ....quindi pacca sulla spalla e via andare
Ritratto di Eccomi
21 dicembre 2017 - 14:06
VW ha creato un codice software che riconoscesse quanto sotto diagnostica per test, e adottare di conseguenza un algoritmo idoneo a passare il test. Sistema adottato massivamente su molti modelli del gruppo. Ad FCA viene contastato di non aver dichiarato per intero, giustificandone adeguatamente la logica di funzionamento, il protocollo con cui gestisce il funzionamento del motore. Oltretutto su pochi modelli. VW, assieme a BMW e Daimler, sono invischiate inoltre in questioni come l'aver fatto cartello. La differenza tra VW (ma direi le case tedesche in generale) e tutte le alter case costruttrici, sul tema inquinamento, è grande.
Ritratto di GuidoFiatDal19xx
20 dicembre 2017 - 22:27
Sempre centraline BOSH?
Ritratto di Barbepaolo
21 dicembre 2017 - 06:52
Probabilmente, ma ricordiamo che le centraline Bosh eseguono i comandi della taratura che viene loro impostata.
Ritratto di Porsche
21 dicembre 2017 - 11:11
si può anche rispondere in un'altro modo. Sono Bosch anche le centraline delle auto regolari.... Il problema è sempre lo stesso, è come usi la centralina, non il produttore della stessa
Ritratto di LanciaRules
21 dicembre 2017 - 08:57
Notare la differenza con il caso VW: "Si tratterebbe dei sistemi che disattivano, o rendono più blandi, i dispositivi di contenimento degli NOx dei motori diesel durante la marcia su strada.". Quindi non emissioni totalmente taroccate per poter omologare veicoli altrimenti invendibili, ma quello che viene sindacato è solo la modalità di funzionamento dei dispositivi atti a mantenere i valori dei motori entro la norma.
Ritratto di Porsche
21 dicembre 2017 - 10:59
mi sa che non hai letto bene: "per non avere dichiarato durante l’omologazione la presenza di dispositivi di controllo delle emissioni installati a bordo"
Ritratto di Magnificus
21 dicembre 2017 - 11:11
Tarocca di più tarocca di meno ...sempre tarocco resta
Ritratto di Porsche
21 dicembre 2017 - 11:13
è questo il punto, questo tarocco made in FIAT è passato sotto gamba. Questa cosa è di uno scandalo che grida vendetta.
Ritratto di Porsche
21 dicembre 2017 - 11:17
E' chiaro che questo significa solo una cosa, la Vw faceva paura (e fa paura perchè sono il primo costruttore del mondo), mentre la Fiat va trattate con i guanti bianchi perchè ha fabbriche sul territorio USA... Gli americani con queste cose sono peggio dei cinesi !!!
Pagine