Ferrari California T: vai con il turbo

12 febbraio 2014

La Ferrari California T monta un nuovo motore 3.8 V8 turbo da 560 CV al posto del 4.3 aspirato da 489.

Ferrari California T: vai con il turbo
DAL VIVO A MARZO - “Prima” ufficiale allo stand della Ferrari, al Salone di Ginevra che aprirà al pubblico il prossimo 6 marzo, per la Ferrari California T, versione aggiornata della 2+2 con tetto retrattile in metallo che rappresenta la “porta d’accesso” all'esclusivo mondo del Cavallino. Come nella sigla della monoposto di F1 di quest'anno, la “T” sta per turbo: un inedito 3.8 V8 sovralimentato da 560 CV, infatti, prende il posto del precedente 4.3 (sempre V8) aspirato da 489. Abbinato al conosciuto cambio robotizzato a doppia frizione DCT, permette all'auto (secondo la casa) di coprire lo 0-100 km/h in 3,6 secondi e di raggiungere i 316 km/h (per l'attuale modello i valori sono, rispettivamente, di 3,8 secondi e 312 km/ora): e questo con una riduzione nei consumi e nelle emissioni che, sempre stando alla Ferrari, può arrivare fino al 15% nell'uso “reale”. I prezzi, non ancora annunciati, dovrebbero partire da poco meno di 200.000 euro; le prime consegne inizieranno solo in estate.
 
 
TURBO SÌ, MA A MODO SUO - Il nuovo “cuore” a otto cilindri della Ferrari California T, alimentato a iniezione diretta di benzina, ha un'architettura a V di 90° e segna il ritorno, dopo quasi 30 anni, alla sovralimentazione in una Ferrari stradale. Due turbocompressori, infatti, permettono a questo 3.8 di erogare 560 CV a 7500 giri al minuto e 755 Nm di coppia massima a 4750. Lo sviluppo, però, non è stata rivolto solo alla ricerca di prestazioni più elevate: gli ingegneri del Cavallino assicurano che il nuovo motore ha una “personalità” da motore aspirato, con un “turbo-lag” (il “buco” di potenza ai bassi giri che tende a manifestarsi, in questo genere di propulsori, prima che il turbo inizi a “soffiare”) molto ridotto e un allungo da vera unità sportiva. Se qualche componente (il basamento) è in comune con il V8 delle Maserati Quattroporte e Ghibli (che viene assemblato proprio a Maranello), le differenze fra i due propulsori sono comunque molto marcate: quello della California T ha teste specifiche, una cilindrata differente (3855 centimetri cubi contro i 3799 del Tridente) e un albero motore piatto anziché a gomiti. 
 
 
NUOVO SGUARDO - La carrozzeria della Ferrari California T non è stata altrettanto rivoluzionata, ma ha comunque guadagnato in cattiveria. Nuovi sono i fari, più sottili, sviluppati maggiormente in altezza e dotati di una fila di punti di luce a led. Più ampie anche la griglia e le due prese d'aria ai lati del muso, mentre quella centrale sul cofano ha lasciato spazio a due estrattori d'aria. Più marcati pure gli sfoghi nei parafanghi (un omaggio a quelli della sport 250 Testa Rossa del 1957), mentre il paracolpi posteriore è maggiormente scavato e dotato di un vistoso estrattore d'aria. Inedito il sistema di scarico, sempre a quattro uscite ma ora a coppie affiancate in orizzontale anziché in verticale. Proprio questo componente è stato oggetto di particolari attenzioni, per assicurare quel suono pieno e coinvolgente che, di norma, i motori turbo faticano di maggiormente a raggiungere rispetto a quelli aspirati.
 
 
UNO STRUMENTO IN PIÙ - Anche all'interno della Ferrari California T i cambiamenti sono numerosi, ma discreti: la plancia è ora meno prominente verso il passeggero anteriore, i pulsanti del cambio sono ospitati su un “ponte” color alluminio e la consolle centrale è stata modificata per accogliere un nuovo sistema multimediale con schermo di 6,5''. Inedito anche lo strumento circolare fra le bocchette dell'aria centrali: si chiama Turbo Performance Engineer (TPE) e permette, mediante una ghiera sensibile al tocco, di variare il “menù” delle informazioni fornite dal display digitale, che informa il guidatore su come sfruttare al meglio le prestazioni del nuovo propulsore.
Ferrari California
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
141
21
9
4
12
VOTO MEDIO
4,5
4.47059
187


Aggiungi un commento
Ritratto di Rikolas
12 febbraio 2014 - 14:34
null'altro da aggiungere! :)
Ritratto di Bruno91
12 febbraio 2014 - 14:40
1
Dopo tanti anni un altro modello con motore turbo!
Ritratto di napolmen
12 febbraio 2014 - 14:46
un equilibrio perfetto!!!!! TANTO CATTIVA MA ANCHE ELEGANTE!!!!! the king!!!! NULLA DA FARE PER LA CONCORRENZA....
Ritratto di Highway_To_Hell
12 febbraio 2014 - 14:56
Ferrari svetta, le altre inseguono moooooolto distanti... Non male per questo piccolo gruppo di 'emiliano-olandesi' (quest'ultimo appunto volutamente ironico è dedicato al tizio il cui nick fa rima con comica e c'è più di un perché a tale rima tutt'altro che forzata...)
Ritratto di romeo64
12 febbraio 2014 - 14:57
Le ferrari stanno davvero arrivando sempre più verso la perfezione, modello per modello il rapporto prestazionale, unito ai consumi, sempre più su!!! e non dimentichiamolo mai, di tenuta di valore nel tempo non ha eguali.
Ritratto di romeo64
12 febbraio 2014 - 14:57
Le ferrari stanno davvero arrivando sempre più verso la perfezione, modello per modello il rapporto prestazionale, unito ai consumi, sempre più su!!! e non dimentichiamolo mai, di tenuta di valore nel tempo non ha eguali.
Ritratto di Sbyro87
12 febbraio 2014 - 15:37
Sempre bellissima la California :-)
Ritratto di fedef
12 febbraio 2014 - 15:42
Le ferrari sono sempre speciali e forse ancor di più le cabrio. Credo abbiano migliorato molto il modello precedente sia a livello meccanico che estetico. Il posteriore è mille volte meglio ora! Inevitabile l'utilizzo del turbo che penso verrà adottato su tutti i nuovi modelli del futuro. L'immagine della F1 va usata!
Ritratto di fedef
12 febbraio 2014 - 15:49
Solo a me sembra che il posteriore, che ho gia detto essere molto meglio del precedente, ''sorrida'' un po troppo? Io avrei rivolto verso il basso i lati inclinati del quadrilatero scavato che contiene la targa. poi boh, parere mio eh..
Ritratto di jeremyinitaly
12 febbraio 2014 - 16:20
1
nn c'è che dire,l'unico punto debole era il motore,ma ora è perfetta!
Pagine