Francoforte 2009 - BB1, la mobilità urbana secondo la Peugeot

15 settembre 2009

La BB1 è il prototipo di una "vetturetta" elettrica da città. Questa citycar di 2,5 metri ha quattro posti e i motori nelle ruote posteriori, una soluzione che permette una buona abitabilità, secondo la Casa del Leone.

2,5 METRI E QUATTRO POSTI - In principio era la Smart, poi arrivò la Toyota iQ e ora la Peugeot. La Casa francese ha presentato oggi a Francoforte il prototipo di una vetturetta elettrica da città chiamata BB1. In 2,5 metri di lunghezza è in grado di accogliere quattro persone. Pensata per rendere confortevole la mobilità in città, questa BB1 ha un raggio di sterzata di 3,5 metri.

COME SU UNA MOTO
- La disposizione dei passeggeri è stata pensata ispirandosi al mondo delle due ruote. Esattamente come su una moto, il passeggero posteriore è seduto con le gambe che “circondano”  la vita di chi sta davanti. Lo stesso avviene per i passeggeri anteriori e posteriori che stanno a destra dell'abitacolo. In pratica gli occupanti stanno seduti come se fossere sulla sella di una moto.

peugeot_bb1_02.jpg
Sulla BB1 al posto del volante c'è un manubrio tipo quello delle moto (non ci sono nemmeno i tradzionali pedali di acceleratore e freno).

 

DENTRO SI TRAFORMA - L’accesso degli occupanti è facilitato dall’apertura delle porte al contrario, mentre l’accesso al bagagliaio avviene mediante un portellone e uno sportello hobby. Gli interni si trasformano, a seconda delle necessità, per offrire un volume di carico da 160 litri (con 4 occupanti) a 855 litri (con una sola persona a bordo).

Dentro è un trionfo di superfici vetrate e il tetto è caratterizzato da una doppia bombatura, esattamente come sulla coupé RCZ. Non mancano nemmeno sistema multimediale e telecamera di parcheggio, strumenti sempre più comuni anche sulle vetture di serie.

I MOTORI NELLE RUOTE DIETRO - La buona ergonomia interna, secondo la Casa francese, è garantita dal sistema di propulsione elettrica sviluppato con Michelin. I due motori elettrici della BB1 sono all'interno delle ruote posteriori e ciascuno eroga una potenza di 20 cavalli, quanto basta, secondo Peugeot, per viaggiare in città. Le batterie sono poste sotto i sedili e garantiscono una autonomia di 120 km, un valore reso possibile anche dal peso della vettura che non supera i 600 kg.

HA I PANNELLI SOLARI SUL TETTO - Con i pannelli solari sul tetto, la BB1 garantisce il funzionamento di tutti i sistemi di bordo anche quando è ferma. Le celle fotovoltaiche della BB1 utilizzano una tecnologia di nuova generazione, studiata in collaborazione con la fondazione Ocean Vital che è impegnata nello sviluppo di tecnologie pulite.

Aggiungi un commento
Ritratto di Chicolatino
15 settembre 2009 - 12:24
é una smart mal riuscita ne carne ne pesce; poi che gusto c'é ad avere un auto che non ha il volante??????. i pannelli solari c'é li ho in giardino!!!!
Ritratto di salvospak
15 settembre 2009 - 12:59
E' semplicemente un PROTOTIPO.. Stai tranqu ke peugeot nn metterà in commercio qsta vettura.. Cmq i pannelli solari sono 1 soluzione moderna, ma costosa ke x adesso nn c sarà sicuam in qsto tipo d auto..
Ritratto di salvospak
15 settembre 2009 - 12:59
E' semplicemente un PROTOTIPO.. Stai tranqu ke peugeot nn metterà in commercio qsta vettura.. Cmq i pannelli solari sono 1 soluzione moderna, ma costosa ke x adesso nn c sarà sicuam in qsto tipo d auto..
Ritratto di Montanelli
15 settembre 2009 - 13:11
Mah, non si capisce bene qual è il muso e qual è la coda...però quattro posti in 2,5 metri è un ottimo risultato; la smart ne ha solo 2.
Ritratto di x_HUNTER_x
15 settembre 2009 - 17:42
e uno skifo
Ritratto di roscuhome
15 settembre 2009 - 20:53
Ok ci saranno in questo prototipo anche dei validi contenuti tecnologici ma a mio giudizio è inammissibile racchiuderli in un concetto il cui impatto visivo è semplicemente ABERRANTE! E' inguardabile, ma che volete i francesi con il design proprio non ci sanno fare!
Ritratto di salvospak
15 settembre 2009 - 22:16
x qnto riguarda il design, gli italiani di caa FIAT c sanno fare ancora meno.. nn so, guarda una punto evo cn una 207, una bravo cn qualunque altra auto del segmento C.. ecc..
Ritratto di roscuhome
16 settembre 2009 - 21:24
Non hai considerato che parlando di design italiano non si deve ricadere sempre e solo sul nome FIAT, in casa ns c'è molto di più, ti sei forse dimenticato di marchi quali ALFA, LANCIA (che pur facendo capo a Fiat ha comunque sempre uno spirito proprio e ben distinto) e poi LAMBORGHINI ma soprattutto FERARRI e detto questo è detto tutto. FERRARI è uno dei marchi + prestigiosi e + invidiati e desiderati al mondo (non solo per i contenuti dinamici e progettuali ma proprio per il "design"). Non è per spirito patriottico ma penso proprio che parecchi costruttori di tutto il mondo abbiano molto da imparare da noi italiani.
Ritratto di salvospak
16 settembre 2009 - 22:22
Stai parlando d categorie d auto COMPLETAMENTE DIVERSE!! Anzi direi di +! Hai dimenticato di nominare MASERATI, simbolo estremo nel campo dl design! cmq nominando Ferrari il "soprattutto" propio non c sta, xk se la mettiamo sul piano di tecnologie, aerodinamica, lusso, e soprattutt disegno esterno ed interno la LAMBORGHINI è migliore della blasonata FERRARI! Poi è indubbio ke abbiamo in italia disegnatori invidiati in tutto il mondo, ma x qnto riguarda i paragoni FIAT-PEUGEOT, FIAT-OPEL, FIAT-VW, le case straniere hanno SEMPRE la meglio.. La FIAT è l'unica casa italiana della quale nn mi vanto affatto di essere di "stessa nazionalità"..
Ritratto di roscuhome
17 settembre 2009 - 21:09
Non sto parlando di auto ma semplicemente di "made in italy" e in 48 anni ne ho vissuta parecchia di storia su questo argomento, posso sicuramente riconfermate tutto ciò che ho espresso nei miei commenti precendenti, gli altri che hanno giudicato questo prototipo si sono tutti espressi come me molto negativamente a riguardo come puoi ben vedere, tu per ora sembri esser l'unico a prenderne le difensive, il cosiddetto "Bastian contrario"; non è affatto vero poi che Fiat ha sempre la peggio su altri marchi come quelli che hai menzionato e la crisi nel settore automobilistico che da 1 anno imperversa lo dimostra, tant'è che ad esempio OPEL e talmente malridotta che per poco Fiat se la compra.
Pagine