NEWS

Finti autovelox? “Illegittimi”, dice il ministro

19 marzo 2014

Sul suo blog, il ministro dei Trasporti Maurizio Lupi esprime parere negativo sui falsi autovelox usati dai comuni: non sono in regola e possono costituire un pericolo.

Finti autovelox? “Illegittimi”, dice il ministro
ENNESIMO NO - Avete presente i finti autovelox, ossia i box di varia foggia e colore (ma senza telecamera all’interno) che sempre più spesso trovate ai bordi delle strade urbane? Non sono validi. Lo hanno già stabilito ben nove pareri ministeriali. E stavolta a dirlo è il blog di Maurizio Lupi, ministro dei Trasporti. Che ha scritto al presidente dell’Anci (l’associazione dei comuni), Piero Fassino, ribadendo il suo parere negativo sui “dissuasori di velocità”, il cui uso si va diffondendo in numerose città. I finti autovelox sono dispositivi costituiti da contenitori vuoti in materiale plastico (spesso di colore arancione, e con l’etichetta “Speed Check” o "Velo OK"), che vengono posti a margine della strada con il dichiarato intento di condizionare la velocità dei veicoli: l’obiettivo è dissuadere dal correre. Per il ministro dei Trasporti, però, non sono inquadrabili in alcuna delle categorie di dispositivo o di segnaletica previste dal vigente codice della strada, e neppure sono suscettibili di omologazione né di approvazione o autorizzazione. 
 
PERICOLOSI - Il ministro, sul blog, avverte che i finti autovelox possono anche costituire un pericolo: “La loro eventuale dislocazione a bordo strada dovrebbe considerare la possibilità che tali manufatti possano costituire ostacolo fisso, ancorché posti al di fuori della carreggiata”. Ma allora, perché i comuni, dopo nove pareri negativi, continuano a tenere questi box a bordo strada? Intanto perché la legge, in materia, non è chiarissima, ed è soggetta a numerose interpretazioni. Inoltre, tutti i pareri, in quanto tali, non sono vincolanti. Vedremo adesso, dopo le parole del ministro sul blog, se quei box continueranno a stare a bordo carreggiata.
Aggiungi un commento
Ritratto di Fabry79
19 marzo 2014 - 16:48
1
La scorsa settimana ero a circa 50 mt dietro ad una 500, la cui guidatrice ha pensato bene di inchiodare e quasi fermarsi (è passata da circa 90 km/h a 15/20 km/h) davanti ad un finto autovelox, in un tratto dove c'è il limite dei 70. Ho inchiodato anche io e se non fosse stato per la distanza, l'avrei tamponata. A parte insegnare a guidare a molte persone, reputo servano solo a creare molta confusione e delle situazioni di pericolo per gli altri che seguono.
Ritratto di Flavio Pancione
19 marzo 2014 - 17:11
7
sentenza del ministro per capirlo?!?! E' ridicola la gestione delle strade, compresi i personaggi che ci sono attorno. Io ci campo nella mia zona con autovelox finti, di una pericolosità immane (pure se fosse realmente funzionante) . E' assurdo piazzare autovelox col limite di 80 in rettilineo su raccordi a due corsie , per di più in leggera discesa. Risultato? un infinità di brusche frenate che mettono in pericolo chi segue. Inoltre ormai il raccordo è tempestato da un traffico non indifferente per via del terrore dell'autovelox col limite ridicolo. Fortunatamente la voce si è sparsa che non c'è nulla dentro e si viaggia più tranquilli, ma non mancano situazioni di pericolo , per chi spaventato dal prendere la multa frena anche più del dovuto . Almeno alzate il limite, sarebbe insostenibile quell'andatura..
Ritratto di Flavio Pancione
19 marzo 2014 - 17:18
7
per spennarci, facendo la multa al padre di famiglia (che va a lavoro o che torna tardi la sera) che sta a 100 invece di 80 non si va proprio da nessuna parte... La maggior parte di questi dispositivi soprattutto i mobili sono strategicamente posizionati per fare più multe e non per la sicurezza . Addirittura la stradale vedo che si posiziona con l'auto col portellone del bagagliaio alzato per non far vedere il lampeggiante, con l'autovelox e i poliziotti rigorosamente nascosti dietro l'auto per non farsi vedere.. a me viene da ridere.
Ritratto di PariTheBest93
19 marzo 2014 - 18:45
3
Dal primo rigo sembra tu abbia beccato una multa :) Comunque considera che i comuni hanno un tot di soldi che sono previsti proprio dai guadagni delle multe, cioè basandosi sulla fiducia di una pessimo comportamento stradale della gente...
Ritratto di Flavio Pancione
19 marzo 2014 - 20:09
7
ahaha e soprattutto non sono padre di famiglia :)
Ritratto di PariTheBest93
19 marzo 2014 - 20:18
3
No no intendevo tu commetti l'infrazione e la multa arriva a tuo padre ;)
Ritratto di Flavio Pancione
19 marzo 2014 - 20:42
7
è tutto intestato a lui :) e poi sono ancora neopatentato haha ( per qualche giorno ancora) mi leverebbero il doppio dei punto se dichiaro di aver fatto un infrazione, o sbaglio??
Ritratto di PariTheBest93
20 marzo 2014 - 10:37
3
Beh mettiti una targa tedesca ;) Comunque non sbagli è come dici te! Ieri ne hanno parlato a "Le Iene" di questa faccenda...
Ritratto di Carlo Recla
19 marzo 2014 - 18:24
Forse sarebbe opportuno chiedersi come mai con denaro pubblico siano stati acquistati a prezzi sapientemente gonfiati scatoloni vuoti di scarso valore: sarebbe opportuno indagare sui metodi utilizzati dall'ufficio marketing del produttore per convincere le amministrazioni comunali a strapagare oggetti palesemente inutili. Ma non c'è speranza: Al Volante ci ha rivelato che è stata insabbiata la causa relativa alla vergognosa procedura di abbassare i tempi del giallo semaforico per fare più multe: evidentemente per la Magistratura è legittimo farlo, così come nessuno dice niente sulle continue riduzioni dei limiti di velocità nonostante i progressi tecnici delle nostre auto, riduzioni che consentono incassi enormi a comuni sempre più spregiudicati.
Ritratto di wiliams
19 marzo 2014 - 18:46
Gli ITALIANI sono solo capaci di lamentarsi su tutto,i veri AUTOVELOX non vanno bene,i finti AUTOVELOX nemmeno,se i VIGILI o la POLIZIA STRADALE si "nascondono" con il VELOX non va (giustamente) bene,se si mettono degli innocui VELOX che servono come deterrente nemmeno questi vanno bene,insomma ditelo chiaro e tondo che volete fare i 130 Km/h anche in Città,magari con il telefonino in mano e con l altra la sigaretta,ovviamente dopo aver bevuto uno o due litri di birra......alla faccia di pedoni,biciclette e vita degli altri.
Pagine