NEWS

Fiat Tipo: arrivano le Mirror e Street

6 novembre 2018

La casa torinese annuncia due nuovi allestimenti per la Fiat Tipo: Mirror, votato alla multimedialità e Street, dallo stile più grintoso.

Fiat Tipo: arrivano le Mirror e Street

TELEFONO CONNESSO - Si contraddistinguono per lo spirito giovanile i due nuovi allestimenti in arrivo per la Fiat Tipo, che sono disponibili nella versione “connessa” Mirror e in quella dal look più sportiveggiante Street. L'allestimento Mirror (foto qui sopra) è già previsto sulle Fiat 500 e 500L, dove punta sulla multimedialità, grazie ai sistemi Apple CarPlay e Android Auto compresi nel prezzo: in questo modo è possibile utilizzare alcune app installate sul telefonino tramite lo schermo a sfioramento di 7” nella consolle. La Fiat Tipo Mirror è dotata inoltre di cerchi di 16” ad effetto diamantato, del logo Mirror sul montante centrale e di alcuni particolari ad effetto cromato, come i gusci degli specchietti laterali, le maniglie, il profilo della mascherina e la cornice dei fari fendinebbia. Optional la vernice specifica blu Venezia ed i servizi Mopar Connect, che permettono ad esempio di ricordarsi dove si è parcheggiato e di vedere dallo smartphone il livello del carburante o lo stato di carica della batteria.

QUATTRO MOTORI - La Fiat Tipo Street (foto qui sopra) punta sullo stile, grazie ai vetri laterali oscurati e una lunga serie di particolari neri, a partire dai cerchi di 16” (ad effetto lucido) fino ai gusci degli specchietti, alla mascherina, alle maniglie e all'alloggiamento dei fari fendinebbia. Non mancano i loghi specifici. La versione Street è basata sul primo livello di allestimento, quindi il prezzo dovrebbe rivelarsi accessibile. Gli allestimenti Mirror e Street saranno presto ordinabili per le Fiat Tipo berlina a quattro porte, cinque porte e Station Wagon, con i motori a benzina 1.4 da 95 CV e 1.4 da 120 CV, oltre ai diesel MultiJet 1.3 da 95 CV e 1.6 da 120 CV. Optional il cambio automatico doppia frizione DCT.

Fiat Tipo
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
180
132
81
43
73
VOTO MEDIO
3,6
3.595285
509
Aggiungi un commento
Ritratto di gjgg
6 novembre 2018 - 13:55
1
Ma di firefly non se ne parla? Insomma bisogna proprio penare nell'attesa per eventuali versioni 150-180HP
Ritratto di Luzo
6 novembre 2018 - 14:28
Nonbci sarà quel motore sul la tipo, perché fra un po non ci sarà più nemmeno la tipo
Ritratto di gjgg
6 novembre 2018 - 14:31
1
Sarebbe un caso anomalo in famiglia, generalmente un modello se lo tengono in casa per non meno di una decina d'anni.
Ritratto di Rikolas
6 novembre 2018 - 15:17
E' un modello economico di fascia bassa, chi la compra non cerca prestazioni ma solo praticità, spazio ed economicità. Se vuoi una macchina più prestazionale prendi una Giulietta, non una Tipo. Ergo una versione oltre i 120cv non avrebbe alcun senso.
Ritratto di Niak97
6 novembre 2018 - 17:50
1
"Se vuoi una macchina più prestazionale prendi una Giulietta" AHAHAHAHAHAHAH, praticamente la Fiat Tipo è una Dacia, mentre l'Alfa Romeo Giulietta è una Fiat (Dovrebbero soltanto cambiarle nome in Fiat Bravo)
Ritratto di zero
6 novembre 2018 - 18:44
11
Che ci avrà poi la Giulietta in comune con la Bravo... Boh? In ogni caso, la Giulietta non sarà certo aggiornatissima sul piano multimediale e soprattutto gli interni avrebbero bisogno di una rinfrescata profonda, ma meccanicamente e su strada se la cava ancora egregiamente.
Ritratto di Eccomi di nuovo
7 novembre 2018 - 11:20
Meccanicamente e su strada se la cava egregiamente anche la Sandero
Ritratto di gjgg
7 novembre 2018 - 13:38
1
L'anno scorso vinse il sondaggio di AV nella categoria piacere di guida, la Giulietta. Se non erro
Ritratto di Eccomi di nuovo
7 novembre 2018 - 16:03
Posso gentilmente avere il link di tale sondaggio sul piacere di guida, in modo da sbellicarmi dalle risate, già il tuo intro fa morire dal ridere ahahahahahahaha
Ritratto di gjgg
7 novembre 2018 - 22:00
1
Al Volante n. Marzo 2018 pag. . Anzi per la precisione prima alla voce "prestazioni". Io comunque avrei detto più Giulia anche l' anno scorso, ma in democrazia la maggioranza vince
Pagine