NEWS

Ford Expedition: più leggera e confortevole

8 febbraio 2017

Nuova generazione per la suv Expedition che impiega alluminio per la carrozzeria, perdendo 140 chili e ottenendo maggiori contenuti di serie.

Ford Expedition: più leggera e confortevole

PIÙ LEGGERA - La quarta generazione della Ford Expedition arriverà nei concessionari statunitensi dall’autunno 2017 e sancisce un grande passo avanti rispetto alla precedente, ormai datata rispetto alla concorrenza. La nuova suv vede il passaggio alla carrozzeria in alluminio, come già avvenuto per l'edizione più recente del fortunato pick-up F-150, in maniera da tagliare i pesi e migliorare la qualità della vita a bordo. Nel caso dell’Expedition i 140 chili in meno vengono bilanciati da numerosi contenuti non disponibili finora, a partire dalla seconda e terza fila ripiegabili alla pressione di un tasto, che renderanno la suv ancora più comoda e pratica: la Ford Expedition rientra infatti nella categoria delle suv grandi, lunghe circa 520 cm e indicate per le famiglie numerose e i viaggi a pieno carico. In Europa non verrà importata.

SALTO DI QUALITÀ A BORDO - Le novità della nuova Ford Expedition si trovano anche in materia di tecnologie per l’assistenza alla guida, complice la presenza di tutti i sistemi più evoluti e sofisticati: fra questi ci sono le telecamere di parcheggio a 360°, il sistema che mantiene l’auto nella corsia di marcia e il regolatore di velocità adattivo con funzione stop and go, capace di gestire l’auto nei frangenti di guida in colonna. Nell’abitacolo si trovano invece una superficie per ricaricare senza fili gli smartphone, la connettività ad internet, il sistema multimediale per i passeggeri delle file posteriori, sei ingressi usb per ricaricare gli smartphone e il sistema Sync 3 nella plancia, dotato delle connettività Apple CarPlay e Android Auto. 

SOLO MOTORE V6 - Per quanto riguarda i motori che si aspetta di trovare sotto il cofano della Ford Expedition un poderoso V8 a benzina, come del resto avviene per la rivale Chevrolet Tahoe, rimarrà deluso. L’unico motore disponibile è il benzina V6 EcoBoost turbo da 3.5 litri con 365 CV, abbinato al cambio automatico a 10 marce. Grande attenzione è stata posta alla marcia con un rimorchio al traino: la Ford stima che il 15% delle persone che acquistano l’Expedition viaggi insieme ad un rimorchio almeno 1 volta a settimana o al mese.

Aggiungi un commento
Ritratto di Fr4ncesco
8 febbraio 2017 - 11:35
Tipico modello americano, finalmente è arrivato quello nuovo, moderno e tecnologico. L'unica cosa che non gradisco è la mancanza del V8: Ford in questo ambito è un po' drastica col downsizing, vedi anche l'F-150, il V6 sulla Mustang e l'assenza di un 4 cilindri benzina sulla nuova Fiesta. Per il resto gran bella macchina, è una tipologia quella dei full-size che mi piace molto, ovviamente insensata qui da noi ma adatta agli USA. La linea è molto gradevole, sufficientemente massiccia ma elegante e il frontale anche sportiveggiante. Gli interni ripredono lo stile esterno. Nel complesso molto appagante. Adesso si attende la versione Lincoln, anche se già la versione Platinum è lussuosa.
Ritratto di M93
8 febbraio 2017 - 12:06
Ford Expedition '18 - Che dire, un truck in puro style americano: il design è imponente e squadrato, ma trovo che sia al contempo (visto il genere di mezzo) piacevole. Peccato per la perdita di un caposaldo della tradizione motoristica statunitense, ovvero il motore V8.
Ritratto di luperk
8 febbraio 2017 - 12:37
il suv ford che più di tutti necessitava un aggiornamento. Ben riuscita
Ritratto di LOL25
8 febbraio 2017 - 13:33
Dopo 50 anni anche gli americani stanno imparando che non serve a niente avere dei 5.0 V8 con 150 cv sotto il cofano, meglio tardi che mai
Ritratto di luperk
8 febbraio 2017 - 16:09
Veramente i motori americani da 20-30 anni a questa parte hanno sempre avuto sia la cubatura che la potenza superiore ai macinini europei ed alle stranezze giapponesi. Tutto molto proporzionato. Esempio: Lincoln Aviator 2002 4.6 305hp Lexus GX470 4.7 2002 235hp Land rover discovery 2002 4.6 220hp GMC envoy 2002 4.1 275hp Volkswagen touareg 2002 4.2 305hp
Ritratto di Fr4ncesco
8 febbraio 2017 - 16:28
In realtà in condizioni normali i motori americani sono più efficienti degli altri, visto che hanno un margine di cubatura più ampio in cui lavorare rispetto agli iperpompati europei, che in realtà consumano di più e sono meno affidabili. Infatti c'è un inversione di trend verso l'upsizing. Penso che l'unico vantaggio dei motori piccoli sia nella leggerezza dell'unità. Sicurmente un 1.0 nel cofano rende l'avantreno più leggero negli inserimenti rispetto un 2.0.
Ritratto di AlexTurbo90
8 febbraio 2017 - 22:52
@Francesco Concordo in toto! Per quanto riguarda l' ultimo punto però, direi che anche un 1.5 è comunque più leggero sull' avantreno rispetto a un 2.0. Certo, la differenza non sarà abissale, ma è comunque facilmente percepibile. Almeno per quanto riguarda le auto a trazione anteriore. Per esempio, mi è capitato diverse volte di guidare la mia auto (1.4 turbo-benzina) su qualche strada di montuosa o collinare, e gli inserimenti in curva sono sempre stati molto rapidi. Diversamente, alcune volte ho provato tre auto di miei amici sulle stesse strade, tutte con 2.0 diesel sotto il cofano tutte a TA. La lentezza in inserimento di curva (rispetto alla mia) si sentiva! :)
Ritratto di AlexTurbo90
8 febbraio 2017 - 23:12
P.S: Sarei favorevole al downsizing (moderato però, non che mi ficchi un frullatore 1.0 a 3 cilindri sotto il cofano di una hatcback) soltanto per questo aspetto del minor peso sull' avantreno, che è una cosa che contribuisce a migliorare la dinamica di guida di un auto a trazione anteriore.
Ritratto di AlexTurbo90
8 febbraio 2017 - 23:16
P.P.S: Ovviamente nella mia disamina non prendo in considerazione le "hothatch" perché esse hanno un assetto molto più rigido rispetto alle versioni normali, quindi compensano ampiamente il peso maggiore davanti.
Ritratto di Fr4ncesco
9 febbraio 2017 - 11:10
Si esattamente, intendevo proprio quello. E un 3 cilindri al massimo su un'utilitaria (tenendo conto che l'effetto frullatore col tempo si sta attenuando). Tutto in relazione alla massa dei veicolo cercando quanto più di mantenere un certo equilibrio.
Pagine