NEWS

Ferrari: la produzione aumenta

14 dicembre 2017

Il Cavallino accelera i tempi sull’aumento di produzione e potrebbe raggiungere nel 2018 l’obiettivo delle 9.000 auto.

Ferrari: la produzione aumenta

A VELE SPIEGATE - È nota da tempo l’intenzione della Ferrari di costruire più automobili e far crescere i guadagni, che l’amministratore delegato Sergio Marchionne sarebbe intenzionato a raddoppiare entro il 2022: per quella data il Cavallino dovrà produrre guadagni lordi (calcolati prima delle tasse e degli altri oneri finanziari) per circa 2 miliardi di dollari, secondo le previsioni, quando nel 2017 saranno circa 1,2 miliardi. Il primo passo verso questo obiettivo è l’aggiunta di un secondo turno lavorativo, stando alle anticipazioni raccolte dal sito internet Autonews, che le ha ottenute parlando con persone informate sui fatti. L’incremento della produzione consentirà alla Ferrari di raggiungere nel 2018 il traguardo delle 9.000 auto costruite.

VERSO LE 10.000 AUTO - La Ferrari costruirà 9.000 auto l’anno per la prima volta nella sua storia e raggiungerà questo obiettivo con un anno di anticipo rispetto alle previsioni iniziali, passando così dalle 8.014 auto vendute nel 2016, alle 8.400 stimate per il 2017 alle 9.000 del prossimo anno. L’aggiunta di un secondo turno a Maranello sarà un momento chiave nella strategia delineata da Marchionne, che punta a raggiungere nel corso di pochi anni l’obiettivo delle 10.000 auto. Per farlo aumenterà la produzione delle auto già in vendita e lancerà un nuovo modello: la Ferrari sta lavorando infatti ad una crossover più alta da terra rispetto alle coupé, attesa nel 2020 o 2021 e rivolta a persone che considerano troppo scomode e poco pratiche le varie Portofino, 488 GTB e 812 Superfast. 

Aggiungi un commento
Ritratto di AMG
14 dicembre 2017 - 13:13
Più numeri = meno esclusività. Non sempre è vero, non è una regola da considerare assoluta. Ma è senz'altro un fattore di cui tener conto. Spremere la "miniera" Ferrari per tiràre fuori utili da reinvestire in parti meno redditizie della FCA funziona solo in parte e comunque il gioco sta tutto nel COME farlo. Esempio-chiave: Maserati. L'aumento dei volumi del marchio di Modena non è stato accostato da livelli di prodotto eccezionali. Il tutto si poteva fare MOLTO meglio ed il risultato è che il marchio ci ha perso. Questo è innegabile, anche se ai più può anche andar bene quello che è stato fatto.
Ritratto di tramsi
14 dicembre 2017 - 14:45
Nella gestione della Ferrari si son succedute 2 direttive totalmente opposte: da una parte l'out di Montezemolo al superamento dei 7000 esemplari all'anno e di suv o berline estranee al DNA Ferrari, dall'altra l'incremento della produzione (si parlava di almeno 10.000 esemplari, il 50% in più) e l'esplorazione di nuovi segmenti indicata da Marchionne. Credo che con anche con 10.000 unità il prodotto rimanga comunque esclusivo.
Ritratto di Sepp0
14 dicembre 2017 - 15:33
In questo caso, SE ci si ferma a 10.000 l'anno, l'unica cosa col segno meno saranno i tempi di attesa biblici.
Ritratto di torque
15 dicembre 2017 - 12:50
Sono d'accordo sia con te AMG che con Sepp0: fino a che si rimane entro la soglia delle 10mila auto, l'esclusività non ci rimetterà molto, ma in compenso le consegne si accorceranno. Vero che bisogna darsi dei limiti e che, se arrivare a quella cifra dev'essere la scusa per fare spazio al suv o crossover come vogliono chiamarlo, restiamo a 8 mila che è meglio.
Ritratto di Gianpietro67
15 dicembre 2017 - 12:58
Ciao a tutti, mi permetto si esprimere il mio parere. Sono d'accordo con AMG, più numeri meno esclusività. Il prestigio non è nella quantità, ma nella QUALITÀ. Le auto blasonate ovviamente si fanno aspettare, per il discorso SUV si è perso a mio avviso il vero DNA sportivo. Ok i nuovi orizzonti, le nuove tendenze ecc... Le forze andrebbero indirizzate tutte in F1, non ad aumentare la produzione.
Ritratto di Fr4ncesco
14 dicembre 2017 - 13:50
Crossover più alto da terra, non si parla ancora di SUV. Chissà cosa ci riservano e chissà a quante porte, visto che hanno sempre rifiutato le 4, e soprattutto chissà da quale pianale. Una specie di SUV 2 porte su base FF sarebbe molto esclusivo.
Ritratto di The Krieg
14 dicembre 2017 - 22:09
Io mi aspetto un'auto con una filosofia simile a quella della Giugiaro Parcour (che trovo meravigliosa).
Ritratto di Fr4ncesco
15 dicembre 2017 - 14:01
Spero non useranno il pianale del Levante, non per il pianale in sé ma perché sarebbe una soluzione banale per la tipologia di auto.
Ritratto di lucios
15 dicembre 2017 - 07:02
4
Prima diceva che si doveva produrre di meno per l'esclusività, mo' si aumenta la produzione! Mah?!?!?!? Non ho mai visto tanti cambiamenti di piano negli anni come in questo gruppo!
Ritratto di Luzo
15 dicembre 2017 - 10:42
tu consci bene i piani di tutti gli altri costruttori ? e quello dei 7000 pezzi/anno dove era scritto? in un atto in un bilancio sulle tavole della legge o erano parole di lcdm peraltro da contestualizzare? oggi , nel 2017 , i mercati sono molto diversi da quelli di solo 5 anni fa, le richieste di auto supersportive è cresciuta esponenzialmente , basta leggere le news quasi ogni giorno ci sono marchi e marchetti che sbucano dal nulla proponendo vetture da prezzi spesso milionari ( a cui magari non corrispondono contenuti di pari valore).....se non si snatureranno fanno benissimo a darne di più al mercato, l'esclusività resterà comunque sia nel prodotto raffinato che nelle varie possibilità, per i veryrich di accedere a programmi personalizzati quando non a quello ' one-off'. Comunque sia non ricarrozzeranno a coupè un gran cherokee.........
Pagine